Cerca

Bologna sotto choc

Bologna: suicida Cevenini, consigliere regionale del Pd

L'ex candidato sindaco si è gettato dal terrazzo del palazzo della Regione

Maurizio Cevenini

Maurizio Cevenini

Maurizio Cevenini si è tolto la vita lanciandosi da una finestra dei piani alti della Regione  Emilia Romagna, in viale Aldo Moro a Bologna. Una guardia giurata, questa mattina, poco prima delle 8 ha trovato il   corpo del consigliere regionale Pd, senza vita, e chiamato il 118.  Il cadavere è stato trovato su una terrazza della Regione. In   base ai primissimi rilievi scientifici la posizione del corpo sarebbe   compatibilie con una caduta dall’alto. Volto del partito democratico del Pd a Bolgona, si era candidato alle primarie del 2010 ma poi si era ritirato perché colpito da un malore. 

Sindaco dello stadio Bologna è sotto shock perché Cevenini è un volto noto in città: era stato nominato mister preferenze per il gran numero di voti personali ottenuti (superiori, in proporziopne, anche a quello di Berlusconi a Milano) che è stato presidente del consiglio provinciale di   Bologna e del Comune, si era candidato a sindaco alle ultime elezioni  di Palazzo D’Accursio, ma aveva abbandonato la corsa per un malore seguito da una lunga degenza nella clinica Villalba. Successivamente  era stato eletto nell’assemblea di Viale Aldo Moro.  Notissimo anche nel mondo del calcio, per la sua fede Rossoblù,  Cevenini era stato ribattezzato 'Il sindaco dello Stadiò. Al Dall’Ara  non mancava, infatti, ad una partita del Bologna Calcio. Suo anche il   record di matrimoni civili celebrati in Comune.

Le indagini Sul posto il procuratore capo di Bologna, Roberto Alfonso, e il procuratore aggiunto Walter Giovannini:  stanno verificando i budge di entrata e di uscita dal palazzo per cercare di capire gli ultimi spostamenti del consigliere regionale; elementi verranno cercati anche attraverso le riprese delle telecamere di sorveglianza, oltre che nell’ufficio utilizzato dal consigliere. Di certo, Cevenini ieri pomeriggio ha partecipato regolarmente ai lavori del consiglio regionale, dove si sono discusse alcune risoluzioni. I lavori sono terminati alle 18: Cevenini è apparso come sempre tranquillo e sereno.

L'ultimo pensiero per moglie e figlia -  "Pensate a mia moglie e mia figlia" questo il testo che comparirebbe su uno dei bigliettini lasciato da Maurizio Cevenini, morto suicida nel palazzo della Regione Emilia Romagna, sulla scrivania del suo ufficio. Da quanto si apprende Cevenini è rimasto da ieri all’interno del palazzo della Regione, dove si era svolto il consiglio. Non risulterebbe, infatti, che l’ex candidato a sindaco di Bologna sia rientrato questa mattina nel palazzo di via Aldo Moro alla prima apertura degli uffici.

 

bologna

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pi.bo42

    12 Maggio 2012 - 18:06

    No, ancora non l'ho letto. Contraccambio la stima.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    12 Maggio 2012 - 12:12

    Non ho la pessima abitudine ,a differenza di molti che leggo su questo forum,di occuparmi di altri schieramenti politici,antagonisti al mio.Si può tranquillamente affermare che ognuno dovrebbe occuparsi dei guai propri,invece che cercarne nel campo avverso.Ma l'andazzo che ha preso il forum,purtroppo ti porta fuori dai confini.Ci sono delle persone talmente ignoranti che certe volte non si resiste a rendere pan per focaccia.Comunque terrò il suo commento come affidabile tra gli affidabili.Salutoni.Ps.spero che abbia anche letto il forum del Corriere della Sera.

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    12 Maggio 2012 - 00:12

    Per quanto la sinistra italiana abbia dimostrato un determinante autolesionismo nel favorire il potere berlusconiano, non ritengo avrebbe corso il rischio (come ha effettivamente corso) di andare ad un ballottaggio , visto che ai simpatizzanti PDL si sarebbero potuti affiancare gli adepti dell'ex Guazzaloca (ha avuto il 17%), senza considerare l'aumento certo delle astensioni dei sinistri delusi dall'assenza di Cevenini e che già avevano votato a malincuore al primo scrutinio Merola (la cosa accadde per l'elezione di Guazzaloca per lo scarso feeling della Bartolini con gli elettori DS) proprio la poca simpatia che, da qualche parte, riscuote quest'ultimo ha favorito, ritengo, il nascere di certe voci maligne. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    10 Maggio 2012 - 23:11

    Lei è di Bologna,quindi posso anche fidarmi.Ma se non sbaglio,Cevenini era un medico,che è stato colpito da ischemia.Il fatto che si sia ripreso subito,può far pensare che la gravità dell'attacco ischemico non era tale da essere esonerato dalla vita politica.La susseguente depressione ha alimentato le voci che ho riportato sul forum ( e che ho letto anche nel forum del Corriere della Sera) da persone che ritengo affidabili,tanto quanto lei.Saluti cordiali.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog