Cerca

Il bicchiere mezzo vuoto dell’Europa

Mattias Mainiero risponde a Fulvio Danesi

2
Il bicchiere mezzo vuoto dell’Europa

Caro Mainiero, l’Europa apre i cordoni della borsa e rende disponibili cento miliardi di euro per gli istituti di credito spagnoli. E il giorno dopo Piazza Affari affonda e lo spread risale alle stelle. Però, tutti gli economisti giudicavano positiva la notizia dei cento miliardi di euro. Ma allora, cosa dicono e cosa sanno questi economisti? Sono diventati tutti ignoranti? Pazzi? Mi dica lei.

Fulvio Danesi

e.mail

E’ la solita storia, caro Danesi: il bicchiere che è mezzo vuoto e mezzo pieno. Dipende. Mezzo pieno: il via libera dell’Europa al finanziamento salverà le banche spagnole, dunque il pericolo di un crac si allontana o svanisce. Ergo i mercati dovrebbero esultare (e infatti alcuni mercati hanno effettivamente esultato). Non solo: la mossa dei cento miliardi dimostra che l’Europa c’è, almeno in questa fase. Quindi, nessuna preoccupazione per la moneta unica e la tenuta continentale. Notizie positive. Gli economisti analizzano ed emettono il loro verdetto: cala il rischio, assieme al rischio calerà anche lo spread. Il bicchiere mezzo vuoto: grazie all’Europa, la Spagna (per ora) è salva, ma i soldi andranno restituiti, e dove li prenderà la Spagna con le pezze sul sedere e già sfiancata da ripetuti piani di austerity che non hanno funzionato? Soprattutto: messi in sicurezza (sempre per ora) gli istituti spagnoli, a chi toccherà ora? Da mesi e mesi il tormentone europeo è questo: salvato il Portogallo, arrivata l’Irlanda, poi la Grecia, poi la Spagna? E adesso? Sarà la volta dell’Italia? Di più: l’Europa continua a parlare di possibile contagio, ora meno possibile, ma il fatto stesso che l’Ue sia stata costretta ad intervenire a favore della Spagna dimostra che la possibilità è una realtà, il contagio c’è stato. E dunque, di nuovo, domani potrebbe toccare all’Italia. La Borsa di Milano affonda, le nostre banche subiscono il colpo e lo spread si inerpica verso le vette di fine estate. Come vede, c’è una logica per tutto. E una sola certezza: siamo in piena tormenta. E quando c’è bufera il bicchiere è sempre mezzo vuoto. Anche perché, dati i soldi alla Spagna, chi li presterà, se dovesse essere necessario, all’Italia? Forse il bicchiere è vuoto per tre quarti. Facciamo gli scongiuri e speriamo che Monti (assieme alla Merkel) non decida di salvarci con un’altra manovra delle sue. Anche i bicchieri più capienti, a furia di togliere acqua,  prima o poi si svuotano del tutto.

[email protected]

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rilke

    17 Giugno 2012 - 16:04

    ....è proprio lei....allora.La verità, viene sempre a galla...

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    16 Giugno 2012 - 17:05

    è totalmente vuoto . scusi dottore ma non si è mai domandato da dove arrivano tutti quei miliardi ' DAL MIO PUNTO DI VISTA sono cartastraccia , senza valore . invece hanno un valore reale , coperto dall'oro ,? allora prendiamo questi miliardi che ogni popolo ha dato alla BCE e li restituisca agli stati senza aggiungere interessi passivi , perchè la BCE ha già goduto degli interessi attivi quando li ha ricevuti . a questo punto torniamo ad essere stati autonomi come lo eravamo , non schiavi di una germania prepotente e rissosa . bene ha fatto l'inghilterra a restare per i fatti suoi , la sterlina ha un valore , come il franco svizzero . l'imbecillità dei nostri governanti , parlo di tutti , che non volevano essere schiavi del dollaro , per carità , noi siamo popoli liberi , e che sarà mai stato il dollaro , hanno creato una moneta insulsa che ci ha tagliato non solo le gambe , ma anche l'orgoglio di essere liberi . stia bene , eleonora

    Report

    Rispondi

media