Cerca

Tagli indolori

Come risparmiare in tempo di crisi:
banche, bollette, auto, farmaci

Con acquisti ragionati si può tagliare la spesa familiare fino a 8mila euro l'anno

Breve guida per fronteggiare l'austerity: 240 euro in meno sulle spese del conto corrente, 2000 euro sull'assicurazione della macchina, 2.200 sul cellulare
Come risparmiare in tempo di crisi: 
banche, bollette, auto, farmaci

Necessità fa virtù, sentenzia un vecchio detto. E la virtù, in questo tempo di crisi, è il risparmio. Stando attenti a ciò che si acquista si può infatti spendere fino a 8mila euro l'anno in meno. Detta così, sembra un'impresa faraonica: non tutti sanno navigare bene nel mare magnum delle offerte e le clausole spesso sono incomprensibili. Per questo il sito "Altroconsumo", con l'obiettivo di aiutare gli italiani a scegliere in modo oculato prodotti e servizi, ha preparato un manuale alla sopravvivenza che attraverso calcoli mirati in un database creato ad hoc permette di scegliere il fornitore meno caro e più adatto alle proprie esigenze.

BANCHE - Ecco allora che se il nostro conto corrente ci sembra gravare troppo sul budget familiare si può controllare se c'è la possibilità di risparmiare, visto che il costo annuo di una carta di credito non legata a un conto corrente può passare da 18 a 166 euro. Basta andare nella sezione specifica del sito Altroconsumo e confrontare le offerte: a sorpresa si possono risparmiare quasi 240 euro l'anno. 

AUTO - Anche l'assicurazione auto incide notevolmente sul bilancio di ogni famiglia, ma si può scegliere meglio: il premio complessivo annuale, per esempio, per due auto e uno scooter può passare da 2.014 euro a oltre 4.500.

BOLLETTE - Per quanto riguarda le bollette di luce e gas, il 90% degli italiani continua ad utilizzare le tariffe stabilite dall'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas. Se solo scegliesse la tariffa più conveniente una famiglia può risparmiare il 10%. Ancora più consistenti i tagli che si possono fare sulle bollette del telefono. Dal database di Altroconumo risulta che da un operatore all'altro ci sono percentuali che variano fino al 70%.

FARMACI - Come ultima pillola per risparmiare c'è il settore farmaci. Scegliendo quello generico, che per altro adesso deve essere prescritto dal medico, si riducono le spese annue per i medicinali del 30%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • SapereAude

    14 Gennaio 2013 - 12:12

    Se volete aiutare la gente a capire, la redazione poteva spiegare in un italiano semplice quello che Altroconsumo dice, non dice o fa finta di dire.

    Report

    Rispondi

  • giancgazz

    14 Gennaio 2013 - 11:11

    Una bella rivoluzione non ci sono altre vie.

    Report

    Rispondi

  • gianko

    19 Settembre 2012 - 14:02

    ero abbonato, poi ho disdettato; non mi piaceva il loro modo di essere saccenti su tutto.. ad esempio sul argomenti come salute, medicina, ecc.. erano appiattiti in modo servie sulle tesi ufficiali .. grazie allora mi guardo elisir, con quel pirla ex attore di serie c, di 'mirabrutta' e sento sempre le "verità ufficiali" senza pagare l'abbonamento

    Report

    Rispondi

  • pallinzi

    18 Settembre 2012 - 00:12

    I discorsi li sanno fare tutti. Il guaio sono i fatti e soprattutto i numeri. I discorsi si fanno bene stando appunto su altri pianeti, e magari andandoci. Si può magari risparmiare non abbonandosi ad Altroconsumo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog