Cerca

La protesta

La Destra contro i suicidi: manichini impiccati

Il partito di Storace appende una decina di manichini lungo il Tevere: azione contro le tasse e la crisi

I manichini impiccati

L'iniziativa de La Destra a Roma

Una macabra protesta, qualla dei militandi de La Destra che a Roma hanno appeso ai ponti sul Tevere una decina di manichini impiccati. L'obiettivo, criticare l'operato del governo Monti e tornare sul tema dei suicidi di imprenditori e lavoratori in difficoltà per le tasse e la crisi economica. Il partito ha rivendicato l'iniziativa diffondendo un comunicato: "Giovedì notte decine di manichini impiccati sono stati fatti trovare sui ponti di Roma. Questo blitz attuato dai nostri militanti vuole denunciare la guerra dichiarata dalla finanza internazionale all'Italia. La Bce, Monti e Abc (Alfano-Bersani-Casini) stanno 'suicidando' gli italiani", ha spiegato Giuliano Castellino.

"Un bollettino di guerra" - I militanti del partito di Francesco Storace, spiegano, protestano perché "i numerosi suicidi sono come dati di un bollettino di guerra" e sono legati "alla crisi economica e alle politiche finanziarie, fatte di tasse, taglie e cancellazione dei diritti, attuate da questo governo imposto dall'Europa e non votato dai cittadini". La Destra, infine, si interroga: "Quanti morti dovranno esserci ancora prima che questo governo se ne vada a casa?". Quindi il partito critica aspramente "l'atteggiamento di Monti, che di fronte a questa tragedia scarica le colpe su altri", e poi promette di non dare tregua al premier e "ai partiti venduti e corrotti che lo sostengono".

tevere, roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    13 Maggio 2012 - 14:02

    Perchè se continui così sei a livello estinzione.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    12 Maggio 2012 - 10:10

    Meglio quelli passati prima dall'olio di ricino poi nelle camere a gas degli amici nazisti, eh Storace?

    Report

    Rispondi

blog