Cerca

La scure

Sanità, 7mila posti letto in meno negli ospedali

Il ministro Balduzzi spiega gli effetti di spending review e manovra: "Con la revisione di spesa 7,9 miliardi in meno in tre anni"

Poi la risposta a Vasco Errani e alle Regioni: "Da martedì mattina sono a disposizione per chiarimenti e miglioramenti"
Renato Balduzzi

Il ministro della Sanità

I calcoli li ha fatti il ministro della Salute, Renato Balduzzi, che ha spiegato che per la sanità ci saranno in ter anni minori risorse "per un totale di 7,9 miliardi sommando gli effetti della spending review a quelli della manovra estiva 2011". Il ministro ha poi specificato che "nel 2013 ci saranno 4,3 miliardi in meno, 2,7 in meno per il 2014 e 900 milioni quest'anno". Secondo quanto riferito da Balduzzi, quelli provenienti dal testo di spending review "non sono tecnicamente tagli. Si tratta di un definanziamento con più componenti", ha sottolineato nel corso di un seminario del Partito Democraticto, difendendo i punti chiave del piano di razionalizzazione di spesa pubblica. "Non sono tagli - ha aggiunto Balduzzi - ma un tentativo di riqualificare la spesa in un momento di difficoltà". Secondo il titolare del dicastero della Salute l'obiettivo di migliorare il sistema nazionale "è una sfida alla nostra portata". Quindi una risposta al presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, che prendendo le parti degli enti sociali aveva criticato i tagli affemando che il sistema collasserà nel 2013: "Da martedì mattina sono a disposizione per modifiche e miglioramenti. Il ministero della Salute - ha concluso Baludzzi - fa e vuole fare fino in fondo la sua parte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • D.P.F.

    10 Luglio 2012 - 10:10

    Sono d'accordo con Allianz sull'uso estesamente improprio di altre lingue. Cavolo, quando nella penisola c'erano scrittori, poeti, legislatori nel resto dell'Europa s'intendevano ancora a grugniti. Poi per i tagli: fra i posti letto da cancellare ci sono anche quelli degli opsedali costruiti e mai resi operativi od di abbandonata costruzione ?

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    09 Luglio 2012 - 22:10

    ne rimangono a sufficienza per rom,clandestinume e immigrati vari.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    09 Luglio 2012 - 22:10

    E basta con questi slang del c°°°zo.Una volta si chiamava taglio delle spese,sempre e comunque dirette a noi.Mai a loro.Mai che parlino di taglio dei loro stipendi e delle loro prebende.Di tagliare si parla sempre dei nostri stipendi o delle nostre pensioni.Un motivo in piu' per scappare a questo paese di merda.

    Report

    Rispondi

  • Liberopensatore1950

    09 Luglio 2012 - 21:09

    Non certo per augurare cattiva salute ai politici ma, casualmente, campano sino ad età alle quali, il "volgo" non giunge se non con mille acciacchi. Ridurre i posti letto, significa, evidentemente, che prevedono lunga Vita ed in salute per tutti. Non mi sento di elencare gli accadimenti famigliari ma, questa ulteriore manovra, dimostra la lontananza dalla realtà umana e l'assenza dei rispetto per la Vita. Un poco come comprimere Ospedali od Uffici Giudiziari che significa che ora stavano agiatamente oppure, dopo, avranno le scrivanie a castello. Questi sono da condannare sotto l'aspetto etico e morale, sono vergognosi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog