Cerca

Sinistri allo sbaraglio

La sfida di Di Pietro a Bersani
"Ma quali primarie, mi candido premier"

Silurato da Pd e Sel, il leader dell'Idv si mette a capo di una fantomatica coalizione di riformisti di centrosinistra

L'idea è quella di intercettare l'elettorato di Vendola che non accetta l'accordo con l'Udc di Casini e con i democratici che continuano a sostenere Monti
La sfida di Di Pietro a Bersani
"Ma quali primarie, mi candido premier"

Silurato da Vendola e Bersani, Tonino Di Pietro salta le primarie e punta diritto a Palazzo Chigi. Lo ha detto lui stesso annunciando la candidatura a premier "di una coalizione di riformisti di centrosinistra che proponga un programma fatto si legalità, solidarietà e sviluppo per costruire un'alternativa alle destre riformiste e al governo Monti". Quanto ai protagonisti di quella foto di Vasto ormai ingiallita: "Se ci vogliono state Bersani, Vendola e compagnia bella bene, ma Idv va avanti puntando non sulle parole ma sui fatti. La differenza tra noi e quella finta coalizione di centrosinistra è che noi facciamo mentre loro alle parole fanno seguire i fatti. Io mi candido a premier". E ancora: "Bersani e Vendola negli ultimi due giorni hanno fatto due cose completamente diverse e incoerenti tra loro. Da una parte una 'Carta  degli intenti', che anche noi condividiamo, da un'altra si sono messi a votare la fiducia a una spending review sbagliata, e a provvedimenti del governo Monti che sono espressione dell'esatto contrario di quello che dicono i loro programmi".

I referendum In una conferenza a Montecitorio Di Pietro tuona: "Ci sono problemi concreti che vanno affrontati nel nostro Paese, e invece in questo palazzo ogni giorno si parla ogni giorno di massimi sistemi, di accordi politici e di coalizioni che nascono e muoiono in una giornata. Si parla di matrimoni senza sapere cosa si porta in dote. Noi portiamo in dote cose concrete, ieri i 4 referendum oggi una proposta in difesa dei piccoli e medi imprenditori che sono fiore all'occhiello dell'Italia". Il leader dell'Idv dice di "guardare soprattutto ai movimenti e alle liste civiche per il suo movimento riformista di centrosinistra". Ma soprattutto spera nella delusione degli elettori di Vendola che difficilmente riusciranno a votare una coalizione con all'interno l'Udc di Casini. 

La replica di Bersani Io non nego, e voglio essere molto chiaro, che si è creato un problema serissimo, che non abbiamo creato noi". Così il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, commenta la posizione e le dichiarazioni del leader Idv, Antonio Di Pietro, rispondendo a una domanda in conferenza stampa.   Bersani ricorda che è "da mesi che Di Pietro e l’Idv hanno preso un’altra strada, altrimenti non mi spiego alcune posizioni inaccettabili e il coro di insulti". Per il leader Pd "gli italiani devono capire che noi facciamo sul serio e che non esiste che faremo una coalizione che si insulta a vicenda: su questo sono rigorosissimo".   Secondo Bersani, Di Pietro "ha fatto una scelta, non siamo stati noi a farla", e il leader del Pd ribadisce che "chi se la sente ci sta, chi non se la sente sta giù".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    03 Agosto 2012 - 09:09

    E' il solo con le palle che in questo momento occorre per fare pulizia a tappeto. Considerando che i giovani italiani nonostante siano i più penalizzati dalla situazione non muovono un dito, Di pietro è il solo in grado di mettere ordine tra la CASTA LADRONA

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    02 Agosto 2012 - 21:09

    la politica assistenzialista ha prodotto il mostro: tutti di corsa ad arraffare i soldi pubblici: in Italia non lavorava piu' nessuno, l'impresa privata minacciata e costretta ad emigrare. Non c'e'traccia di tagli all'andazzo, nessuna traccia. anzi. Ricordo il PC dei tempi della dittatura sovietica: io sono di destra ma ricordo che aveva un minimo di dignita' (disprezzo della gente ma almento dignita'). Adesso non si capisce piu' chi e' di sinistra e c hi e' di destra: hanno uno scopo soltato: mangiare loro e chi se ne frega della gente.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    02 Agosto 2012 - 20:08

    ahahahhhhhhh

    Report

    Rispondi

  • airbaltic

    02 Agosto 2012 - 19:07

    Di pietro è solo un candidato dell estrema sinistra. Una robaccia tipo chavez . La versione spaghetti del bullo dittatorello in salasa IGNORANTE . Un obbrobrio che non passera' lo sbarramento elettorale del 5 per cento.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog