Cerca

Spending review

Tasse raddoppiate per i fuoricorso
Anche Bankitalia tirerà la cinghia

Gli studenti universitari non in regola con gli esami saranno tartassati: i soldi verranno usati per le borse di studio. Tagliate le autoblu, i buoni pasto e ferie dei dipendenti di via Nazionale
Tasse raddoppiate per i fuoricorso
Anche Bankitalia tirerà la cinghia

 

Anche la Banca d'Italia è costretta a tirare la cinghia. La spending review si è abbattuta pure su via Nazionale che ora dovrà risparmiare su auto blu, buoni pasto, ferie e permessi, consulenze esterne, e locazioni. Lo prevede un emendamento al decreto per la revisione della spesa approvato nella notte dalla commissione Bilancio del Senato che approderà lunedì in aula a Palazzo Madama. 

Tasse più alte per i fuori corso - Nel dl licenziato dalla Commissione è passato anche l'aumento, fino al 100%, delle tasse universitarie per gli studenti, che non riescono a laurearsi entro i tempi previsti. Le maggiori entrate andranno a pagare, in misura non inferiore al 50% le borse di studio. La parte residua delle nuove risorse andrà ad altri interventi di sostegno al diritto allo studio, con particolare riferimento a servizi abitativi, servizi di ristorazione, servizi di orientamento e tutorato, attività a tempo parziale, trasporti, assistenza sanitaria, accesso alla cultura, servizi per la mobilità internazionale e  materiale didattico”. Gli incrementi potranno essere disposti dalle università, entro  i limiti massimi che saranno individuati dal ministero dell’Istruzione  entro il 31 marzo di ogni anno, sulla base di principi di equità progressività e redistribuzione, del reddito familiare isee e della specifica condizione di studenti lavoratori. Tre gli scaglioni: una prima fascia di fuoricorso dovrà pagare   fino al 25% in più, rispetto a quanto versato dagli studenti in   corso, se il reddito isee è inferiore a 90.000 euro. Il tetto sale al  50% per chi ha un isee familiare tra 90.000 e 150.000 euro, mentre potrà arrivare fino al 100% in più per gli studenti con isee  familiare superiore a 150.000 euro. E' inoltre previsto un processo di accorpamento, promosso dal ministero dell’Istruzione, dei consorzi interuniversitari Cineca, Cilea, Caspur “al fine di razionalizzare la spesa per il  funzionamento degli stessi attraverso la costituzione di un unico   soggetto a livello nazionale con il compito di assicurare l’adeguato supporto, in termini di innovazione e offerta di servizi, alle esigenze del sistema universitario, del settore ricerca e del settore istruzione”. 

Addio stipendi ad personam - Sempre all'interno dell'università la spending review si abbatterà anche sui compensi dei docenti. Se torneranno all’insegnamento dopo incarichi  esterni, non potranno più cumulare le indennità, prevede un emendamento approvato stanotte. L’attribuzione di assegni 'ad personam'diventerà illegittima e sarà causa di responsabilità amministrativa nei confronti di chi delibera l’erogazione. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sara89

    30 Luglio 2012 - 13:01

    aumentano le tasse? ok, abbandono gli studi e continuo a lavorare, tanto mi sono sentita abbandonata dall'università già da tempo. Sostanzialmente per i prof l'importante è che compri i loro libri che altrimenti non comprerebbe nessuno. E gli stipendi dei politici? e no, quelli non si toccano, giusto.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    28 Luglio 2012 - 11:11

    Per prima cosa, chi è fuori corso avrebbe bisogno di aiuto, non di un'ulteriore palla la piede. Ognuno ha i propri ritmi di rendimento, mica gli studenti marciano tutti uguali come dei robot. Trattasi poi del solito attacco demagogico e livoroso ai "ricchi". Vorrei proprio vedere se tutti questi ricchi cattivoni lasciassero l'Italia, chi farebbe girare poi il denaro, chi spenderebbe, chi reggerebbe l'economia... forse quei secchioni morti di fame e arroganti che per un 30 scritto su di un pezzo di carta si sentono padreterni?

    Report

    Rispondi

  • orfeo61

    28 Luglio 2012 - 09:09

    Se si legge il testo del decreto si capirà che si è tenuto conto della figura dello "studente lavoratore"e che si è provveduto anche agli incarichi dei docenti... Naturalmente tutto è perfettibile, ma non si può sempre strillare: No, questo no, c'è ben altro da fare.....!

    Report

    Rispondi

  • encol

    28 Luglio 2012 - 09:09

    Noi stiamo aspettando che MONTI tagli REALMENTE i costi vergognosi della politica, che mandi a casa 3/4 dei deputati, che recuperi il maltolto da almeno 20 anni a questa parte, che stabilisca un compenso netto per i deputati che rimarrano in EU 3000 mese più EU 1000 per spese, e che la smetta di fingere che i politici sono dei santi o teme che per ritorsione lo mandino a casa? Ma se non perde occasione per ripetere di non essere li per durare che problemi si pone?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog