Cerca

Cambi di casacca

La Casta legittima i transfughi
Possono tradire gli elettori
quando vogliono e come vogliono

Bocciato in Senato l'emendamento che vietata ai parlamentari di cambiare partito o fondarne uno nuovo

L'aula ha votato compatta contro la modifica dell'articolo 67 della Costituzione sull'assenza del vincolo di mandato: solo in 45 hanno detto sì
La Casta legittima i transfughi
Possono tradire gli elettori
quando vogliono e come vogliono

 

La Casta non ha nessuna intenzione di rinunciare ai suoi privilegi. Che si tratti di benefit, di auto blu, di stipendi astronomici i parlamentari intendono continuare a fare quello che vogliono quando vogliono. L'ennesima dimostrazione la bocciatura, pressochè unanime dell'emendamento che vietata agli eletti di cambiare partito durante la legislatura. Al Senato, infatti, con 233 voti contrari, è stata bocciata la modifica dell'articolo 67 della Costituzione sull'assenza del vincolo di mandato proposta dal senatore del Pd Roberto Della Seta che insieme ad una decina di colleghi aveva presentato un semplice emendamento: i parlamentari che non si trovino più in sintonia con il partito possono passare al Gruppo Misto, ma non cambiare casacca o inventarsi un gruppo tutto nuovo. Cosa che, invece, in questa legislatura ha toccato cifre record: oltre cento casi con un rapporto di 1 a 10 sul totale degli eletti e che ha coinvolto tutti i partiti. In aula, racconta la Stampa, Della Seta aveva spiegato ai colleghi che "il fenomeno dei transfughi è una delle cause principali del discredito della politica e della sfiducia dei cittadini". Un bel discorso, che però ha convinto solo 45 senatori contro i 281 votanti. Il Senato non approva.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    24 Luglio 2012 - 10:10

    E li chiamano onorevoli ? Ma la semantica ha ancora un senso ?

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    24 Luglio 2012 - 09:09

    Al di la del fatto che concordiamo sul fatto che motivi di allegrezzza non ve ne siamo alla data! e sicuramente men che meno segnali di cambiamento. Ne é l'ennesima prova l'articolo in calce. I nomi che ho fatto, come già detto in altre occasioni, sono solo l'ultima spinta concordata politicamente che ha disarcionato il Cav (o come lo chiama maldestramete lei il nano) non voglio neanche entrare nel merito se sia stato un bene o un male, ai posteri l'ardua sentenza! Ma comunque non mi sembra che il nostro presidente della repubblica (che di destra certo NON E') abbia nominato l'ennesimo senatore a vita (non eletto dal popolo) e che lo stesso stia facendo ne il miracolo promesso e man che meno, un traghettamento in acque meno mosse di prima!! Un cordiale saluto.

    Report

    Rispondi

  • sarame

    24 Luglio 2012 - 08:08

    magari ci avevate creduto .poveri illusi quì destra sinistra e centro si riempiono la bocca di x il bene dello stato .ma quanto mai x il loro bene . Se dovessero rinunciare ai cambiamenti di casacca quanto pensate durerebbero ? dalla mattina alla sera .ecco questi sono i vari FINI CASINI RUTELLI DELLA VEDOVA E SCIPOLITI .e non dimentichiamo il TABBACCI quante ne ha cambiate ?.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    24 Luglio 2012 - 01:01

    E' l'esistenza stessa dei partiti che deve sparire, la votazione deve essere fatta nominalmente su precisi programmi messi in un apposito spazio in rete in modo che gli elettori ne possano prendere visione. Dato che la casta è costituita sempre da una precisa categoria di persone, magistrati, avvocati, imprenditori, politici di lungo corso e così di seguito, sarebbe il caso che costoro cessassero di rappresentare tutte le categorie nazionali. I posti in Parlamento dovrebbero essere assegnati percentualmente in proporzione al reddito e al lavoro svolto o non svolto. Se in Italia, tra magistrati e avvocati, esistono in numero di 600 Mila, dovrebbero avere diritto, percentualmente in Parlamento, solo ad un parlamentare ogni 100, mentre oggi, su 1000 On., sono quasi la metà. Non può essere rappresentato in questa maniera una popolo! Devono potere avere voce tutte le categorie sociali! E' anche per questo che non attuano la volontà della gente e si permettono di cambiare bandiera.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog