Cerca

Lo studio dell'Istat

Monti affama le famiglie italiane
Una su tre ha ridotto le spese alimentari

Circa 1.100 euro separano la spesa media mensile degli operai da quella di imprenditori e liberi professionisti

La Lombardia è la regione che spende di più: 3.033 euro, seguita dal Veneto (2.903 euro). Fanalino di coda la Sicilia con una spesa media mensile di 1.637 euro
Monti affama le famiglie italiane
Una su tre ha ridotto le spese alimentari

Non ci sono più i soldi ed ecco che tirare la cinghia non è più solo un eufemismo. La spendig review delle famiglie italiane è sui consumi alimentari: mangiamo di meno e stiamo meno attenti alla qualità pur di far quadrare il bilancio. E' questa l'inquietante fotografia scattata dall'Istat in questo periodo di crisi: una famiglia su tre (il 35,8%) è stata costretta a ridurre la quantità dei prodotti acquistati rispetto all'anno precedente. Nonostante questo la spesa media per generi alimentari e bevande è cresciuta del 2,2% rispetto al  2010, attestandosi a 477 euro mensili; in particolare, aumentano la  spesa per carne, quella per latte, formaggi e uova e quella per zucchero, caffè e altro. Risultano invece in calo tra il 2010 e il 2011 su tutto il territorio nazionale e in particolare nel Centro e nel Mezzogiorno, le spese destinate all'abbigliamento e alle calzature.

Circa 1.100 euro separano la spesa media mensile delle famiglie di operai (2.430 euro) da quella delle famiglie di imprenditori e liberi professionisti (3.523 euro).  Il dato relativo al 2011 è stato reso noto dall’Istat. La spesa media scende a 1.906 euro mensili per le famiglie con a capo un disoccupato, una casalinga o una persona in altra condizione non professionale (esclusi i ritirati dal lavoro, le cui famiglie spendono in media 2.139 euro). La Lombardia è la regione con la spesa media mensile delle famiglie più elevata (3.033 euro), seguita dal Veneto (2.903 euro). Fanalino di coda, anche nel 2011, è la Sicilia con una spesa media mensile di 1.637 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angela70

    05 Luglio 2012 - 16:04

    Le garantisco che siamo in due a vedere la discesa. E poi non sono solo gli operai che spendono meno, loro almeno hanno la certezza del fine mese, gli imprenditori tra tasse, entrate sempre piu' a fatica, non sanno mai come sara' il loro fine mese...................

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    05 Luglio 2012 - 14:02

    ... ma nel frattempo in TV la Clerici dice come si fa la frittata di cipolle ....

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    05 Luglio 2012 - 13:01

    Bisogna cambiare "radicalmente" la classe dirigente e ricominciare da zero. Affamatori. Ci circuiscono col "panem et circenses", facendoci credere che l'Italia è rappresentata da undici milionari semianalfabeti e ora ci tolgono anche il pane.

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    05 Luglio 2012 - 12:12

    1/3 spende meno per il cibo. 2/3 spendono meno per il resto. In ogni caso tutti spendono meno perché guadagnano meno e così facendo fanno guadagnare meno... qualcuno riesce a vedere la discesa ripida o la avverto solo io? Grazie al fatto che dobbiamo elemosinare moneta alla BCE non c'è via d'uscita a tutto questo.

    Report

    Rispondi

blog