Cerca

La crisi non dà tregua

La Spagna chiede aiuto, Cipro è già ko

Allarme di Madrid: "Bruxelles ci dia i soldi per salvare le banche". Nicosia rincara la dose: la Grecia ci ha rovinato

La tirata d’orecchie all’Europa di Barack Obama ha un ispiratore: il dio mercato. Lunedì il presidente statunitense - leader del Paese che ha generato questa catastrofe - ha minacciato un isolamento volontario della sua terra dal Vecchio continente, nel caso in cui quest’ultimo non dovesse decidersi di affrontare la crisi per le corna.  Ieri, la Casa Bianca ha ribadito il concetto. «L’Europa ha intrapreso passi importanti ma i mercati si attendono di più, e bisogna fare di più», ha fatto eco Michael Froman, uno dei consiglieri di Obama. 

Mai contraddire le piazze finanziarie. O meglio, quella a stelle e strisce. A preoccupare l’America è infatti il calo delle esportazioni verso questo lato dell’Atlantico, che sta provocando una riduzione dei profitti delle aziende Usa. Secondo il New York Times, la situazione, già grave, potrebbe ulteriormente peggiorare.  Cisco, Dell e NetApp, scrive il quotidiano, hanno dovuto apporre un segno meno davanti al dato delle esportazioni verso l’Europa. Quindi Bruxelles, ma soprattutto frau Merkel, si dia una mossa. Ma i Paesi periferici, continuano a remare contro. Ieri il ministro spagnolo del Bilancio, Cristobal Montoro, ha chiesto ufficialmente aiuto all’Unione per mettere le banche in sicurezza. Scrive l’agenzia di stampa Bloomberg: Montoro, nel corso di un’intervista alla radio, ha però sottolineato che non è necessaria una quantità di fondi «eccessiva», «non parliamo di cifre astronomiche». Una rassicurazione, con una Grecia in bilico, che vale come un due di picche.

A complicare le cose, ci si è messa anche Cipro: c’è una «seria possibilità» che Nicosia abbia bisogno di aiuto da parte dell’Ue per sostenere il suo sistema bancario, fortemente esposto al debito greco, ha detto il viceportavoce del governo, Christos Christofides.Il peso dell’economia cipriota sul Pil di Eurolandia è però molto basso. Diverso è il discorso per Madrid. Per dirla con le stesse parole del suo ministro delle Finanze,  un piano di salvataggio internazionale della Spagna è «tecnicamente impossibile», date le dimensioni della quarta maggiore economia della zona euro. Montoro non lo ha detto a caso, ciò a cui punta è un maggiore impegno da parte dei membri dell’Unione europea «per risolvere i problemi dei Paesi che stanno facendo le riforme necessarie». Le istituzioni europee devono prendere dei «rischi politici convincendo i mercati che l’euro è una realtà e ha un futuro». Parole, di fatto, rivolte, anche queste, alla cancelliera tedesca. Merkel che però sembra inizi a sentirci dall’orecchio-eurobond, mostrando spiragli interessanti. Così Madrid ricambia, con il ministro Rajoy che apre alla possibilità di un controllo centralizzato dei budget nazionali, attraverso la creazione di un “European fiscal autority” che assorba le strategie fiscali della zona euro e ne armonizzi le politiche. Così come richiesto dalla Germania. Anche la Bce risponde alle sollecitazioni di Berlino: sono dodici settimane consecutive che non compra più titoli di debito dei Paesi in difficoltà. Stati Uniti da un lato e “Pigs” dall’altro, può essere la volta buona che il cuore di Berlino s’intenerisca davanti alla culla degli eurobond.

di Antonio Spampinato

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberopensatore1950

    06 Giugno 2012 - 16:04

    In passato, ciò che noi si vive ora, era interpretato come elemento prodromico alla guerra, oggi, di fatto, siamo in guerra; questa guerra economica, a mio modesto avviso, potrebbe conseguire effetti peggiori e più a lungo termine diuna guerra "classica". La sostanziale differenza è che la distruzione delle guerre d'un tempo, univa le persone per la crescita ed aveva, purtroppo, un "effetto livella sociale"; questo era l'elemento di psicologia sociale che faceva da collante fra le persone. Oggi, a breve, se non cambia qualcosa, ci sarà la disgregazione sociale, addirittura lo registriamo fra Partiti, fra appartenenti ad un medesimo Partito, fra Stati, fra Continenti. Davvero un roseo futuro quello attuale.

    Report

    Rispondi

  • paolospyder

    06 Giugno 2012 - 13:01

    Il nostro problema è che volevamo essere americani e non ci siamo riusciti. Da loro oggi fallisci domani riparti, da noi fallisci solo e sempre. Se fai pagare ad un americano il 68 % di tasse ti spara e fa solo bene. Ci manca la rivoluzione, piscialetto che non siamo altro.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    06 Giugno 2012 - 09:09

    Nata sotto i buoni propositi....Per farla ci hanno messo 60 anni...Montagne di carta,di parole e di progetti,per poi arrivare di fatto ad un aborto,che non vuole NESSUNO.Hanno voluto scimiottare l'America...ed hanno fallito...con la differenza che l'America stessa per costituirsi tale ci ha messo 200 anni passando per guerre e rivoluzioni,da noi invece l'Europa è stata fatta sulla carta,dimenticandosi di fatto di fare gli europei....in sostanza un'accozzaglia di stati profondamente diversi l'uno dall'altro,uniti sotto uno straccio blu.Bella europa davvero.

    Report

    Rispondi

blog