Cerca

I muri parlano

Scritte minatorie contro Equitalia
"Boom boom" sulla sede di Lanciano

A distanza di 7 giorni dal plico con polvere sospetta, gli uffici di via Piave tornano a essere oggetto di intimidazioni

Due scritte minatorie alla sede Equitalia di Lanciano: la prima "Boom Boom!" di colore rosso sulle vetrine, l’altra a terra sul marciapiede a mò di firma: "il Popolo Vive". A distanza di 7 giorni dall’invio di un plico con polvere sospetta, la sede di Equitalia di Lanciano torna a essere oggetto di intimidazioni da parte di ignoti. Gli uffici di via Piave sono ancora chiusi da venerdì, quando una postina consegnò una busta semi aperta dalla quale fuoriusciva una polvere granulosa marroncina che fece scattare l’allarme, costringendo i 9 dipendenti e la stessa postina a un isolamento di oltre 4 ore. Sul posto sono intervenuti il commissariato di Polizia di Lanciano, che indaga sull'accaduto, e la scientifica per i rilievi del caso. La scritta è stata probabilmente realizzata la notte scorsa con una bomboletta spray di vernice rossa.

via piave, lanciano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giusebono

    25 Maggio 2012 - 11:11

    A proposito di Buste pericolose. Le buste che Equitalia manda a noi contribuenti, quelle si che sono bombe.... che senza esplodere provoca suicidi,l'ultimissimo ieri a genova un artigiano, dopo aver aperto la "BUSTA" di Equitalia purtroppo si è suicidato.dovremo tutti andare alla G.D.F. a denunciare l'estorsione che il killer-equitalia sta facendo alle piccole imprese.

    Report

    Rispondi

blog