Cerca

Cani ad alta velocità

Fido viaggia sul Freccia Rossa
Bastano museruola, guinzaglio e biglietto

Trenitalia batte sul tempo la Ntv: dal 25 luglio a bordo tutti i tipi di cani, anche quelli di taglia grande

Ieri il primo viaggio di Calvin e Alice, due golden retriver. Soddisfatta Micaela Brambilla: "Si tratta di una svolta epocale"
Fido viaggia sul Freccia Rossa
Bastano museruola, guinzaglio e biglietto

 

di Daniela Mastromattei

Continua la sfida commerciale fra Rfi (Rete ferroviaria italiana) e la nuova compagnia privata di trasporti Ntv (società guidata da Luca Cordero di Montezemolo). Questa volta su un tema molto delicato: gli animali.

Tanto che mentre Montezemolo si preparava ad annunciare che  dal primo settembre  sui treni «Italo»  potranno salire a bordo tutti i tipi di cani, l’Ad di FS, Mauro Moretti,  ha giocato d’anticipo.  E ieri ha dato la bella notizia: dal 25 luglio tutti gli amici a quattro zampe, anche quelli di grossa taglia, potranno viaggiare sui treni Alta velocità, dal Frecciarossa al Frecciabianca passando per il Frecciargento ed Eurostar. È  il risultato di un accordo tra Trenitalia e la Federazione delle associazioni animaliste, guidata da Michela Vittoria Brambilla.

 Finalmente i cani extra large potranno viaggiare sia in prima che in  seconda classe, Business e Standard. Ma non possono entrare nei livelli  Executive, Premium, Area del silenzio e salottini. Il biglietto si potrà acquistare  direttamente in agenzia o in biglietteria. Per i cittadini stranieri servirà anche il passaporto del cane (o altro). Il costo? Il 50 per cento  del biglietto base previsto per il treno utilizzato. Fanno eccezione i cani guida per non vedenti che possono viaggiare gratuitamente. Obbligatorio  un kit equipaggiamento minimo: museruola e guinzaglio, certificato di iscrizione all’anagrafe canina e libretto sanitario. La nuova politica «Animal Friendly» di Trenitalia, arriva dopo anni   di restrizioni per cui gli amici a quattro zampe erano ammessi solo se di piccola taglia (tenuti dentro il trasportino, come  i gatti) e solo sui treni Intercity e Notte, limitando di molto la mobilità delle famiglie con animali.

 Ieri   la «svolta».    A bordo di un Frecciarossa, e alla presenza di due Golden retriver, Calvin e Alice, primi cani a sperimentare la novità, Moretti e Brambilla hanno sottolineato il loro impegno a promuovere politiche di viaggio «che tengano conto dei 22 milioni di italiani» proprietari di un cane.   

  L’iniziativa rientra anche nella campagna estiva contro l’abbandono e la lotta al randagismo. «Lo considero un regalo a tutti gli italiani che amano gli animali»,  afferma Brambilla, in ginocchio mentre abbraccia i  due Golden retriver. Quando Michela Vittoria  si occupa di animali le si illuminano gli occhi. «Si tratta di una grande vittoria, di una svolta epocale, potersi muovere con i nostri piccoli amici grazie a FS». Il cane, afferma l’amministratore delegato di FS «è l’amico più caro per tante persone. Naturalmente ci preoccuperemo di prendere tutte le precauzioni per far viaggiare tutti in tranquillità, per la salvaguardia dell’animale e degli uomini». Infatti «sono previsti  posti riservati e una pulizia in modo dedicato», conclude.

Immancabile  a fine giornata il commento della concorrenza. «Da indesiderati gli amici a quattro zampe si sono ritrovati all’improvviso star delle Ferrovie», dice in una nota Ntv. «Insolito destino quello dei cani taglia XXL, fino a ieri ospiti indesiderati sui treni: danno fastidio, abbaiano, sono irrequieti. È bastato poco che Ntv studiasse una soluzione moderna, incontrasse le più rappresentative e serie realtà animalistiche italiane, organizzasse il gran debutto per ospitarli finalmente a bordo, che  da indesiderati gli amici a quattro zampe si sono ritrovati all’improvviso le star delle Ferrovie: passerella d’onore sul Frecciarossa e riflettori puntati. Chapeau!». 

Più la sfida si arricchisce e più va bene per i nostri amici pelosi. A quando la ciotola d’acqua e le crocchette?

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stefimia

    07 Novembre 2012 - 17:05

    tralasciando che amo i cani e credo siano molto meglio della stra grande maggioranza..sicuramente meglio di chi ha commentato qui sopra... i cani hanno il diritto di viaggiare col proprio padrone.. i cani, a meno che aggressivi, devono poter stare accanto al padrone senza gabbai e senza museruola, magari non sui sedili. A me da fastidio mentre viaggio i cafoni che urlano al telefono, chi puzza, i bambini che strillano e le madri che strillano altrettanto per azzittirli, ma non andrò mai a scrivere di fare carrozze a parte. E a chi ha scritto 'brambillasche' sei il top.. i cani inquinano.. spero, ALMENO, che tu vada in giro sempre in bici, che mangi cibi raccolti dal tuo campo, che non fumi, che non getti carta o schifezze a terra, etc etc... mi imbarazza sapere che esiste gente come voi.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    23 Luglio 2012 - 13:01

    i padroni maleducati (la stragrande maggioranza) rispetteranno eccome le direttive...

    Report

    Rispondi

  • patetici

    21 Luglio 2012 - 19:07

    del resto sulle fs si viaggia da cani

    Report

    Rispondi

  • ferdy12

    21 Luglio 2012 - 15:03

    basta con questa storia dei diritti dei cani, anche loro inquinano e contribuiscono a raccolta rifiuti con tutte queste scatolette per cibi ed altro, e non si fa più pagare alcuna tassa di possesso anzi i proprietari possono dedurre dal 730 spese mediche ed altro. Adesso ci manca pure che viaggino in treno senza problemi. Mi chiedo ma se un cane necessita di fare i suoi bisogni, il proprietario lo educa ad attendere la prossima stazione? cosi scende e forse finalmente libera la carrozza, in quanto il treno subito riparte senza il nostro amico? o forniamo le carrozze con toilette per cani? o gli mettiamo un bel pannolone....!! Sicuro prima di prendere un treno vorrei essere rassicurato da Trenitalia al diritto al rimborso biglietto se trovo un cane seduto e pacifico accanto al mio posto, ma mi sa tanto che non prenderò mai più un treno specialmente quelli a lunga percorrenza..vedremo quanto durerà..ma sta Brambilla cosa ha fatto mai per l'Italia da ministro per il turismo ?..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog