Cerca

Flussi elettorali

Ecco a chi ruba i voti Beppe Grillo:
sta prosciugando Lega e Idv

Mentre a Parma nessun ex elettore del Pdl ha scelto il comico. Ma per gli azzurri il tasso di fedeltà è solo al 50%

Il Carroccio è il partito più disastrato: tiene (alla grande) solo a Verona con Tosi, mentre soltanto 40 elettori su 100 hanno deciso di votarlo ancora
Beppe Grillo

Il successo di Beppe Grillo e del Movimento 5 Stelle? Tutto merito della Lega Nord e dell'Idv: sarebbero questi i due partiti a cui a Parma il neosindaco Federico Pizzarotti avrebbe rubato la stragrande maggioranza dei voti. E' quanto rivela l'istituto Cattaneo di Bologna, che inoltre individua un contrubto "pari a zero" del Pdl a vantaggio del grillino. Le cifre: su 100 elettori che nel 2012 hanno votato il grillino Pizzarotti, infatti, solo due anni prima, in occasione delle regionali del 2010, in 26 preferivano la Lega, in 18 l'Idv, in 7 il Pd e zero il Pdl. E' quanto viene spiegato nell'analisi dei flussi elettoriali curata da Piergiorgio Corbetta e Pasquale Colloca. Gli ex elettori del Pdl, a Parma, hanno accordato le loro preferenze in maggior parte alle liste civiche (64 su 100), il 21% ha confermato il voto al Pdl, 8 su 100 sono passati al Pd mentre il 7% ha deciso di astenersi.

Crollo azzurro - L'Istituto Cattaneo ha effettuato il raffronto tra le regionali 2010 e il primo turno del 2012: non viene dunque escluso che al ballottaggio di Parma molti voti pidiellisini (delusi dall'amministrazione di centrodestra uscente) siano finiti al candidato di Grillo. Ma c'è un altro dato che deve preoccupare il Pdl: il tasso di fedeltà degli elettori - a Monza, Verona, Genova, Piacenza e Parma - è sprofondato sotto il 50 per cento. A Monza il dato è impressionante: su 100 elettori che nel 2010 avevano votato Pdl, ben in 18 hanno scelto il candidato di centrosinistra.

Lega Nord agonizzante - Ma il partito a cui è andata peggio di tutti è stata la Lega Nord, con l'eccezione di Verona dove Flavio Tosi ha raccolto percentuali bulgare di consensi (con tasso di fedeltà al 97%). Molti ex elettori del Carroccio hanno scelto le 5 Stelle (38 su 100 a Parma), il 30% le liste civiche e 16 su 100 il centrosinistra. In media il tasso di fedeltà degli elettori leghisti non ha superato il 40 per cento. "Eppure - sottolinea l'Istituto Cattaneo - l'espressione del malumore dell'elettore della Lega verso il proprio partito è diversa da quello dell'elettore del Pdl, nel senso che esprime un chiaro sentimento di protesta anti sistema: se si sommano i voti che dalla Lega sono andati al Movimento 5 Stelle e all'astensione, a Genova e Monza si supera la metà dei voti in precedenza attribuiti alla Lega".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    14 Giugno 2012 - 20:08

    Fa la stessa fine della Lega?

    Report

    Rispondi

  • binariciuto

    12 Giugno 2012 - 12:12

    Grillo? L'uomo sbagliato al momento giusto: per eliminare la classe politica e l'incrostazione burocratica di questa finta nazione serve un trauma violento e Grillo è il grimaldello per farlo. Poiché è severamente vietato usare P-38 e generi affini, voterò chi considero un'arma letale per quanto sopra, con buona pace dei matusalemmi che elargiscono vuoti sermoni ogni momento e di chi non ha capito che di questo passo la rivoluzione è alle porte.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    11 Giugno 2012 - 18:06

    Finalmente uno che ha le palle,lo dico seriamente.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    11 Giugno 2012 - 18:06

    Perchè esiste una lega onesta?Se e così,come mai la n'drangheta fà affari d'oro in padania?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog