Cerca

Tv in crisi

Rai, sforbiciata da 46 milioni
Una briciola nel bilancio in rosso

Il cda della televisione pubblica ha varato la manovra correttiva dei conti 2012

La tv di Stato risparimierà 45,8 milioni di euro: una goccia nell'oceano visto che il biliancio nel primo trimestre è già sotto di 200 milioni
Il cavallo di viale Mazzini

Il cavallo di viale Mazzini

Una goccia nell'oceano. Così appare la "spending rewiew" della Rai che ha approvato su proposta del direttore generale e con la sola astensione del consigliere d'amministrazione Giorgio van Straten, una manovra 'correttiva' dei conti 2012 per 45,8 milioni di euro. Niente in confronto dei 200 milioni in rosso nel primo trimestre del 2012 di cui ha dato notizia il "Fatto Quotidiano". Anche perché dei tagli previsti circa 31 milioni sono in carico alla Rai e il resto alle società consociate. Circa 6 milioni di euro verranno risparmiati su staff e servizi e 10 milioni di tagli riguardano le reti generaliste (circa 5 per Rai1, 3 per Rai2 e 1,5 per Rai3) mentre 2 milioni verranno risparmiati dalle reti tematiche. La manovra, come previsto, non intacca in alcun modo il numero di dipendenti della Rai. 

Dalla prima illustrazione al consiglio, nel corso della discussione in Cda sono state apportate alcune modifiche ma che non hanno cambiato l’impianto della manovra. Tra queste l’inserimento di un capitolo relativo a possibili accordi esterni con operatori pay per la trasmissione su altre piattaforme di alcuni canali tematici. Nella seduta di oggi si è parlato anche dell’orientamento (e del relativo budget) che l’azienda dovrà tenere nella prosecuzione della trattativa con la Lega Calcio di Serie A per i diritti in chiaro  del campionato.

Roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sfeno

    12 Maggio 2012 - 15:03

    quanto vale?....asta pubblica

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    11 Maggio 2012 - 19:07

    La RAI si è uniformata sullo stampo degli enti di stato, cioè una pletora di personale del quale i più sono raccomandati da politicanti, sono circa 15.000 quando ne basterebbero un terzo, visto che Mediaset con le stesse reti ne ha meno di 4.000. Non parliamo dei dirigenti, consiglieri di amministrazione, direttori di rete ecc. tutti in sovrannumero e strapagati per non fare un emerito ca@@o. E volete che un caravanserraglio simile non sia in perenne deficit ? Tanto più che quando frignano trovano sempre i vari governi che corrono in loro soccorso, onde poter beneficiare di trattamenti di favore e per proteggere i loro raccomandati all'interno. E' ormai ora di finirla e di tagliare con la scure, altro che ripianare i debiti con i nostri soldi.

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    11 Maggio 2012 - 12:12

    La RAI ha un numero di dipendenti colossale, peggio della Regione Sicilia. Continuano a strapagare i funzionari e chiedere consulenze. Basta!

    Report

    Rispondi

  • COCCINELLA

    10 Maggio 2012 - 23:11

    E POI VENGONO A CHIEDERCI IL CANONE! AL SOLITO :SCHIFO E VERGOGNA DELLA MACCHINA STATALE

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog