Cerca

Tragedia sfiorata

Mercantile s'incaglia all'Elba
Squarcio di tre metri nello scafo

La nave battente bandiera panamense ha urtato contro gli scogli dell'isola. A bordo 12 uomini dell'equipaggio

La situazione viene definita “sotto controllo” ed è stata allertata una società di rilievi anti-inquinamento di Livorno per effettuare ulteriori verifiche
Il mercantile incagliato a Sant'Andrea (Isola d'Elba)

Il mercantile incagliato a Sant'Andrea (Isola d'Elba)

Una nave mercantile di bandiera panamense si è incagliata all’isola d’Elba in località Sant'Andrea, nel comune di Marciana. Nessun ferito tra i dodici componenti dell’equipaggio, le prime verifiche hanno consentito di accertare che non risulta alcuna forma di inquinamento marino. Sul   posto è intervenuta la Guardia Costiera.

L’incidente è avvenuto alle 4.50 di questa mattina: ad incagliarsi è stata la nave Mersa 2, 1.686 tonnellate di stazza, con un equipaggio di dodici persone di nazionalità turca, partita ieri sera da Marina di Carrara con un carico di 2.970 tonnellate di tondini di ferro e diretta a Bejaia, in Algeria. Da una prima verifica subacquea effettuata sullo scafo, riferiscono fonti della Guardia Costiera, “risulta presente una falla di tre-quattro metri nella zona del dritto di prora”. La falla, viene  precisato, non compromette la galleggiabilità della nave”. La Guardia Costiera di Porto Ferraio ha inviato sul posto due motovedette  e un elicottero, che non hanno riscontrato tracce di inquinamento. Il serbatoio del gasolio, infatti, è situato al centro della nave “ed è lontano dal punto dell’impatto”. La situazione viene definita “sotto controllo” ed è stata allertata una società di rilievi anti-inquinamento di Livorno per effettuare ulteriori verifiche.

sant'andrea, isola d'elba

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    01 Giugno 2012 - 17:05

    Avrà seguito anche questo Comandante, la rotta di Schettino. Altrimenti a bordo si "fumava" più di un turco. Mi spiace che, il nostro De Falco della Capitaneria, non abbia potuto dire anche a questo Capitano del mercantile, <cazzo>. Forse voleva fare l'inchino ai reclusi di Porto Azzurro?. Sarà per la prossima volta. Saluti.

    Report

    Rispondi

blog