Cerca

Pirellone nella bufera

Inchiesta sulla sanità lombarda
Sigilli allo yacht delle vacanze di Formigoni

Le Fiamme Gialle hanno sequestrato al faccendiere Daccò e ai soci beni per oltre 60 milioni di euro

Nel deposito giudiziario finiscono anche mille vini pregiati per un valore di oltre 300mila euro. Requisiti 34 immobili a Milano, Venezia, Sardegna e Liguria
Formigoni a bordo dell'America

Lo yacht di oltre 30 metri delle vacanze di Roberto Formigoni, mille bottiglie di vini pregiati per un valore di oltre 300mila euro depositato presso la cantina del noto ristorante milanese Sadler, 34 immobili di pregio a Milano, Venezia, in Liguria e in Sardegna, auto e moto di grossa cilindarata , quote di società con sede in Italia, Svizzera, Olanda, Inghilterra, Irlanda, USA, Seychelles, Panama, Nuova Zelanda, Lussemburgo, Singapore, Hong Kong. E’ quanto hanno sequestrato gli uomini della Polizia Giudiziaria della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato, su richiesta del Gip Vincenzo Tutinelli, nell’ambito dell’inchiesta sulla Fondazione Maugeri, scaturita da quella sul San Raffaele alle cinque persone arrestate lo scorso aprile: fra loro c'è anche Pierangelo Daccò, il faccendiere vicino a Comunione e liberazione che avrebbe pagato le vacanze del governatore lombardo Roberto Formigoni. A loro sono stati sequestrati anche 50 conti correnti in numerose banche italiane e ulteriori accertamenti sono in corso per procedere al sequestro di altre disponibilità in banche estere.

L’indagine dirette dai Pm di Milano coordinati dal Procuratore Aggiunto Francesco Greco, ipotizza l'esistenza di un’associazione a delinquere transnazionale finalizzata a plurimi reati tra cui il riciclaggio e reimpiego di denaro di provenienza illecita, l’appropriazione indebita pluriaggravata ai danni della Fondazione Maugeri, la frode fiscale, l’emissione di fatture per operazioni inesistenti. L'attività investigativa aveva portato all’arresto di sei persone. In particolare le indagini hanno permesso di scoprire oltre 70 mln di Euro di "fondi neri" all’estero accumulati in alcuni anni e sono stati ricostruiti flussi finanziari illecitamente sottratti alla Fondazione Maugeri e transitati nella rete di conti correnti e società estere costituiti anche in Paesi off-shore. Da qui la decisione del sequestro preventivo   "del profitto dei reati contestati anche 'per equivalentè laddove non sia possibile reperire le somme direttamente pertinenti il reato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.p

    17 Luglio 2012 - 12:12

    non conosco le vicende di FORMIGONI e non mi pronuncio, conosco però i problemi dei fabbricanti di barche che a forza di ipoteche non ne vendono più una in ITALIA.

    Report

    Rispondi

  • valerio5

    16 Luglio 2012 - 21:09

    fa formigò prepare le valigie, cos+ quamdo arriveranno i CC le avrai già pronte. quest'anno mesà te devi accontentà de passà le ferie alle mantellate

    Report

    Rispondi

  • bepper

    16 Luglio 2012 - 18:06

    Il gruppo Simoni-Daccò passa l'estate ad Opera. Che fai questa estate, ti unisci al gruppo come al solito?

    Report

    Rispondi

  • bepper

    16 Luglio 2012 - 18:06

    Di figure di merd@ non è mai morto nessuno. Si sente di condividere questa affermazione? sì no non so

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog