Cerca

Piccoli antagonisti cercansi

I No Tav sono senza vergogna:
arruolano i lupetti scout

Gli antagonisti fanno proseliti tra i ragazzini

I capi scout delle sezioni locali dell'Agesci hanno pensato bene di coinvolgere i loro "lupetti" nella faccenda. Infuria la polemica
I No Tav cercano rinforzi

Fanno proseliti tra i lupetti degli scout

Tirare in mezzo i bambini fa sempre scena. Che importa se lo si fa in modo strumentale. Perché credere che un bambino di 8 anni abbia una «sua» idea sull’opportunità o meno della Tav in Val di Susa appare quanto meno pretestuoso. Eppure i capi scout delle sezioni locali dell’Agesci hanno pensato bene di coinvolgere i loro «lupetti» nella faccenda. Risultato? Un questionario fatto di domande che definire faziose è poco. Non ci si è limitati a chiedere ai piccoli: «Pensi che la Tav sia utile?», quesito già di per sé discutibile considerando la loro età. Cosa mai potranno rispondere se non qualcosa che hanno sentito dire o  hanno dedotto dagli insegnamenti ricevuti, impartiti guarda caso da capi contrari alla Tav? Ma torniamo al tenore delle domande, in tutto 22. «Ci sono stati scontri violenti durante le manifestazioni: pensi sia giusto? Ti fidi delle Forze dell’Ordine? Pensi che la Tav sia un buon modo di spendere i soldi pubblici? Ti fidi di quelli che governano il nostro Paese?». Interrogativi destinati a 180 bambini tra gli 8 e gli 11 anni (altri 250 fino ai 21 anni, ma in questo caso si presume che i più grandicelli un’opinione se la siano fatta).

La risposta - Inevitabile la polemica. Alla quale ha risposto uno dei responsabili dell’Agesci Valsusa: «Ne abbiamo parlato nel Consiglio», ha detto, aggiungendo che si sono resi conti della faziosità nel modo in cui alcune domande erano poste, salvo poi giustificarsi spiegando che l’intento era «capire quanto e come questo argomento viene vissuto dai nostri ragazzi, in una valle da anni teatro di scontri e proteste». Peccato che «molti di noi sono contro la Tav, ma questo non c’entra nulla con lo scoutismo né con questa iniziativa a cui hanno lavorato anche persone favorevoli o  indifferenti all’opera». C’entrano invece «i valori che animano il nostro modo di fare scoutismo: dialogo, umiltà, rispetto». Rispetto? E quello per i bambini dove lo mettono?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • darkstar

    14 Maggio 2012 - 14:02

    I lupetti di oggi saranno i no global di domani. I genitori devono, semplicemente opporsi a queste strumentalizzazioni e denuciare i responsabili

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    14 Maggio 2012 - 12:12

    perchè preferiscono usare l' areo (che inquina un pò di più)

    Report

    Rispondi

  • rob59

    14 Maggio 2012 - 10:10

    Perchè stupirsi ? Alla scuola Itis Enzo Ferrari di Susa doveva svolgersi un dibattito informativo sulla TAV con la partecipazione di Virano. Tutto cancellato, metà del corpo docenti e i collettivi scolastici hanno proibito l'incontro con lo slogan «Fuori Virano dalle scuole della Valsusa» e mettendo luccheti ai cancelli dell'istituto. Purtroppo non c'è dialogo con i NOTAV e loro non vogliono confrontarsi con nessuno.

    Report

    Rispondi

blog