Cerca

Dopo le amministrative

Berlusconi: "Trattare con Grillo e Casini"

Il Cav: "E' necessario per le riforme. I piccoli partiti guardano troppo al proprio interesse"

Silvio Berlusconi

"Per portare a casa le riforme necessario trattare anche con Grillo e Casini"

Silvio Berlusconi è chiaro: "Questo Paese è ingovernabile". Per questo, ha aggiunto il Cavaliere, è necessario riformare l'architettura costituzionale. L'ex premier ricorda che "mesi fa presi la decisione di dare le dimissioni perché mi fu offerta la possibilità di sedermi al tavolo con l'opposizione per fare le riforme e cambiare l'architettura costituzionale". Concetti cari al Cavaliere, già ripetuti in diverse occasioni. Ma è su come raggiungere questi obiettivi che Berlusconi aggiunge un forte elemento di novità: è necessario trattare anche con Beppe Grillo.

"Trattare con Grillo" - Spesso, ha spiegato il Cav, i piccoli partiti guardano più all'interesse dei loro leader che a quello generale. E così, nel corso della consegna dei premi Guido Carli, Silvio spiega che contro la lungaggine delle leggin in Parlamento è necessario "trovare l'accordo con i piccoli partiti come il 5% di Grillo, il 4% di Casini, il 2% dell'Idv e il 9% di Bossi". Secondo Berlusconi le piccole formazioni "agiscono non per l'interesse comune ma guardando spesso al proprio interesse particolare che coincide con l'interesse dei propri leader".

Nomina della Consulta - Il presidente del Pdl poi ripete: "Auspico che al tavolo con l'opposizione si possa ancora trovare l'accordo su altri punti della riforma dell'architettura costituzionale". Il Cav ha poi citato ad esempio la riforma "del sistema di nomina della Corte Costituzionale" e "la possibilità che il presidente del Consiglio possa chiedere lo scioglimento delle Camere". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    11 Maggio 2012 - 15:03

    Sei sicuro che fosse uno strenuo oppositore delle logge massoniche occulte? A me risulta massone pure lui, e per di più della loggia coperta "Giustizia e lbertà".

    Report

    Rispondi

  • spalella

    11 Maggio 2012 - 15:03

    Tranquillo B. il PDL con i suoi democristiani ipocriti e clericali, i suoi socialisti che chissà perchè sono sempre stati dei ladri, ed i suoi reperti archeologici del MSI, AI GRILLINI (non a grillo) interessa ssai poco. E nemmeno a me per la verità che il prox voto lo darò proprio ai grillini di cui grillo è solo portavoce. Li trovo GIOVANI, con cultura medio alta e superiore alla media della popolazione, DETERMINATI proprio perchè giovani e penalizzati da questo sistema di VECCHI, e MODERNI cosa che le bestie della politica di oggi certo NON sono. Tranquillo, B., non ti cag....o per nulla.

    Report

    Rispondi

  • cheope

    11 Maggio 2012 - 11:11

    Berlusconi ha capito che il PDL è finito, e nella nuova coalizione (o federazione) che vuole fondare ci vuol mettere dentro tutti compreso Grillo. Ma penso proprio che questa volta gli andrà male.

    Report

    Rispondi

  • biri

    11 Maggio 2012 - 10:10

    L'unica cosa rilevante di questa notizia, assodato che i quotidiani deliri dell'omino in materia costituzionale servono ormai soltanto a lui per dare aria ai denti (finti, come tutto il resto), è che gli sia stato attribuito il Premio Carli. Sì, proprio Guido Carli, lo strenuo oppositore delle logge massoniche occulte, di una delle quali il vincitore del premio vanta la tessera numero 1816. Poi si scopre che la giuria era presieduta da Gianni Letta e che il premio era sponsorizzato da Alemanno, e si capisce tutto. Anche che lo stesso premio, per la categoria "Giornalismo", sia stato attribuito a Littorio Feltri...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog