Cerca

La spiaggia al tempo del Prof

Monti chiude pure gli ombrelloni
Spiagge e bagnini contro l'Europa

La protesta degli stabilimenti contro le concessioni demaniali volute dalla Ue e accordate da Monti. Poi "spritz" gratis per tutti

Il presidente del sindacato degli ombrelloni: "Per alleviare il disagio offriamo colazione, focacce e aperitivo gratis a tutti i turisti"
Monti chiude pure gli ombrelloni
Spiagge e bagnini contro l'Europa

Niente ombrelloni questa mattina sulle spiagge italiane. E' la rivolta degli stabilimenti contro l'Europa e contro Mario Monti (non partecipano soltanto Rimini e Forte dei Marmi). E' lo "sciopero degli ombrelloni", la protesta contro le aste delle concessioni demaniali sulle spiagge previste da una normativa comunitaria a partire dal 2016, accordata dal governo. La singolare protesta è stata indetta dal Sib, il Sindacato italiano balneari. "Vogliamo dare un segnale forte al Governo - ha spiegato il presidente del Sib, Riccardo Borgo - perché metta in atto qui provvedimenti a salvaguardia delle 30mila attuali aziende e degli oltre 600mila lavoratori del settore. Seguiranno certamente altri provvedimenti", ha spiegato. La battaglia ci sarà, ma non durissima: oggi, venerdì 3 agosto, gli ombrelloni restano sì chiusi, ma soltanto fino alle 11 del mattino.

"Aperitivo per tutti" - Borgo continua: "Lo scorso febbraio si era riunito il tavolo tecnico che avrebbe dovuto studiare una soluzione al problema, ma oggi è tutto fermo. Noi siamo i soli ad affrontare questa battaglia". Il presidente del sindacato degli ombrelloni spiega poi che "stamattina sulle spiagge si vivrà una giornata particolare, anche perché in moltissime località abbiamo previsto di alleviare i disagi del solleone organizzando diverse manifestazioni. Leggendo il depliant con i motivi della nostra protesta - ha proseguito - i nostri clienti potranno consumare gratuitamente la colazione, gustare fette di cocomero, melone e frutta fresca, o magari pizza o focaccia calda. Anche l'aperitivo o il caffè sarà offerto dagli imprenditori balneari insieme a giochi di animazione, concorsi di bellezza o di forza. C'è chi ha in programma perfino una mini-Olimpiade sulla sabbia...".

La crisi arriva in spiaggia - Gli stabilimenti protestano e offrono cibi e divertimenti ai turisti, nonostante la crisi economica che morde anche le spiagge. Il calo delle presenze negli stabilimenti balneari a giugno e fine luglio, rispetto al medesimo periodo dello scorso anni (in tutte le 15 regioni bagnate dal mare) va dal 5 fino al 40 per cento. Questi i dati snocciolati dal Sib, che associa circa 10mila imprese. "Il mese di giugno è stato caratterizzato un pò dappertutto  - continua Borgo - da avverse condizioni atmosferiche con temperature quasi autunnali che hanno sconsigliato i turisti a scendere in spiaggia, ma anche il gran caldo di luglio non ha consentito un recupero rispetto al 2011 che, peraltro, non era stato paricolarmente favorevole a causa di condizioni metereologiche del tutto inusuali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    04 Agosto 2012 - 17:05

    Lei fa sempre il processo alle intenzioni. Semplicemente ho visto le spiagge libere delle pr di Siracusa e Ragusa nel settembre 2011. Nonchè l'indecente stato delle strade.Lei è stato da quelle parti di recente? Se non ha visto coi suoi occhi non parli di quello che non sa , se invece ha visto , allora è in malafede .

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    04 Agosto 2012 - 11:11

    gratta gratta esce il razzista: mi basta vedere le spiagge libere del nord; e non solo le spiagge libere, anche i prati delle Alpi ed Appennini, i porticcioli, i laghi, i torrenti e le loro rive. Non ultime le vie cittadine: sempre del Nord.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    04 Agosto 2012 - 10:10

    gratta gratta esce il razzista: mi basta vedere le spiagge libere del nord; e non solo le spiagge libere, anche i prati delle Alpi ed Appennini, i porticcioli, i laghi, i torrenti e le loro rive. Non ultime le vie cittadine: sempre del Nord.

    Report

    Rispondi

  • caiogracco

    03 Agosto 2012 - 23:11

    La concessione pubblica dei litorali è stata un privilegio per alcuni decenni, del quale hanno ampiamente goduto pochi (utilizzando pezzi di demanio). Dipendesse da me, abolirei queste concessioni e lascerei le spiagge a disposizione dei cittadini. Poichè è ragionevole accettare che alcuni paghino per avere servizi di qualità, è accettabile rilasciare (previa asta) concessioni decennali a canone congruo. Chi vuole fare il bagnino, dovrà lavorare. Basta con il mestiere di avere una concessione governativa!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog