Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

L'indiscrezione

La sinistra pugnala Renzi:
"Il Cav lo vuole premier
per conquistare il Quirinale"

Il piano rivelato da L'Espresso: "Silvio non può riformare il partito perché tutti pensano a salvare la propria poltrona"

Silvio Berlusconi e Matteo Renzi

Lo scenario politico è fluido, ogni giorno escono indiscrezioni, piani, conferme e smentite su scenari futuribili. L'ultima pazza idea è quella rilanciata da L'Espresso che, spiega "è entrato in possesso del documento riservato commissionato dal Cavaliere a un gruppo ristretto di consiglieri capeggiati da Dell'Utri e Verdini (oltre cha dal suo nuovo guru Volpe Pasini). Risultato: via il Pdl e quasi tutti i suoi dirigenti". E fin qui, le voci erano già circolate: su Libero vi abbiamo dato conto della spaccatura ai vertici del partito, tra chi vuole seguire e favorire il progetto "rivoluzionario" di Berlusconi e chi, invece, vorrebbe seguire la linea dell'ortodossia tracciata da Angelino Alfano.

Renzi premier - L'Espresso, però, aggiunge un particolare interessante: Berlusconi, infatti, vorrebbe dare vita a una Lista Civica nazionale che dovrà allearsi con il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, il rottamatore del Pd, che sarebbe destinato a Palazzo Chigi. L'obiettivo finale del piano? "Salvare Silvio dai giudici e (se possibile) farlo eleggere Presidente della Repubblica". Mentre Renzi, come detto, indosserebbe la pettorina di Presidente del Consiglio. Un progetto quantomeno bizzarro e che può essere interpretato in due modi. C'è chi vi può vedere la conferma dei rapporti di "buon vicinato" tra il Cavaliere e Renzi. Oppure potrebbe essere letto come una pugnalata della sinistra, inferta tramite il gruppo editoriale di Carlo De Benedetti, al sindaco rottamatore di Firenze, che vuole conquistare il partito spazzando via tutta la vecchia nomenklatura: quale miglior polpetta avvelenata che accostare il suo nome a quello dell'arcinemico Berlusconi? Quale migliore escamotage che suggerire che Renzi possa farsi garante del salvacondotto giudiziario di Berlusconi?

Renzi smentisce - Da par sua, Renzi smentisce con ironia le indiscrezioni: "L'Espresso lancia con enfasi un piano di  rinascita berlusconiana sparandomi in apertura. Ovviamente tutto senza chiedermi una dichiarazione, senza fare una verifica, senza nulla. E allora voglio svelare il mistero: il piano esiste! L’hanno firmato non solo Verdini e Dell’Utri, ma anche Luciano Moggi, Licio Gelli, Jack lo Squartatore e Capitan Uncino. Ma sono stato irremovibile: finchè non me lo chiede il mostro di Lochness non accetto". Questo il messaggio scritto dal sindaco di Firenze sul suo profilo Facebook.

Bonaiuti: "Fantapolitica" - La smentita è arrivata anche dal Pdl, per bocca del portavoce di Berlusconi, Paolo Bonaiuti, che ha spiegato: "Non esiste nessun piano segreto che riguardi il presidente Berlusconi. Nessuna operazione Rosa Tricolore né rossa né gialla. Nessun progetto in due, tre, quattro, cinque mosse per andare al Quirinale. Nel giorno di inizio dell'estate - ha proseguito Bonaiuti - la calura ha giocato davvero un brutto scherzo ai fantasiosi cronisti del gruppo Repubblica. Le bufale estive si sono dilatate in un romanzetto di fantapolitica coinvolgendo perfino l'ignaro sindaco di Firenze. Tutto inventato, tutto destinato a creare agitazione in un momento difficile per il Paese. E si è pure costretti a smentire per il timore che in questo clima qualcuno possa dare un minimo di credibilità a tali sciocchezze", ha concluso Bonaiuti.

La Rosa Tricolore - Secondo quanto riportato dal settimanale, il documento in questione circolava ieri, mercoledì 20 giugno, riservatamente nell'aula di Palazzo Madama mentre i senatori si apprestavano a votare per l'arresto di Luigi Lusi. Si tratterebbe di "otto pagine dattiloscritte più copertina", il titolo "La Rosa tricolore"; il sottotitolo "un progetto per vincere le elezioni politiche del 2013". Il simbolo del dattiloscritto è una rosa stilizzata con petali rossi, bianchi e verdi su tutte le pagine. Sarebbe questo, secondo l'Espresso, il vero piano di Silvio Berlusconi per raddrizzare la rotta, per salvare il Pdl o quello che resta dalla picchiata nei sondaggi. L'obiettivo è quello di provare a vincere nelle prossime elezioni, tra un anno o nel 2012, "nel caso di voto anticipato".

Le tre mosse - Nel dettaglio, il piano prevede tre mosse. La prima, azzerare l'attuale Pdl insieme a tutti i suoi dirigenti (eccetto Denis Verdini). La seconda, costruire un network di liste di genere - donne, giovani, imprenditori - tutte precedute dal logo "Forza". La terza, e più clamorosa, è quella di candidare un premier a sorpresa, pescato dal primo partito avversario: è qui che viene fuori il nome di Matteo Renzi, candidato alle primarie del Pd, che di fatto silurerebbe il delfino Alfano, sempre più ai margini del partito nonostante il ruolo di segretario.

"Partito non riformabile" - Il presupposto da cui muove l'operazione Rosa Tricolore è la crisi che pare irreversibile del Pdl che, si leggerebbe nel rapporto, "appare non riformabile e i suoi dirigenti hanno un tale attaccamento al proprio posto di privilegio da considerare come fondamentale la sopravvivenza solo di se stessi. Miracolati, irriconoscenti appiccicati sulle spalle di Berlusconi". Secondo quanto riportato dall'Espresso, il piano prevederebbe che una sconfitta elettorale "toglierebbe a Berlusconi la sola protezione contro chi lo vuole morto finanziariamente, giudizialmente e fisicamente". La sostanza? Pur di non mollare la poltrona, i vertici e gli onorevoli del Pdl, sarebbero pronti a sacrificare Berlusconi. Il Cavaliere, allora, vuole azzerare tutto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biri

    22 June 2012 - 13:01

    A questo punto, Tubino l'Apostata che, essendosi formato come friggitore di patatine alle Feste de L'Unità (prima di avere una visione della Santanché e conseguentemente convertirsi alla vera religione) è uno che vede lontano e argutamente, ci spiegherà senza ombra di dubbio che il signor Volpe Pasini, che ha rivelato di essere l'autore del documento in questione, è un infiltrato trinariciuto sinistrorso compagnonzo pagato da L'Espresso per screditare il povero Renzino. O, per una volta, troverà quel residuo di onestà intellettuale necessario per dire "Scusate, mi sono sbagliato. Il mio odio per chi non mi ha più lasciato friggere le patatine alle feste de L'Unità è così forte che mi accecato"?

    Rispondi

  • bruno osti

    22 June 2012 - 12:12

    dal Giornale di oggi: "...Non che il Cavaliere non veda l'ora di disfarsi di un Pdl che non gli piace più - tanto che nonostante l'ex premier lo neghi categoricamente, anche i vertici di via dell'Umiltà iniziano a prendere coscienza del problema - ma pensare che davvero il candidato del centrodestra possa essere il sindaco di Firenze in corsa per le primarie del Pd pare piuttosto azzardato. Eppure basta questo - un documento, si scoprirà qualche ora dopo, scritto dall'imprenditore friulano Diego Volpe Pasini, avvocato eamico di Vittorio Sgarbi - a far saltare sulla sedia più di un dirigente del Pdl. Come a dire che nel partito ormai ci si aspetta di tutto..."

    Rispondi

  • 654321

    22 June 2012 - 11:11

    il tossicocompagnoleso, tana! Pinux, ma a cacare no? Simpatichello coglione infiltrato che vuoi dimostrare? Non sforzarti, non bruciare i tuoi residui cerebrali,non ce ne frega un cazzo di te dei tuoi postati e dei sovietici come te Se qui cìe' un coglione e presuntuoso sei te! Non sei mica alla festa dell'unita! COGLIONE patentato , si legge che sei un sovietico!! Ti arroghi il diritto di infiltrarti e pretendi di dare del coglione agli altri!! Ma pensa a casa tua e le corna che ci sono nel tuo partito coglione doc!Sei un cerebrocompagnoleso la vita ti ha fottuto, non sei nessuno e vieni qui a fare il galletto! Scemo,ma sai dove scrivi? Secondo me avresti bisogno di un TSO d'urgenza! Vedi di non sforzarti piu' di tanto per dimostarci che sei una pecora!!Pinux,il sole ti ha cotto quel poco cervelletto che la natura ti ha dato!! Vai al parco al fresco e sii buono con il tuo cervelletto, mettilo all'ombra e aiutalo a non sforzarsi piu' di tanto, ti sara' riconoscente!!

    Rispondi

  • grillourlante

    22 June 2012 - 10:10

    anche se (e sottolineo se) non organizzano la raccolta del pizzo e non gestiscono il mercato della droga il loro fare è esattamente quello di una cosca... mi riferisco al gruppo l'espresso che ho avuto modo di conoscere molto da vicino; ogni parola scritta e pronunciata risponde ai fini di quel gruppo, di chi lo dirige e di quelli dei quali l'espresso tutela gli interessi. non c'è giornale che abbia una struttura più verticale di quello de la repubblica e non c'è redazione meno democratica della loro. si organizzano scientemente per uccidere l'avversario e colpiscono furiosamente, come una cosca appunto. trovano un pezzettino di carta, una fotina e condiscono con valanghe di intercettazioni (che ogni procura non manca mai di procurare loro) per uccidere nel nome della libertà di stampa e del diritto di cronaca. il più delle volte le loro vittime non vengono nemmeno condannate anzi spesso vengono assolte con formula piena, ma lo sputtanamento c'è stato e a loro, alla cosca, tanto basta.

    Rispondi

Mostra altri commenti