Cerca

Due agosto 1980

Un commissario per far luce
sulla strage di Bologna

La promessa del ministro dell'Interno alle vittime: "Nessun segreto di Stato"

Poi la Cancellieri se la prende con gli esecutori: "Indecoroso esibizionismo dei carnefici che ha prevaricato i diritti delle vittime". Raisi presenta un'interpellanza
Un commissario per far luce
sulla strage di Bologna

 

Dopo due anni di assenza il governo torna a Bologna per ricordare le 85 vittime e i 200 feriti della bomba esplosa nell'affollata sala d'aspetto della stazione di un sabato estivo di 32 anni fa. Una strage sulla quale ancora oggi non è stata fatta chiarezza e per la quale i familiari delle vittime continuano a chiedere allo Stato giustizia. Un atto di terrorismo per il quale sono stati condannati i due Nar Francesca Mambro e Giusva Fioravanti e che continua a dividere i colpevolisti e gli innocentisti. Chi è stato il vero mandante? Lo stesso Fioravanti (che si è sempre dichiarato estraneo all'attentato) oggi, dalle colonne del Giornale, con una lettera al direttore risponde: "La verità fa troppa paura". E ancora: "Non so se la pista palestinese sia giusta. Ma il terrorismo arabo in Italia ha fatto 60 morti". 

"Esibizionismo dei carnefici" - Parole che non sono piaciute al ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri che dal palco delle celebrazioni a Bologna tuona:  "Per troppo tempo abbiamo assistito all’indecoroso esibizionismo dei carnefici che ha prevaricato i diritti delle vittime". "E' una stortura della nostra democrazia - ha detto il titolare del Viminale parlando nella sala del Consiglio comunale di Palazzo D’Accursio, un prezzo altissimo che dobbiamo pagare per la conquista e il consolidamento di quei valori di libertà che proprio in terrorismo vuole negare. Ma - ha concluso il ministro - l'attenzione alle ragioni delle vittime dovrà sempre prevalere in ogni direzione". Per questo ha promesso all'associazione delle vittime della strage del due agosto che nelle prossime ore nominerà un commissario straordinario "a cui sarà delegato il compito di dirimere le questioni interpretative della legge sui risarcimenti alle vittime del terrorismo".

"Fioravanti? Un poveretto" - Soddisfatto il presidente dell'associazione Bolognesi ci tiene però a puntualizzare sul fil-documentario "Un solo errore" che contiene un'intervista a Fioravanti: "L'esecutore è un poveretto, con una qualità intellettuale molto bassa". Ribatte il deputato Fli Enzo Raisi, invece, che nei giorni ha attaccato Bolognesi facendo una gaffe sulla suocera, "è un disinformato che vuole parlare della strage e non sa neanche cosa è successo". Quanto alla cosiddetta pista palestinese, Bolognesi afferma: " "La pista teutonico palestinese è un giochino che non sta in piedi".

L'interpellanza di Raisi - La Cancellieri sarà chiamata questo pomeriggio a rispondere all'interpellanza con cui il deputato bolognese di Fli, Enzo Raisi, convinto sostenitore dell'innocenza della Mambro e di Giusva, che chiede "se risulti da atti o documenti ufficiali il ritrovamento del diario personale e della carta di identità di Mauro Di Vittorio fra le macerie della stazione ferroviaria di Bologna". L'interpellanza di Raisi (e altri) è indirizzata ai ministri della Giustizia e dell'Interno e prende spunto dal fatto che sul sito dell'associazione familiari sono pubblicate le schede di tutte le 85 vittime dell'attentato alla stazione di Bologna e in quella intestata a Mauro Di Vittorio "vengono citati, con apposito virgolettato, brani di un non meglio specificato diario personale tenuto dalla vittima in cui sono annotati episodi del viaggio all'estero effettuato nei giorni immediatamente precedenti l'eccidio". In sostanza, secondo Raisi c'è da approfondire sull'ipotetico ruolo di Di Vittorio, che potrebbe non essere un semplice passeggero.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioch

    03 Agosto 2012 - 09:09

    ...dovevano essere estremisti di destra.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    02 Agosto 2012 - 15:03

    Mi sembra di sentire il noto brano di Branduardi... "Alla fiera dell'Est"

    Report

    Rispondi

  • fossog

    02 Agosto 2012 - 14:02

    politici vecchi e rincretiniti che vivono nel passato perchè incapaci di vivere un presente nel quale sono del tutto estranei ed inadeguati. A 90 anni occupano ancora il potere e fanno solo danni e ridicolo. Ci sarebbe sì una strage da fare, e sarebbe quella giustificata ed utile di tutta quella monnezza, morale e culturale, che da decenni ci affossa e ci opprime sotto una parvenza di democrazia. Alle prox eelzioni voglio cancellare loro e le loro inutili rimembranze.

    Report

    Rispondi

  • OIGRESINOR

    02 Agosto 2012 - 14:02

    il quale dara' l'incarico ad uno specialista il quale si affianchera' con una equipe di esperti i quali si affideranno as un'ispettore il quale usera' un ricercatore il quale prendera' a contratto uno specialista il quale dovra'assumere dei periti i quali a loro volta incaricheranno dei professionisti i quali metteranno sotto contratto degli assistenti i quali si dovranno avvalere di aiutanti che verranno coadiuvati da esperti aiutati da sostituti che dovranno demandare e condividere con facenti funzione i quali uderanno dei segretari : costo tutto sulle spalle dei cittadini, spese enormi, tanto "lavoro" e risultati pressoche' nulli ( vedi Ustica ). Titolo : Itaglia Repubblica delle bananottere rosse....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog