Cerca

Basta tasse

Governo e Corriere contro Bersani: le patrimoniali sono una rovina

Il ministro dell'Economia Grilli: "Pressione fiscale troppo alta, dobbiamo ridurla". E Giavazzi e Alesina...

Gli economisti di via Solferino: la patrimoniale, più che inutile, è depressiva. Servono tagli alle spese per 55 miliardi 
Governo e Corriere contro Bersani: le patrimoniali sono una rovina

Più aumentano le tasse, più sostengono che vorrebbero tagliarle. Stavolta è il ministro dell’Economia, Vittorio Grilli, a giurare che la pressione fiscale su famiglie e imprese va ridotta. "La pressione fiscale è troppo alta, e va ridotta. Com'è noto, gli strumenti sono due: aumentare la base imponibile attaccando le aree di evasione, ridurre in modo strutturale la spesa pubblica. Su entrambi i fronti siamo determinati, e l'abbiamo dimostrato", dice Grilli, che assicura ogni sforzo per scongiurare l’aumento dell’Iva al 23% programmato per inizio 2013. Grilli esclude anche una nuova patrimoniale, che "non farebbe che aumentare la recessione", mandando un messaggio chiaro a Bersani e compagni che in settimana hanno annunciato che la patrimoniale sarà il cardine del loro programma elettorale.

Parole sante, peccato che finora il governo sia andato in direzione assolutamente contraria, con l’Imu, che di fatto è una patrimoniale, gli aumenti delle accise sulla benzina e i programmati aumenti Irpef regionali, dai quali si attende un incasso di quasi tre miliardi.

Un no deciso alla patrimoniale invocata dal centrosinistra arriva anche dal Corriere della Sera, che nel fondo di Giavazzi e Alesina la definisce un provvedimento più depressivo che inutile e invoca un tagli delle spese di 55 miliardi. Solo così, recitano gli economisti di via Solferino, si può innestare il circolo virtuoso taglio della spesa - taglio delle tasse - ripresa della crescita economica. Altrimenti resteremo nel gorgo aumento tasse-aumento spesa-recessione- nuovo aumento tasse-recessione ancora più grave. Il Corriere è piuttosto freddo anche sull’ipotesi di dismissione dei beni pubblici, che  per essere efficace dev’essere reale e non di fette di aziende e beni destinati poi però a restare sempre sotto il controllo del potere politico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi il negher

    13 Agosto 2012 - 14:02

    fate pagare tutto ai poveri, sono abituati....

    Report

    Rispondi

  • crosta

    13 Agosto 2012 - 13:01

    Fossi negli attuali governanti, posto per certo che occorreranno altri danari e tanti, io farei una Patrimoniale "alla rovescio". Fissato un tetto di patrimonio complessivo di 300-500 mila euro, al di sopra del quale non si paga nulla, partire da un'imposta del 5% per i patrimoni più alti fino ada arrivare ad un 50% per quelli minimi. Tanto questi pirla dei poveri hanno sempre pagato e pagano ancora standosene zitti. Finchè la crisi la pagano loro a noi ... scappa da ridere. Evviva Romney ed i Tea Party: zero tasse ai ricchi e supertassazione per i meno abbienti !!! [P.S.] Grazie Ministro Grill.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    13 Agosto 2012 - 11:11

    Governo e Corriere contro Bersani: le patrimoniali sono una rovina e ..... Bersani risponde: " ... ma allora che cavolo di comunisti siamo?"

    Report

    Rispondi

  • betzero

    13 Agosto 2012 - 11:11

    Prima di attingere dalle tasche dei lavoratori, lo Stato DEVE guardare nelle sue. E' mai possibile che lo Stato non riesca a controllare come,quanto ed in che modo spende e pretende da noi la massima precisione controllandoci perfino i C/C e i consumi??? Lo Stato concede sempre meno garanzie sulla salute, sulle calamità, sui trasporti, ecc. e pretende sempre più soldi perchè ha troppa spesa parassitaria e troppi centri spesa. Menano il can per l'aia con le provincie, impossibili da abolire perchè in Costituzione, per non parlare delle quasi 7000 società pubbliche che svolgono compiti che gli enti dovrebbero svolgere col proprio personale. O si aboliscono le società pubbliche o si licenzia il personale degli enti!! E le regioni organizzate anzichè come enti statali come dei piccoli staterelli per la spartizione del bottino ai partiti?? Perchè non se ne parla? A cosa serve scimmiottare il Parlamento? Sono solo enti dello Stato ed a ciò vanno ricondotte e dimagrite!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog