Cerca

Razzisti in curva

Fischi e insulti
al bomber nigeriano
E quando segna
gli ultrà se ne vanno

I tifosi si giustificano: "Ha mancato di rispetto alla città". Ma è già pronta la multa

Fischi e insulti
al bomber nigeriano
E quando segna 
gli ultrà se ne vanno

 

Ad un gol della propria squadra si dovrebbe esultare. Invece gli ultrà del Varese hanno prima fischiato e poi se ne sono andati dallo stadio in segno di protesta. Il perché è presto detto. A riportare in parità la squadra bianco rossa è stato Giulio Osarimen Ebagua, bomber nigeriano cresciuto in Italia, che i curvaiolo proprio non sopportano. L'assurda partita andata in scena al "Franco Ossola" di Varese contro i dilettanti bergamaschi del Pontisola la racconta il Corriere della Sera. 

Fin dal fischio d'inizio domenica sera - prima partita ufficiale della stagione - la Curva Nord ha fischiato e insultato il giocatore di colore. Fino al 28° minuto della ripresa quando - con il Varese sotto di un gol - Giulio Ebagua spedisce in rete la palla del pareggio. Incurante di ogni diplomazia il giocatore è corso sotto la Curva che lo stava svillaneggiando, si è portato l'indice alla bocca, ha alzato il dito medio finché un compagno lo ha portato via di peso. Dagli spalti hanno ripiegato gli striscioni e hanno abbandonato la scena. Sembrava tutto finito lì. E invece a partita conclusa (vittoria 2 a 1 del Varese), gli ultrà hanno assediato gli spogliatoi, pretendendo un "chiarimento". La conseguenza è stata che il pullman della squadra si è dovuta allontanare protetto dalla polizia.

"Il razzismo non c'entra, l'abbiamo fatto perché Ebagua ha mancato di rispetto alla città", hanno scritto poi gli ultrà nei loro forum. Giustificazioni che non hanno convinto neanche la società che ha già ammesso che il Varese verrà multato dalla Federcalcio per i cori razzisti della tifoseria.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino48

    15 Agosto 2012 - 12:12

    Hai proprio ragione amico mio. Siamo stupidi ed imbecilli, siamo veramente razzisti, ma verso noi stessi. Se una persona di qualsiasi coloro o etnia proclama il proprio orgoglio di appartenenza, e cosa buona e giusta, se invece noi italiani proclamiamo il proprio orgoglio di appartenere alla nostra razza ed etnia, siamo razzisti. ma siamo veramente stupidi

    Report

    Rispondi

  • libero14

    14 Agosto 2012 - 22:10

    Lei chiede, se non è razzismo cosa è ? - La risposta non è così complicata : potrebbe essere, ad esempio, "normale" maleducazione che non ha niente a che fare con i valori cromatici della pelle.

    Report

    Rispondi

  • giggino1977

    14 Agosto 2012 - 20:08

    Perchè non spiegano in che modo il giocatore avrebbe mancato di rispetto alla città ? Cosa ha fatto ? Perchè mai un giocatore di sana pianta dovrebbe mancare di rispetto ad una intera città ? E' risaputo che da quelle parti sono razzisti dentro, inutile strisciare sugli specchi.

    Report

    Rispondi

  • Aristogatto99

    14 Agosto 2012 - 17:05

    ...e aggiungo le assurde polemiche per i fischi a Balotelli in nazionale. Dissero che era per il razzismo.... ma allora perchè non fischiavano anche Ogbonna?? La ragione è che lo fischiavano per le sue malefatte... ma siccome è di colore, non si può! Si può fischiare Bonucci.. si può fischiare ThiagoMotta... ma Balotelli no perchè è nero. Mah!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog