Cerca

Merkel sotto attacco

Lafontaine: Angela come Hitler
"Per il potere farà fallire l'Ue"

L'ex ministro delle Finanze di Schroeder definisce la Cancelliera "la donna più pericolosa d’Europa"

Il sessantottenne enfant terrible della politica tedesca tuona: “La guerra delle banche contro i popoli dell’Europa va fermata”.
Angela Merkel

Angela Merkel

 

Con la sua politica autoritaria per risolvere la crisi economica europea Angela Merkel impone "ciò che chiedono le banche". Il duro attacco al cancelliere arriva da Oskar Lafontaine, che in un’intervista al settimanale 'Stern' definisce la Merkel "non solo la più pericolosa, ma anche la donna più cara d’Europa". L’allusione è all’epiteto di "uomo più pericoloso d’Europa", che la stampa britannica aveva affibbiato a Oskar il Rosso, quando nel 1998 era ministro delle Finanze nel governo rosso-verde di Gerhard Schroeder. 

Nell'intervista Lafontaine spiega che "le banche stanno conducendo una guerra contro i popoli dell’Europa", il cui risultato è che con la sua politica la Merkel "deve riparare con centinaia di miliardi provenienti dalle entrate fiscali i danni che lei stessa ha provocato". "La signora Merkel si rende conto di cosa sta causando alla gente con la sua politica dei risparmi?", polemizza Lafontaine, secondo il quale il cancelliere non capisce i mercati finanziari, mettendo così a rischio "l'euro, l’idea dell’Europa, la democrazia e lo Stato sociale". 

Contro la crisi finanziaria Oskar il Rosso propone una una serie di ricette. Una tassa patrimoniale per far affluire denaro nelle casse dello stato. Gli Stati devono ricevere crediti da una banca pubblica e questa, a sua volta, dalla Banca centrale europea. Per il vecchio leader, solo con un forte intervento di spesa pubblica sarà possibile fermare la recessione. Lafontaine spara ad alzo zero anche contro l’SPD “per essersi spostato troppo a destra”. Di conseguenza, in vista delle elezioni politiche del 2013, per Die Linke ci sarebbero ampi spazi per raggiungere un risultato a due cifre se “la smettiamo di giocare contro noi stessi”.

Il sessantottenne enfant terrible della politica tedesca motiva poi anche con la stanchezza dovuta all’età la sua rinuncia a candidarsi a presidente della Linke nel congresso del 2 e 3 giugno a Goettingen. "Ogni politico deve lasciare, quando si accorge che le sue forze stanno diminuendo ed avverte che ci sono altri in grado di poter svolgere meglio i compiti per i quali si sentiva adatto". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    09 Marzo 2015 - 21:09

    L'articolo porta la data del 31 maggio 2012.Quasi tre anni fa.Di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia,ma vedo con sommo dispiacere che la culona inc**bile è sempre li a fare danni e il merdaio europeo esiste sempre.

    Report

    Rispondi

  • Pierce

    01 Giugno 2012 - 08:08

    Espelliamo la Merkel dall'Euro, e vediamo come vanno a finire il loro export ed il loro Marco! Italia, Francia e Spagna esser deboli a volte può servire! Il giunco è debole, ma flessibile, e a volte resiste anche quando la quercia forte e possente viene sradicata dal vento....

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    01 Giugno 2012 - 07:07

    ricordate quando berlusca faceva cuccù e tutti a dire vedi siamo lo zimbello del mondo con questo venditore di pentole. Il venditore di pentole è un miliardario che se non avesse avuto intuito e capacità non sarebbe arrivato dov'è adesso, e siccome non si sente secondo a nessuno l'ha chiamate a culona adesso sapete perché.

    Report

    Rispondi

    • allianz

      09 Marzo 2015 - 21:09

      Libera 1,il venditore di pentole è quello che adesso governa l'italia.Berlusconi è solo un povero pirla che ha sostenuto 3 governi e continuerà a farlo.Domani c'è la fiducia sul decreto riforma della costituzione.Vedremo se a scanso delle sue dichiarazioni di non votare la riforma il venditore di pentole incasserà la fiducia.Più il bullo fiorentino resta li più sarà peggio per lui ed il Pd tutto.

      Report

      Rispondi

  • eden

    01 Giugno 2012 - 06:06

    Ma quando ci toglieranno di torno questo orifizio tedesco cu.o rotto?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog