Cerca

lettere al direttore

L'Imbeccata

News da Radio 105

Rihanna manda Parigi nel caos

Rihanna manda Parigi nel caos

Rihanna manda Parigi nel caos. La capitale francese è letteralmente impazzita per la popstare delle Barbados. Rihanna aveva invitato i suoi ......

 

ascolta ora

Radio 105

E Patroni Griffi paga la casa al Colosseo meno di Scajola

Il ministro ha comprato a 177mila euro un appartamento con vista . L'ex ministro dello Sviluppo ne spese 6o0mila

E Patroni Griffi paga la casa al Colosseo meno di Scajola

Governo tecnico, politico, di salvezza nazionale o votato dai cittadini, alla fine sempre in una casa si va a sbattere. Il pallino degli italiani di possedere quattro mura non è certo un mistero. Oltre il 70% della popolazione vive infatti in un immobile di proprietà. E ci mancherebbe che i ministri facessero eccezione. Ciò che stupisce, invece, è che il prezzo delle case sembra essere inversamente proporzionale a reddito o alla posizione sociale. Non è cosa nuova che l’attuale ministro della Funzione pubblica, Filippo Patroni Griffi, oltre a cumulare una serie di incarichi e emolumenti (consigliere di Stato e ministro, e fino al 28 novembre 2011 anche componente della Civit), è stato tanto fortunato da poter acquistare nel 2008 al prezzo di 177mila euro un appartamento (interno 3 primo piano) vista Colosseo. Secondo la magistratura Scajola nel 2004 pagò 600mila euro. Gli altri soldi (1.100.000 euro) secondo i magistrati vennero versati dall’imprenditore Diego Anemone.

Il prezzo d’acquisto super scontato - reso noto ieri dal quotidiano “Il Fatto” - non è però sottoposto ad indagini da parte della magistratura come è successo al dirimpettaio, l’ex ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola. Piuttosto è frutto proprio di una vertenza legale tra i 40 affidatari degli appartamenti da parte dell’Inps e il ministero dell’Economia. Nel 1999 - per incassare quattrini - si decise un maxi piano di vendite. Gli inquilini (e Patroni Griffi lo è dal 1986), tutti gli inquilini Inps ebbero la facoltà di acquistare a sconto se l’intero immobile veniva venduto in blocco. E lo sconto totale ammonta al 45% per gli edifici popolari. Peccato che al ministero dell’Economia Giulio Tremonti a passare da scemo proprio non ci tenga. E far pagare un palazzo vista Colosseo come se fosse una stamberga a Tor Pagnotta, non ci riesce neppure il più ironico dei tecnici erariali. Ne nasce un contenzioso legale infinito. Gli inquilini - tra cui anche l’ex sindacalista e deputato PdL Giuliano Cazzola - non ci stanno ad acquistare senza lo sconto per i palazzi popolari. Anche perché l’Inps da decenni non effettua alcuna manutenzione e anche oggi l’immobile appare molto decadente.  Con l’assistenza dell’avvocato Carlo Malinconico, oggi sottosegretario all’Editoria a Palazzo Chigi, gli inqulini conducono una battaglia legale con passaggi e pareri anche al Consiglio di Stato, dove, è bene ricordarlo, Patroni Griffi è arcinoto presidente di sezione.

Insomma, nel 2008 gli inquilini la spuntano sul ministero del Tesoro e sul buon senso. Riescono infatti a dimostrare che il palazzone umbertino vista Fori Imperiali e Anfiteatro Flavio è poco più che una casa popolare. Bello non è, però solo il terreno delle fondamenta in quella zona e con vista mozzafiato vale una fortuna. Secondo “Il Fatto” l’immobile - come pure l’appartamento da 109 metriquadri del ministro - è accatastato “A4”, ovvero tra le 13 classi del Catasto “casa popolare”. Ora i condomini stanno pagando una costosa ristrutturazione ma giudicare dalla qualità dei marmi bianchi e neri non è che abbiano badato a spese. Certo c’erano problemi all’impianto idraulico, ai termosifoni centralizzati. Ma nulla che non si possa aggiustare. Insomma, il palazzo non è da buttar giù. Ultima nota: secondo il quotidiano e consultando i residenti della zona con l’Inps i contratti di locazione nel periodo 1998/1999 non superavano i 900/1.000 euro al mese. Ora l’appartamentino di Patroni Griffi è stato affittato. Prezzo? Non dichiarato. Però in quella zona immobili simili si affittano a circa 3mila euro al mese. Chissà che il ministro non ci paghi il mutuo con la rendita.

di Antonio Castro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • federico61

    10 January 2012 - 22:10

    guardiamo il lato positivo: quando ci aumenteranno i valori catastali potremo impugnarli legittimamente portando come termine di confronto la casetta con vista colosseo del valore di soli 177 mila euro. quale casa, a parità di metri, potrà valere di più se ubicata in luoghi meno prestigiosi della capitale?

    Rispondi

  • brossi

    10 January 2012 - 17:05

    Aaaaaporcoooooooo

    Rispondi

  • ferro942

    10 January 2012 - 12:12

    Ecoo perché dobbiamo pagare tante tasse, ecco chi mette le mani nelle nostre tasche!!! Questo patrimonio immobiliare, faticosamente costruito con i nostri contributi e nio quelli dei vari Cazzola, Patroni Griffi, Scajola ecc doveva garantire le nostre pensioni. Faccio una proposta: che le pensioni ce le pahino quelli che hanno acquistato ma prezzi stracciati beni nosrtri!!!

    Rispondi

Shopping

blog