Cerca

La novità nella bozza

Bollette ferme fino al 2013
La sconfitta di Passera

Nella bozza sulla spending review c'è il blocco delle tariffe di luce, acqua, gas e trasporti. Il ministro era contrario
Corrado Passera

Nella bozza della spending review spunta il blocco delle tariffe fino al 31 dicembre 2012. La misura scatta dalla entrata in vigore del decreto (approvato oggi, martedì 3 luglio alla Camera, con 387 sì, 20 no e 47 astenuti: ora la palla torna al Senato, che ha tempo fino al 7 luglio per la conversione finale), nel quale si legge che "è sospesa l'efficacia delle norme statali che obbligano o autorizzano organi dello Stato o autorità ad emanare atti aventi ad oggetto l'adeguamento di diritti, contributi o tariffe a carico di persone fisiche o persone giuridiche in relazione al tasso di inflazione, ovvero ad altri meccanismi automatici". L'indiscrezione relativa al blocco delle tariffe aveva cominciato a circolare da giorni ed era stata rilanciata in mattinata dal quotidiano La Repubblica, ma era stata smentita dal sottosegretario allo Sviluppo Economico, Claudio De Vincenti, che aveva dichiarato: "Non credo che la misura sia possibile, comunque si vedrà". Poi il viceministro dell'Economia, Vittorio Grilli, che si era trincerato dietro un no comment: "Non posso parlarne oggi, non faccio alcun commento", aveva detto ai cronisti a margine di un'audizione alla Camera.

Perde Corrado Passera - Ma alla fine il blocco delle tariffe di luce, acqua, gas e trasporti c'è. Il provvedimento mira a contenere gli oneri finanziari a carico di cittadini e imprese, neutralizzando gli effetti dell'inflazione. Ma per le imprese coinvolte, ossia per chi fornisce i servizi (Enel, Acea, A2, Eni, Autostrade, ecc), il provvedimento è una mazzata. Infatti, secondo indiscrezioni di stampa, ai vertici dell'esecutivo si è consumato uno scontro tra il premier, Mario Monti, e il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, che sostiene che il blocco delle tariffe comporterà sicuri effetti negativi per i titoli delle società quotate in Borsa (che avevano già virato verso il basso dopo le prime indiscrezioni). 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Phidry Hiellie

    03 Luglio 2012 - 22:10

    ....è un impostore come il suo kapo, El kolonello montes, mai eletto dal Popolo Sovrano. Ho letto giorni fa che dovrebbe pure essere indagato per giri loschi da bankhiere. Ma guarda, il bippede alato ha capito subito, per poter far parte della KASTA devi essere indagato o maffioso!!!! Via gli abusivi dal Governo della nosta amata Patria, Via queste brutte bestie,tutti compresi, colli compresi, che hanno fatto debito pubblico, si sono arricchiti, barche, castelli,soldi all'estero, e ci accollano il conto a noi povera gente!!!

    Report

    Rispondi

  • berrik

    03 Luglio 2012 - 22:10

    Dopo anni di depredazione della cosa pubblica da parte dei comunisti in particolare e di tutta la classe politica in generale, compreso sindacati e consimili, sembra che Monti metta fine allo stato comunista d'Italia che dio accolga le nostre preghiere di lavoratori che da 40 anni producono per le cavallette comuniste che hanno distrutto tutto moralita etica e tutte le altre doti del popolo Italiano che e stato fino dai tempi dei Romani propulsore dello sviluppo umano

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    03 Luglio 2012 - 21:09

    Nessun ritegno per la "borsa" della spesa degli italiani. Pagate e basta! Non ne possiamo più di voi ricchi!

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    03 Luglio 2012 - 21:09

    PASSERA

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog