Cerca

Orrore

Era incinta, uccisa davanti al bimbo
Poi il padre tenta il suicidio

Dramma nella periferia di Milano: la donna ammazzata con dieci coltellate dal convivente, che poi ha ingerito un acido e si è lanciato dalla finestra

L'uomo è fuori pericolo. Il bimbo di 14 mesi, illeso, è stato affidato ai parenti della donna

Aveva scoperto di essere incinta, Alessia Francesca Simonetta, 25 anni, uccisa venerdì sera dal suo compagno marocchino nel loro appartamento in via San Dionigi a Milano. Il test, con esito positivo, era ancora in bella mostra quando gli agenti sono entrati in camera da letto. Nulla da fare per lei, distesa sul pavimento, immobile, colpita per dieci volte con un coltello da cucina di 12 centimetri. Nascosto, dietro il divano, il figlio della   coppia di soli 14 mesi, terrorizzato ma illeso.

Il tentato suicidio - Suo padre, 28 anni, dopo il gesto, ha bevuto un acido sturalavandini poi ha tentato il suicidio lanciandosi dal balcone. Gli agenti arrivati sul posto insieme al 118 per soccorrerlo hanno notato le scarpe e i calzini sporchi di sangue nonostante non avesse ferite evidenti. Un particolare che li ha insospettiti e li ha portati in   quell'appartamento al settimo piano in cui si è svolto il delitto e in cui prima, alcuni testimoni, hanno sentito la coppia litigare. E' in quella gravidanza, forse non desiderata, che secondo gli inquirenti c'è il movente dell’omicidio. Sarà l’uomo, piantonato in ospedale e ora fuori pericolo, a ricostruire forse quanto accaduto e a spiegarne il motivo. Il piccolo, che ha assistito all’omicidio della madre, è stato affidato ai parenti di lei.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    17 Settembre 2012 - 12:12

    Ste' zoccole di merda si fanno trombare dai marocchini dalla lunga proboscide,e poi urlano quando prendono le mazzate...fanno bene gli arabi ad ammazzarle di botte !

    Report

    Rispondi

    • fonty

      fonty

      18 Settembre 2014 - 11:11

      Hai ragione satanasso, io non capisco cosa ci trovino di bello e di utile le donne Italiane in questi marocchi o negri, se non quello che dici tu. Non lo sanno che sono portatori di un'altra cultura, la quale relega la donna all'ultimo stadio, come un oggetto di proprietà su cui hanno diritto di vita e di morte ? No, loro vogliono provare lo stesso, poi succedono le tragedie.

      Report

      Rispondi

  • Il_Presidente

    16 Settembre 2012 - 23:11

    rimpatrio immediato per tutti gli straccioni islamici, a pedate... ma non l'avete capito che quegli scellerati, arroganti e violenti faranno presto scoppiare una guerra? Tutti i paesi civili dovrebbero mettere al bando l'Islam e coalizzarsi per lottare contro questa tirannia. E poi dicevano che un esercito di pezznti sarebbe stato la nostra salvezza! Basta immigrati!

    Report

    Rispondi

  • mab

    16 Settembre 2012 - 14:02

    Ne abbiamo già sentite a decine di queste storie di poverette che, per mancanza di buon senso o altro si sposano con questi avanzi del genere umano di magrebini che le perseguitano sino ad ucciderle. Gli idioti poi asseriscono che lo fanno anche gli italiani, è vero, ma se questi poveri idioti non hanno capito quali sono le differenze, inutile spiegarglielo.

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    16 Settembre 2012 - 09:09

    ...delle povere stupidotte che si sposano questi anumali...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog