Cerca

Il ministro delle Lacrime

La Fornero frigna ancora:
"Sfiducia, che sofferenza..."

Respinta la mozione individuale nei suoi confronti ma cresce la fronda del Pdl. Elsa si salva, poi lo sfogo: "Un mattone sullo stomaco"

Elsa Fornero

 

Il ministro delle Lacrime questa volta si trattiene (e si salva dalla sfiducia), ma mette in piazza tutta la sua sofferenza: "Infastidita? Non è il termine adatto, chiaramente mi ha creato sofferenza", ha spiegato Elsa Fornero dopo che era stata respinta la mozione di sfiducia individuale nei suoi confronti (435 i "no" dell'aula alla Camera, 88 i "sì" mentre gli astenuti erano 18). "Ora - ha aggiunto il ministro del Lavoro - continuerò a lavorare con l'impegno di prima. A chi mi accusa voglio dire che non ho mai mentito", ha aggiunto respingendo i sospetti sul suo "balletto" sulle cifre degli esodati. La lagna del ministro, pur non plateale come quella che seguì il varo della riforma delle pensioni, non è ancora terminata: "La sensazione è stata quella di avere un mattone sullo stomaco. Ora il mattone si sta spostando e tornano l’impegno e la determinazione a lavorare. I problemi sono tanti e complessi. Gli italiani vorrebbero avere i risultati subito ma non è facile perchè i problemi sono tanti. Faccio fatica a capire il gioco politico essendo un tecnico, per me le parole hanno un valore, se mi si accusa di mentire, nessuno al mio posto avrebbe preso la cosa alla leggera", ha spiegato ai microfoni di TgCom24.

La fronda del Pdl - Come ampiamente previsto, la Fornero si è salvata dalla sfiducia. Ma sul voto in aula possono essere fatte delle considerazioni. La prima riguarda il Pdl, sempre più affrancato dal governo dei tecnici. E' stata folta la fronda degli Azzurri che avrebbe voluto affondare la Fornero: 61 i voti del partito di via dell'Umiltà che sono mancati alla mozione presentata da Idv e Lega a Montecitorio. Tabulati alla mano, sono cinque i deputati del Popolo della libertà che hanno votato sì alla sfiducia: Edmondo Cirielli, Lino Miserotti, Alessandra Mussolini, Mauro Pili e Fabio Rampelli. Sedici gli astenuti mentre 40 i deputati che non hanno votato, di cui 9 in missione. Tra gli assenti, Silvio Berlusconi, Massimo Corsaro, Maurizio Bianconi, Guido Crosetto, Ignazio La Russa, Giulio Tremonti e Denis Verdini. Tra gli astenuti pidiellini spiccano, la tessera numero due di Forza Italia, l’economista Antonio Martino, il suo braccio destro, Giuseppe Moles, l’ex sottosegretario alla Difesa, Giuseppe Cossiga, il presidente della provincia di Napoli, Luigi Cesaro, Debora Bergamini, Michaela Biancofiore.

"Un ministro pessimo" - Edmondo Cirielli ha spiegato il perché del suo voto contro la Fornero: "Ho votato la sfiducia al ministro con convinzione". Il presidente della Commissione Difesa della Camera ha aggiunto: "E' un ministro pessimo sul piano politico, insensibile alle problematiche e alla tragedia del mondo del lavoro, incapace di affrontare l’emergenza occupazionale  che attanaglia l’Italia. Come presidente della Commissione Difesa - ha continuato Cirielli - ho voluto denunciare, con il mio voto di sfiducia, il gravissimo attentato   all’efficienza e alla coesione istituzionale delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate con un’ipotesi di riforma previdenziale che sarebbe un vero e proprio tradimento nei confronti degli uomini e delle donne in divisa".

Maroni: "I partiti hanno paura" - Duro, infine, il commento del neo-segretario della Lega Nord, Roberto Maroni, che come tutto il Carroccio ha votato contro la Fornero. "Il ministro - ha sottolineato Bobo - non ha la fiducia dei gruppi politici, che però non la sfiduciano perché hanno timore che caschi il governo. E' il solito atteggiamento della poltica italiana. In aula, con il nostro capogruppo Dozzo, abbiamo usato le parole di chi, negli altri partiti, nelle scorse settimane, ha sfiduciato la Fornero e oggi si rimangia quello che ha detto", ha concluso Maroni.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blackindustry

    22 Ottobre 2012 - 14:02

    Hai proprio ragione. Tutto ciò di cui parli, tra l'altro, si comprende bene quando si ampliano le proprie vedute vivendo degli anni all'estero, conoscendo diversi sistemi di organizzazione. In Italia siamo troppo chiusi in noi stessi, il sistema è diventato autoreferenziale, ed essendoci soldi di mezzo, è la morte della democrazia. Oggi democrazia è una scatola vuota con una bella etichetta politicamente corretta. Se si volesse guardare al contenuto si vedrebbe un'oligarchia mafiosa che per foraggiare i propri sfarzi schiaccia i suoi SUDDITI. Se si vuole cambiare davvero occorre una riforma morale e moralizzatrice degli italiani per gli italiani. Oggi il vero dramma è che ci sono milioni di italiani che seguitano a votare chi li ha messi in ginocchio davanti alle altre nazioni.

    Report

    Rispondi

  • peppino961

    05 Luglio 2012 - 08:08

    L'unica cosa che dovrebbe fare e quella di togliersi di mezzo ! Non hanno capito che continuando a mettere tasse e fare tagli lineari nel pubblico, imu ecc. ecc. senza andare a indagare dove sono da fare si ferma la nazione ! La ricerca è ferma da più di due anni, l'università scoppia di baroni e loro che fanno ? aumentano le tasse, basta !!!!!

    Report

    Rispondi

  • Phidry Hiellie

    05 Luglio 2012 - 00:12

    .....Italiani per bene, purtroppo siete troppo ignoranti sul piano Democratico, oggi il Popolo Italiano vive nel limbo, non ha potere, e doppato dai media omologati che gli fanno credere di vivere in una "democrazia avvanzata" forse una dittatura avvanzata sarebbe il termine più adeguato. Prendo come esempio il Brasile, circa 25 anni fa era messo nele nostre medesime condizioni, un gigante impotente perche soggiogato da una classe politica maffiosa. Vennero le elezioni dirette a Presiddente della Repubblica ed oggi è niente meno che la terza potenza economica mondiale. Si è liberato dalla politica parasita. Cari Italiani per bene, è esatamente quello che dobbiamo fare noi, liberarci da questo masso inutile che è la kasta politica parasita che blocca il paese. L'UNICA STRADA E' LA DEMOCRAZIA, IL POTERE AL POPOLO, ELEZIONI PRESIDENZIALI SUBITO! Mandare in galera tutti quei mafiosi ed il loro capo!!!! E chissà se fra 25 anni non diventeremo una vera potenza. Pensateeci Cari Concittadini.

    Report

    Rispondi

  • dulbecco2

    04 Luglio 2012 - 21:09

    la cocca di Monti non sono riusciti a levarcela di torno? certo che i partiti le palle non le hanno..solo Maroni

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog