Cerca

Bufera nel Carroccio

Mezza Lega contro Tosi:
"Se via Bossi, partito si spacca"

Il sindaco: "Se illeciti confermati, non può restare nel partito". Ma un gruppo di deputati: "Noi sempre col Senatur"

Pesanti critiche del sindaco di Verona contro il fondatore della Lega. Tosi boccia anche Pontida e poi plaude il tendem Maroni-Zaia. Ira dei senatori di Roma
Mezza Lega contro Tosi:
"Se via Bossi, partito si spacca"

La resa dei conti non è affatto finita. Dopo i pessimi risultati nei ballottaggi dei candidati leghisti (7 sconfitte su 7), tornano a volare i coltelli nel Carroccio. E c'è chi ora parla apertamente di spaccare in due il partito: un gruppo di deputati della Lega afferma infatti che se il sindaco di Verona Luca Tosi propone una Lega senza Bossi, per molti deputati, dirigenti e militanti la scelta diventa obbligata. Spaccare la Lega...”. A dichiararlo sono i deputati  Alberto Torazzi, Marco Desiderati, Fabio Meroni,   Giacomo Chiappori e Daniele Molgora, all’indomani delle dichiarazioni   del sindaco di Verona, Falvio Tosi, che ha avanzato dubbi sul ruolo di presidente del Senatur.

Tosi contro Bossi -  "Se fosse confermato che ha autorizzato personalmente le spese dei figli, difficile pensare che Umberto Bossi possa fare il presidente della Lega o a qualsiasi ruolo all'interno del movimento" ha detto il primo cittadino veneto a La Zanzara su Radio2. Netto come solo un sindaco leghista vincitore al primo turno con il 57% potrebbe essere. E ha continuato: "Se la storia delle paghette fosse confermata mi vergognerei come leghista. Io personalmente quando ero ragazzo, alla stessa età, prendevo qualche migliaia di lire, non di euro. Renzo dovrebbe essere espulso e ci sono le condizioni per un'azione penale e una richiesta di risarcimento danni. Se fosse tutto confermato, ovvio". Insomma, a Tosi non basterebbe espellere dal partito il Trota, punta al pesce grosso: il padre padrone della Lega Umberto.

Il futuro della Lega - Secondo Tosi, se le accuse contro Bossi risultassero fondate, "è chiaro che nei suoi confronti la Lega nord dovrebbe prendere dei provvedimenti". Il sindaco di Verona ha poi smorzato i toni. "Bisogna che la Lega Nord per prima - ha spiegato - faccia una verifica senza attendere quella della magistratura per i tempi lunghi. Verifica tanto più necessaria perchè può essere che le autorizzazioni di spesa siano avvenute all'insaputa di Bossi". Tosi ha poi parlato del futuro del partito: "Se il prossimo segretario, come immagino e spero, sarà Roberto Maroni, è normale che il vicesegretario sia un veneto come Luca Zaia, perchè le due colonne del movimento sono la Lombardia e il Veneto e anche perchè come sostiene lo stesso Maroni, non deve più esserci un uomo solo al comando, ma un gruppo di persone che lavorano in maniera coesa e coerente con gli interessi del partito".

 

 

Pontida? No - Il sindaco ha parlato anche del rinvio del raduno di Pontida. "Adesso c'è una stagione di congressi e arriviamo alla fine di giugno. Pontida è come la nuvola di Fantozzi, o piove che Dio la manda o c'è un caldo infernale. Vedremo all'inizio di luglio com'è la situazione, se c'è troppo caldo meglio non farla". Dopo la nota meteorologica, anche un commento sulla sua visionde della politica. "Io sono leghista al cento per cento, però - ha concluso Tosi - sono democristiano quando amministro, per il modo di far politica. La Dc quella buona dei bei tempi che stava in mezzo alla gente, che ascoltava".

 

Critiche - Parole di rimprovero per Tosi sono però arrivate anche da un gruppo di senatori padani. "Non è ammissibile che un qualunque esponente della Lega Nord si permetta di fare processi sommari al padre fondatore del nostro movimento. Ricordiamo che tutti noi, a partire da Tosi, senza Bossi saremmo a fare tutt'altro". Così i senatori della Lega Luciano Cagnin, Roberto Castelli, Cesarino Monti, Giuseppe Leoni e Armando Valli che parlano di "un'abitudine tutta italiota, non certo leghista, di accanirsi contro chi, in un particolare momento storico, può apparire debole". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    24 Maggio 2012 - 00:12

    La Lega è da rifondare, dopo la triste esperienza con il pdl. E' ora di fare un partito serio, e gli unici che possano riuscire in questo compito sono Tosi e Maroni, con l'ausilio di molti altri che nel "cerchio magico" non sono mai entrati. Questa è l'occasione: se la perdete adesso, difficilmente se ne presenterà un'altra e la Lega sarà condannata a sparire. Fuori Berlusconi e Bossi dalla politica, altrimenti la Destra non ripartirà mai.

    Report

    Rispondi

  • criticone

    23 Maggio 2012 - 20:08

    ma chi siete voi senatori della lega che vi opponete al processo interno a chi ha rubato.siete della stessa risma?vegogna.siete stati votati da gente onesta non da ladri.vergogna e vi chiedo di dimettervi immediatamente non meritate il posto che occupate.piazza pulita è la base che lo chiede.

    Report

    Rispondi

  • criticone

    23 Maggio 2012 - 20:08

    sono leghista dai tempi in cui, al raduno di Occhiobello, le forze dell'ordine prendevano le targhe dei partecipanti.per questo mi sento in dovere di dire che ,chiunque approfitta della sua posizione ,all'interno del partito, per rubare, deve essere espulso immediatamente.mi dispiace per Bossi, ma se colpevole deve fare un passo indietro e ritirarsi.i suoi colonnelli non hanno nessun diritto di difendere un personaggio disonesto se verrà accertata la suo colpevolezza.il partito si deve costituire come parte offesa.io sarò sempre leghista e dalle ceneri dobbiamo risorgere alla faccia di chi adesso ride.dobbiamo dimostrare che l'onestà é ancora un valore contro cui nessuno può opporsi.bisogna governare come ha fatto Tosi per questo è stato rieletto.l'onestà paga sempre.

    Report

    Rispondi

  • allerria

    23 Maggio 2012 - 19:07

    tutto questo accanimento contro la lega non lo capisco più e non lo giustifico,a sesto san giovanni nonostante lo scandalo penati-bersani il candidato pd è stato eletto con quasi il 70% di voti,è mai possibile che gli elettori di lega e pdl si facciano irretire in questo assurdo massacro,impariamo dai sinistri,a loro dell'etica non frega niente,la usano solo come arma politica e noi ci caschiamo come idioti,diciamo pure che questo giornale da mesi ce la mette tutta per fare il loro gioco,diamoci una calmata altrimenti è finita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog