Cerca

Giustizia parlamentare

De Gregorio, no del Senato all'arresto per il caso Lavitola

169 contrari, 109 favorevoli, 16 astenuti. Il prossimo voto riguarderà l'ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi
De Gregorio, no del Senato all'arresto per il caso Lavitola

 

L'aula di Palazzo Madama nega gli arresti domiciliari per il senatore Sergio De Gregorio. I colleghi non hanno dato il permesso alla richiesta dei pm titolari dell'inchiesta sul faccendiere Valter Lavitola.

Verdetto ribaltato - Il Senato così muta completamente la decisione che era stata presa un mese fa dalla Giunta per le autorizzazioni a procedere. A salvare De Gregorio sarebbe stato il voto segreto: ben 169 i no, solo 109 i sì e 16 gli astenuti. A votare in difesa di De Gregorio il Pdl e dei "franchi tiratori". Infatti tutti gli altri gruppi parlamentari avevano dichiarato di essere favorevoli all'arresto. "In quest'aula oggi ho il dovere di difendermi con forza da accuse che mi fanno male. Se non fossi stato parlamentare non mi sarebbe stata riservata questa storia giudiziaria", ha detto prima del voto nel suo intervento a Palazzo Madama lo stesso De Gregorio. "Se fossi stato un cittadino qualunque non mi sarebbe stato riservato questo trattamento", ha aggiunto.

Difesa - "Vorrei difendermi da uomo libero e vorrei difendermi nel processo e non dal processo e lo sto facendo con grande determinazione non sfuggendo mai un attimo alle responsabilità che mi vengono attribuite", ha spiegato De Gregorio. "Non ci sarà pericolo di fuga: ho tre bambini piccoli, una moglie e una famiglia a cui badare. Non fuggo dalle mie responsabilità e non fuggo da nulla. Non potrò reiterare i reati del 2006 e non potrò inquinare prove che stando a quanto dicono i magistrati nell'ordinanza sono già state acquisite. Potrò - ha concluso - riflettere su questa esperienza e potrò dire a me stesso e agli altri che credo di aver servito le istituzioni con dignità e capacità, ma che di fronte a questa valanga che mi è arrivata addosso forse è il momento di fermarsi a riflettere e non ho timore di riconsegnarmi alla società civile nel 2013 alla fine di questa legislatura come non ho timore di affidarmi a voi".

Il caso Lusi - De Gregorio, dopo essere stato salvato dai colleghi, ha anche dichiarato di non voler votare per l'arresto di Luigi Lusi, l'ex tesoriere della Margherita indagato per la sottrazione di alcune decine di milioni di euro dalle casse del partito.  "La carcerazione preventiva non serve a nessuno - ha dichiarato-. Il caso Lusi non lo conosco, ma lui è reo confesso e gli hanno già arrestato la moglie. Io non voterò a favore dell’arresto. Gli altri facciano come vogliono, io non voterò a favore del suo arresto". Sulla richiesta di arresto della procura di Roma nei confronti dell’ex tesoriere della Margherita, Luigi Lusi, si pronuncerà martedì prossimo la Giunta delle immunità e successivamente l’aula del Senato.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioch

    08 Giugno 2012 - 12:12

    ..pensate che una cura dimagrante,come quella subita da Alfonso Papa,farebbe bene a De Gregorio?

    Report

    Rispondi

  • marcopcnn

    07 Giugno 2012 - 07:07

    Mi fanno ridere (piangere) il PDL ed il PD tutti affannati nel presentare i loro grandi progetti di riforme istituzionali. Tante parole nella speranza di ingannare per l'ennesima volta gli Italiani. Nella realtà dei fatti continuano come sempre a farsi gli affaracci propri. Salvano DiGregorio, Salvano Formigoni, tentano con ogni forza di Salvare berlusconi cambiando la legge sulla concussione......

    Report

    Rispondi

  • Cost

    06 Giugno 2012 - 22:10

    Oramai è chiaro a tutti gli italiani: la Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica, le due assemblee parlamentari che costituiscono il Parlamento italiano, sono state trasformate nei nuovi “suq” dalla criminalità organizzata. In questi mercati della associazione a delinquere si trova di tutto, basta chiedere ed essere disposti a pagare con scambio di voti ed altre prebende. Si può trovare il tesoriere ladro a sua insaputa, l'onorevole referente con organizzazioni mafiose, il faccendiere che ricicla danaro sporco con l'esperto degli appalti-truffa. L'offerta è vasta ed eterogenea. Questi loschi individui hanno, subdolamente, modificato le disposizioni legislative a loro favore in modo da renderle inefficaci nella persecuzione dei loro reati. La criminalità è al potere. Solo una insurrezione popolare contro questa banda di delinquenti può restituirci la libertà e la vera democrazia. Che il popolo italiano si riprenda la sua sovranità. Una rivolta pacifica, da consumarsi alle

    Report

    Rispondi

  • ceccopeppe1940

    06 Giugno 2012 - 22:10

    quei pagliacci dei senatori hanno risparmiato la galera a quel delinquente di de gregorio ,vedrete che si sono messi d'accordo e salveranno anche quel ladrone di lusi &amici.E si mettono pure a riscrivere l'art. sulla corruzione e concussione.Ma che buffoni abbiamo votato! Io PDL ,ora mai piu'.Altro che elezioni qui ci vogliono i forconi.O dato che non vedo differenza,meglio RIINA ministro dell'interno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog