Cerca

L'intervento di Barack

Obama fustiga l'Europa:
"Lenta e troppo divisa"

"Servono misure dure e liquidità per le banche. La Ue rischia la recessione. Bene l'Italia, ma ora prosegua"

Barack Obama

Barack Obama, nel suo discorso del venerdì sullo stato dell'Economia, torna a rivolgersi alla Ue dopo le accuse dei giorni scorsi, in cui aveva puntato il dito contro l'Europa che continua a remare contro la ripresa americana. Obama spiega che "le soluzioni per la crisi europea sono dure, ma sono comunque soluzioni. E l'Europa può contare sul sostegno americano. E i leader europei conoscono perfettamente la serietà e l'urgenza della situazione. L'Europa rischia la recessione". Secondo il presidente a stelle e strisce l'Europa sta "affrontando quello che abbiamo affrontato noi nel biennio 2008-2010, e per loro coordinarsi tra governi diversi è più difficile. Noi stiamo cercando di essere costruttivi, non vogliamo rimproverarli o dire noi cosa avrebbero dovuto fare. Devono stabilire loro cosa fare, in modo efficace e tempestivo. Noi siamo al fianco per dare suggerimenti, ma sta a loro decidere".

"Liquidità per le banche" - Il presidente poi spiega la sua ricetta, che consisterebbe nel rafforzare il sistema bancario iniettando capitali negli istituti in stato di debolezza, mentre successivamente andrebbero compiuti ulteriori passi per evitare la recssione. Obama, da par suo, si dice sicuro che i leader Ue stiano discutendo di questa possibilità, quella di "americanizzarsi", ovvero immettere liquidità nel sistema, una soluzione a cui Washington ha fatto ricorso più volte nei momenti bui (una soluzione molto più semplice per la Fed che per la Bce). Il presidente degli Usa insiste ancora sulla crescita. La crisi, ha aggiunto, "non è solo del debito. E' difficile poter riallineare il bilancio e arginare il deficit se non c'è crescita. In Europa ci sono Paesi con tassi di disoccupazione del 15 e 20 per cento. Con troppa austerità - ha rimarcato - la disoccupazione può arrivare al 25 per cento. Se si fanno solo tagli, le persone faranno sempre un passo indietro e non spenderanno".

Su Italia e Spagna - Obama, nel suo intervento, cita anche Italia e Spagna, che loda per aver adottato "riforme intelligenti e necessarie. Paesi come Spagna e Italia - ha aggiunto - hanno fatto riforme struttuarli, sul fisco, sul mercato del lavoro, ma devono avere il tempo e lo spazio perché queste riforme abbiano il loro esito. E' importante - ha concluso - che in Europa si mettano a segno riforme strutturali in 3 o 5 anni".

"La Spagna non ha chiesto aiuti" - E proprio la spagna smentisce quanto scritto dall'agenzia finanziaria Reuters, che riferiva di una richiesta di aiuti alla Ue che il governo di Madrid avrebbe avanzato nel fine settimana. La Reuters citava due fonti europee e una tedesca, ma la portavoce del governo iberico ha dichiarato di non essere a conoscenza di una richiesta imminente da parte dell'esecutivo, rifacendosi alle dichiarazioni del primo ministro, Mariano Rajoy, che giovedì aveva dichiarato di voler attendere i risultati di un audit sulle banche in difficoltà. La smentita sulla richiesta di aiuto avanzata dalla Spagna è arrivata anche da Angela Merkel, che ha precisato: "Sia chiaro che i paesi che vogliono beneficiare della solidarietà devono farne richiesta".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guido61

    09 Giugno 2012 - 06:06

    In questo caso mi sembra molto "il bue che dice cornuto all'asino"

    Report

    Rispondi

  • Liberopensatore1950

    08 Giugno 2012 - 20:08

    Considerata l'ampiezza del Globo Terracqueo, mi auspico che qualche altro s'adopri a dar ordini; nel caso di Obama, è in linea con ciò che sino ad ora il Governo e l'Europa esercitano: liquidità alle banche, che poi non schiodano un cent e rigore al Popolo!

    Report

    Rispondi

  • oasis77

    08 Giugno 2012 - 18:06

    Obama.. caro obama nostro.. forse dimentichi che tutto sto bordello ce l'avevi in casa.. la merda nei fondi erano nella banche americane o no? quindi quite please.. non venire a insegnarci cosa dobbiamo fare! Che noi abbiamo monti e i nostri politici che sono sul pezzo da anni.. saranno loro a salvarci! Con la loro preparazione e con la loro voglia di fare e di farci splendere più di prima e meglio di prima!! Oppsss.. scusa hai ragione.. ho detto una cazzata..

    Report

    Rispondi

blog