Cerca

Crisi dell'euro

Grecia, dopo la crisi il baratro
"E' impossibile fare un governo"

Samaras, leader di Nea Dimokratia, ha vinto e rinunciato all'incarico

Il centro destra si è reso conto che impossibile formare un esecutivo con le forze sostenitrici delle misure di austerity
Grecia, dopo la crisi il baratro 
"E' impossibile fare un governo"

 

Il voto di protesta dei greci contro la casta politica, ma soprattutto contro l'austerity,  ha avuto l'effetto desiderato ma ora quello che si prospetta è il baratro. Antonio Samaras, leader di Nea Dimokratia (il partito di centro destra), infatti, ha preso atto in meno di 24 ore che è impossibile formare un governo con le forze sostenitrici delle misure di austerity imposte dal piano di salvataggio europeo. Pertanto, malgrado avesse tre giorni di tempo, ha rinunciato all’incarico e lo ha rimesso nelle mani del presidente. Ora l’incarico potrebbe essere affidato al leader di Syriza, la sinistra radicale di Alexis Tsipras, uscita seconda dalle elezioni di ieri. Tsipras ieri aveva rivolto un appello a tutte le forze anti-euro ma aveva già ricevuto un netto no dai comunisti del Kke. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • L'Italiano1982

    08 Maggio 2012 - 16:04

    La sua indignazione è sterile. A differenza di lei, io m'informo su come stanno le cose in Grecia da mezzi "non di regime", vale a dire escludendo completamente televisioni e giornali. Un popolo democratico ha il sacrosanto diritto di votare chi gli pare, senza che nessuno debba pretendere che venga poi ridotto alla fame se chi viene eletto non fa il suo dovere o vende il paese ai mostri internazionali. C'è debito e debito, caro Raucher; e il debito greco è sleale. Sono certo che lei la penserà in modo del tutto opposto, come d'altronde si evince dall'andazzo generale qui in Italia, dove pur di "punire" mezzo paese avete permesso che ci consegnassero alla Goldman&Sachs. Ma si dà il caso che la sua opinione mi disgusti, e che io non sia minimamente disposto neppure a ragionarci sopra; perché non rinnego dall'oggi al domani 30 anni di insegnamenti su che cos'è la Democrazia. Anche se, a conti fatti, non esiste in Occidente un popolo democraticamente più ignorante degli Italiani... vero?

    Report

    Rispondi

  • raucher

    08 Maggio 2012 - 10:10

    Quello che fanno i greci a casa loro non mi interessa.Possono pure tenersi i neonazi o un paese stalinista.Mi interessa solo che restituiscano i denari avuti in prestito .O le sembra giusto che ci derubino? Non mi pare poi che siano meno scemi di noi , visto come sono ridotti. Infine non dia a chi non conosce etichette gratuite.De no antri sarà lei.

    Report

    Rispondi

  • L'Italiano1982

    08 Maggio 2012 - 01:01

    Comodo o non comodo, se decidono che è così che deve andare a casa loro, sta' pur certo che è così che andrà. E voi europeisti "de no' antri" resterete con un pugno di mosche, a meno che non chiediate a Hollande di attaccare Atene coi caccia, come ha fatto il suo predecessore a Bengasi. Qualcosa mi dice che i Greci sono molto meno cerebrolesi di noi.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    07 Maggio 2012 - 22:10

    arridatece i colonnelli , solo perchè sperano in un governo antieuropeista che consenta loro di uscire dall'UE e non restituire la montagna di soldi che abbiamo sborsato per loro . Troppo comodo , signori belli.

    Report

    Rispondi

blog