Cerca

Belpaese in fiamme

L'Italia nelle mani dei piromani
Ogni giorno vengono accesi 110 roghi

L'allarme del Corpo Forestale dello stato: in un anno gli incendi sono aumentati del 74%

Nell'ultima settimana ci sono stati 840 roghi: Campania, Calabria, Sicilia, Sardegna, Campania, Toscane e Lazio le regioni più colpite
L'Italia nelle mani dei piromani
Ogni giorno vengono accesi 110 roghi

 

L'Italia brucia e non solo per colpa di Lucifero. Quest'anno gli incendi sono aumentati del 74% rispetto all'anno scorso. Finora da Nord a Sud sono stati registrati 6.200 roghi in più. Solo nell'ultima settimana ci sono stati 840 incendi, con una media di 110 fuochi accesi al giorno. E non è finita. Mauro Capone, responsabile della Divisione antincendio del Corpo forestale, ammette: "Ci aspettano ancora 20 giorni delicati in cui non si può abbassare la guardia pensando che il peggio sia alle spalle". 

La regione più colpita al momento risulta essere la Campania", dove proprio ieri ha perso la vita l'operaio in servizio presso la Sma (Società ambientale regionale). Più in generale anche Calabria, Sicilia, Sardegna, Campania, Toscane e Lazio hanno fatto registrare un alto numero di roghi. "Sicuramente le condizioni climatiche, ondate di   calore - spiega Capone - hanno una loro influenza ma l’innesco è quasi sempre da ricondurre alla mano dell’uomo o alla cattiva gestione  del territorio". "Ad oggi - riferisce il responsabile della Divisione antincendio  del Corpo forestale dello Stato - abbiamo denunciato circa 300 persone  in cui rientrano varie tipologie di soggetti, dal piromane seriale a   chi compie atti per avere a disposizioni terreni per il pascolo o per la caccia".

   La 'mano' della criminalità organizzata è invece più presente "nei roghi - spiega - che interessano terreni o beni confiscati proprio alla mafia, con il chiaro intento di provocare un danno, o ad   attività connesse alla gestione dei rifiuti".

 Importante è l’apporto che può arrivare dai cittadini. "C'è stato un incremento - dice Capone - del 30% delle segnalazioni al 1515 del Corpo forestale dello Stato. Numeri   importanti che dimostrano come la partecipazione e la collaborazione di tutti può aiutare a prevenire e a intervenire in tempo sui roghi".

Ma attenzione al 'fai da te' che nel caso degli incendi può rivelarsi fatale. "Chi si trova di fronte a un incendio deve segnalarlo immediatamente alle autorità evitando di affrontare l'emergenza da solo, basta infatti un cambio di vento per ritrovarsi   circondati dalle fiamme”. “Occorre poi seguire le indicazioni del personale preposto -   conclude - avendo ben presente che la priorità deve essere la propria  incolumità e non, ad esempio, il recupero di oggetti dimenticati. Infine bisogna fare in modo che ogni nostra azione non sia di intralcio ai soccorsi".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • egobz

    23 Agosto 2012 - 10:10

    Facciamo una legge che dia 20/30 anni di carcere a chi viene scoperto ad incendiare. 30 anni di carcere EFFETTIVO, senza sconti ed altre fesserie inventate da politici, giudici e avvocati apposta per far uscire di galera chiunque. Credo che quando una persona sa di rischiare di passare 30 anni in galera senza nessuna possibilità di uscire se non evadendo ci pensa parecchie volte prima di fare stronzate del genere.

    Report

    Rispondi

  • isidoro1964

    22 Agosto 2012 - 11:11

    Questi incendi - parlo di tutta l'Italia - sono CRIMINI CONTRO L'UMANITA'. Peccato che non ci sia la pena di morte, ma almeno l'ergastolo per questi criminali dovrebbe essere una certezza. Invece vengono trattati al massimo come rubagalline. Sono incapace di comprendere questo demenziale lassismo di chi ci dovrebbe governare.

    Report

    Rispondi

  • isidoro1964

    22 Agosto 2012 - 11:11

    Questi incendi - parlo di tutta l'Italia - sono CRIMINI CONTRO L'UMANITA'. Peccato che non ci sia la pena di morte, ma almeno l'ergastolo per questi criminali dovrebbe essere una certezza. Invece vengono trattati al massimo come rubagalline. Sono incapace di comprendere questo demenziale lassismo di chi ci dovrebbe governare.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    22 Agosto 2012 - 10:10

    Invece di dare fuoco a boschi in cui vivono animali,date fuoco a Montecitorio,quando sono tutti dentro a discutere per aumentarsi lo stipendio quando noi stiamo facendo la fame grazie alle manovre del Golpista in concorso con gli affiliati cialtroni che li sostengono.Si risolverebbe in 30 minuti il cancro dell'Italia.Raccomando una cosa...CHIUDETE LE PORTE.Se no è inutile.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog