Cerca

Dramma in Toscana

La gita estrema dell'oratorio
Bimbo muore per arresto cardiaco

Inutili i soccorsi in elicottero per l'undicenne, malori per altri cinquanta

Una scampagnata sul Monte Calvana (Prato) finisce in tragedia per i ragazzi che hanno camminato per alcuni chilometri sotto il sole
Alcuni bimbi soccorsi dall'elicottero dei Vigili del fuoco

Doveva essere una normale gita, ma si è tramutata in un incubo. Un bambino di 11 anni, di nome Franco, è morto dopo essere entrato in arresto cardiaco. Altri cinquanta bambini tra gli 8 e i 16 anni sono stati colpiti da malore.

Dramma - La comitiva era partita dalla parrocchia di San Martino a Paperino, una frazione a sud di Prato, per fare un'escursione sul vicino Monte Calvana, ma il caldo eccessivo e la disidratazione hanno trasformato in tragedia la scampagnata. Secondo la prima ricostruzione, dopo ore di difficile camminata sotto il sole molti hanno subito malori e hanno iniziato a far fatica a muoversi. Uno di loro, quando la comitiva è arrivata in cima alle 12.50, si è accasciato al suolo ed è andato in arresto cardiaco. I presenti gli hanno fatto il massaggio cardiaco e hanno chiamato i soccorsi. Il bimbo è stato portato in eliambulanza all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze in gravissime condizioni. Ma non è stato sufficiente: è morto poco dopo essere arrivato nel centro. Gli altri ragazzi sono rimasti bloccati sul sentiero perché non riuscivano più a camminare e sono stati soccorsi da 118 e Vigili del fuoco con un elicottero che li ha riportati a valle.

Avvisi - Bisognerà ora accertare le responsabilità. Con i bimbi c'erano 16 animatori e il parroco, don Carlo Gestri, che aveva organizzato l'escursione ed ora è sotto choc per l'accaduto. Negli ultimi giorni l'Arpat (Agenzia regionale per la protezione ambientale) aveva segnalato un aumento della concentrazione di ozono nell'atmosfera oltre la soglia di attenzione (180 microgrammi per metro cubo). Il Comune di Firenze aveva per questo sconsigliato di svolgere attività ricreative con esercizio fisico intenso all'aperto in luoghi soleggiati, soprattutto negli orari più caldi, tra le 12 e le 17.

Inchiesta - Intanto la procura di Prato ha aperto un fascicolo a carico di ignoti per la morte del bambino. Domani dovrebbe essere presa una decisione sull'autopsia, anche se già da ora "non si esclude un problema congenito", perché il piccolo Franco è stato l'unico ad avere un problema di salute. Soltanto dopo l'autopsia verranno iscritte eventuali persone sul registro degli indagati, come atto dovuto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    27 Giugno 2012 - 23:11

    I soccorsi della efficientissima (mia) regione Toscana sono arrivati solo dopo un'ora e mezza. La passeggiata veniva svolta tutti gli anni su un percorso in gran parte ombreggiato e tutti i ragazzi erano equipaggiati con berretto, pranzo al sacco e scorta di acqua. Se vuoi altre notizie più dettagliate vai sul sito de "La Nazione" e cerca l'edizione di Prato.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    27 Giugno 2012 - 18:06

    E pure i bambini,non si lagnavano,non volevano fermarsi all'ombra? Mah! roba da manicomio!!

    Report

    Rispondi

  • lucy

    27 Giugno 2012 - 17:05

    ...e allora dicci tu com è andata!

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    27 Giugno 2012 - 17:05

    Mi pare che qui,il difetto congenito,lo aveva il prete nel cervello.E poi,se era tutto regolare come dicono,perchè non li hanno lasciati ridiscendere a piedi ma li hanno caricati sull'elicottero??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog