Cerca

Inciuci a Palazzo

Trattative segrete al Senato
per "graziare" Lusi

Il 20 giugno l'Aula dovrà decidere sulla carcerazione dell'ex tesoriere della Margherita

Tedesco starebbe raccogliendo firme per il voto a scrutinio segreto che potrebbe ribaltare la decisione della Giunta per le immunità
Trattative segrete al Senato
per "graziare" Lusi

Trattative segrete a Palazzo Madama per "graziare" Luigi Lusi. Mercoledì prossimo (20 giugno) infatti l’aula del Senato dovrà votare sulla richiesta di arresto per l’ex tesoriere della Margherita ma l'esito è tutt'altro che scontato. Nonostante il parere favorevole già espresso dalla Giunta per le immunità martedì scorso con 13 voti a favore e solo quattro contrari (ma a questi si aggiungono due senatori del Pdl che non hanno partecipato al voto) il verdetto potrebbe essere ribaltato. 

Il Popolo della libertà ha annunciato che in aula lascerà libertà di coscienza ai propri senatori e per questo, è stato spiegato, non sarà necessario il voto segreto. Ma sarebbero in corso trattative per la richiesta di scrutinio segreto: in ambienti parlamentari viene riferito che il senatore Alberto Tedesco (ex Pd, ora al misto), già 'salvato' dall’aula di Palazzo Madama dagli arresti domiciliari per l’inchiesta sulla sanità in Puglia, starebbe facendo una 'campagna adesioni' per mettere insieme 20 senatori, necessari per la richiesta di voto segreto. 

Lo stesso senatore Lusi questa mattina avrebbe parlato con il collega Tedesco e in aula, sedutosi nei banchi del centrodestra, si sarebbe intrattenuto con alcuni senatori del Pdl, tra i quali Ferruccio Saro e Nitto Palma. Proprio Saro è stato il relatore del caso Lusi in Giunta: in quella sede aveva espresso il suo parere contrario alla richiesta dei magistrati romani di arrestare Lusi e la sua relazione è stata bocciata. Mercoledì prossimo in aula a Palazzo Madama sarà invece Marco Follini, presidente della Giunta, a farsi relatore della richiesta di votare a favore dell’arresto. Se alla fine ci sarà la richiesta di voto segreto, è possibile che anche stavolta l’aula del Senato ribalti il verdetto della Giunta come è accaduto sul caso De Gregorio, 'graziato' a sorpresa proprio dal voto segreto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • thorglobal

    15 Giugno 2012 - 00:12

    Parliamoci chiaro.Questo stato con questi politici fa letteralmente schifo.Mi auguro un bel colpo di stato e mandare ai lavori forzati certa gente.Il fatto è che si permettono di rubare miliardi e mandare in galera un ladro di polli.

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    14 Giugno 2012 - 23:11

    forse qualcun altro potrebbe seguirlo?

    Report

    Rispondi

  • italiano desluso

    14 Giugno 2012 - 22:10

    Se veramente avranno il coraggio di votare una simile ignominia, noi cittadini dovremmo avere il coraggio di portarli fisicamente fuori dai loro Palazzi una volta per tutte. Va bene pararsi il c .. o e fare gli affaracci loro, ma a tutto c'è un limite !!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • ansimo

    14 Giugno 2012 - 22:10

    non è per caso quello che succede da sempre, tranne in qualche sporadico caso definito poi incidente di percorso? Si chiama garantismo e serve per difendersi dai magistrati nullafacenti e comunisti che per ingannare il tempo indagano sui politici impegnati nel mandare avanti(si fa per dire)una Nazione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog