Cerca

Parla Testi:
"La Ferilli voleva
un figlio da me"

L'attore fotografato mentre baciava Sabrina racconta la sua verità

16 Agosto 2012

0
Parla Testi:
"La Ferilli voleva
un figlio da me"

 

di Alessandra Menzani

Ronn Moss che lascia Beautiful e Jennifer Aniston che si risposa sono le uniche due notizie (leggere) degne di nota. E poi ci sono due strepitose storie di corna, diversissime tra loro.  C’è quella intercontinentale dell’attrice Kristen Stewart che ha tradito il vampiro Robert Pattinson con il regista (sposato) che l’ha diretta in Biancaneve e il cacciatore; poi c’è quella squisitamente casereccia di Sabrina Ferilli che avrebbe preso una sbandata per il giovane collega Francesco Testi nonostante il legame ormai duraturo con Flavio Cattaneo. Lei aveva reagito malissimo alla pubblicazione delle foto di Oggi in cui baciava di notte Testi, 33 anni, ex concorrente del Grande Fratello. Aveva smentito la relazione, aveva fatto strane allusioni e aveva tirato in ballo addirittura gli avvocati, diffidando tutti gli organi di stampa dal riportare notizie sul suo privato. «Le foto pubblicate», disse l’attrice, «sono foto di set e ciò verrà dimostrato in ogni sede. Smentisco categoricamente di aver mai avuto e né potrei avere rapporti intimi di qualsiasi genere e natura con Francesco Testi, attore della fiction Baciamo le mani prodotta dalla scuderia Tarallo di cui l’attore Testi fa parte ed a cui è legato da profondi rapporti». Sabrina, dopo il gran polverone, come capita spesso, è apparsa sui giornali raggiante e innamoratissima del fidanzato ufficiale (che su Chi sfoggiava, spiace dirlo, sandali capresi molto molto discutibili). Le grane sembravano archiviate. 

Invece no. Ora il terzo incomodo Testi decide di parlare. Chissà come reagirà Sabrina nel sapere che l’attore dichiara al settimanale Di Più, in edicola, che quelle foto non erano finte: «Stavamo pianificando addirittura un futuro insieme», dice, «addirittura, lei aveva espresso il desiderio di avere un figlio da me. Sì, ci amavamo, almeno questo era quello che credevo io. Poi lei con il suo comportamento inaspettato mi ha pugnalato alle spalle». Sob. E ancora: «Quel bacio era vero. Perché tra noi c’era un rapporto sentimentale che durava da mesi, non certo da ore». Sabrina, dopo la pubblicazione delle foto, aveva anche spiegato che il seducente collega era solo in cerca di facile pubblicità. Lui respinge l’accusa con fierezza: «Mi sono sentito dato in pasto all’opinione pubblica che, a volte, mi ha bollato come una specie di approfittatore, senza sapere la verità. Una verità, la nostra verità, che Sabrina non ha mai voluto raccontare perché, ora lo so, mi ha illuso, facendomi credere di essere importante per lei. Invece mi ha usato e pago le conseguenze». 

Secondo la ricostruzione degli esperti, la relazione tra i due sarebbe iniziata nel 2011 e sarebbe ripresa nel 2012 in occasione dei provini di Baciamo le mani, fiction in onda prossimamente su Canale 5 (pubblicità assicurata): «Appena ci siamo visti quello che abbiamo sempre provato ha ripreso vigore, inutile negarlo. Io ero scettico, non volevo, come ho detto, continuare a fare l’amante. Ma lei mi ha subito tranquillizzato dicendomi che non era più impegnata da mesi e che mi amava ancora. Successivamente mi ha spiegato che lei e Flavio (Cattaneo) erano rimasti comunque ottimi amici. Dopo sei anni di rapporto era perfettamente credibile».

Testi cerca davvero autopromozione, con questa intervista, o racconta la verità? Spiega: «Ha negato di avere una storia con me ma, addirittura, non ha mai ammesso che tra lei e Flavio fosse finita. In questo modo ha mandato all’aria tutto, calpestando i miei sentimenti. Mi ha pugnalato alle spalle e la cosa mi ha traumatizzato». In realtà la Ferilli non avrebbe mai rinunciato a Cattaneo: «Quando si è trattato di scegliere ha scelto lui. Adesso che ci penso, leggo con occhi diversi anche un episodio al quale non avevo dato molta importanza. Un giorno, quando eravamo in Bulgaria, Cattaneo è venuto a trovarla. Stando alla versione di Sabrina lui era venuto a portarle dei documenti. Lì per lì non ho dato peso alla faccenda perché, per quello che Sabrina mi aveva raccontato del loro rapporto, non avevo nulla da temere. Invece, in quei giorni, lei era tra due fuochi. E alla fine ha deciso di spegnere il mio, di fuoco, e in questi due mesi mi sono davvero sentito spento». Commovente. 

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media