Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Bonus per i disoccupati: 1.100 euro al mese

Il ministro Fornero annuncia alle parti sociali i nuovi ammortizzatori dal 2015: 15 mesi per assunti non a tempo indeterminato

Bonus per i disoccupati: 1.100 euro al mese

Un assegno di 1.100 euro per i disoccupati: è il progetto di ammortizzatori sociali presentato dal ministro del Welfare Elsa Fornero alle parti sociali, in occasione del tavolo sulla riforma del lavoro con i leader sindacali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl  e il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia. "Cominciamo nel 2012 e andremo a regime nel 2015", ha annunciato Fornero, precisando che la cassa integrazione straordinaria "resta e non scompare". A decadere sarà solo la "causale per cessazione di attività".

L'assicurazione sociale - Entro il 23 marzo, ha dichiarato Fornero, governo e parti sociali troveranno l'accordo sulla riforma del lavoro. In questo senso, l'introduzione dell'assicurazione sociale sembra un passo in avanti per vincere le opposizioni di Cgil e Susanna Camusso in particolare. Il bonus disoccupazione dovrebbe andare a sostituire le attuali indennità di mobilità, gli incentivi di mobilità e disoccupazione per apprendisti, l'una tantum per i Co.co.pro. Il nuovo strumento si applicherà a tutti i lavoratori dipendenti privati e pubblici assunti con contratti non a tempo indeterminato. Come requisiti servono due anni di anzianità assicurativa del lavoratore e almeno 52 settimane di lavoro negli ultimi 2 anni. L'assegno durerà 12 mesi (15 mesi per i lavoratori sopra i 58 anni) e dovrebbe raggiungere un importo medio di 1.119 euro. Dopo i primi sei mesi l'importo si abbasserà del 15% e di un altro 15% dopo altri sei mesi. L'aliquota contributiva dovrebbe invece aggirasi intorno all'1,3%, 1,4%  in più per i lavoratori non a tempo indeterminato.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    13 March 2012 - 15:03

    ..i bonus e le sue politiche sociali devono essere ad uso esclusivo dei lavoratori italiani e non elargirli a tutta la comunita' europea. Quando si vogliono fare queste modifiche pesanti sul sistema sociale queste devono essere solo a favore dei cittadini italiani...............poi e poi si potranno anche applicarsi chi viene in italia ma dopo anni e anni alla 5 generazione puo' essere identificato come cittadino italiano. NON CI PROVI ATOCCARE I NOSTRI SOLDI SUL FONDO INPS " TFR" e tantomeno sui NOSTRI FONDI PENSIONI per sperperarli su gente che non centra un bel cavolo con la NOSTRA AMATA ITALIA.

    Rispondi

  • liberi_tutti

    13 March 2012 - 09:09

    Quindi, prendiamo una barca o un treno, raggiungiamo l'Italia, lavoriamo il minimo indispensabile, poi licenziamento. Così per i successivi 15 mesi circa, facciamo finta di essere disoccupati (qui in Italia o anche all'estero, una volta rientrati in patria?). Spero veramente di non aver capito niente dell'articolo o di questa proposta perché non ci sarebbero più dubbi: il prossimo default è quello dell'Italia.

    Rispondi

  • smetre

    13 March 2012 - 07:07

    Io mi dimetto e divento disoccupato

    Rispondi

  • rotic

    13 March 2012 - 06:06

    nel 2015 verrà erogata per 3 anni visto che la Fornero stà bene economicamente andremo da lei a pranzare. per favore sono tutte riforme del cavolo.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Shopping