Cerca

Ministri tecnici

Il "Fatto quotidiano" spara su Passera
"La sua Banca Intesa riciclava all'estero"

Il giornale di Padellaro racconta di un summit nella sede milanese per gestire fondi illegali

Il gip dell'inchiesta sul patrimonio dei Giacomini: "Un sistema di riciclaggio messo a disposizione dei grandi gruppi economici italiani da funzionari ed ex funzionari di  Banca Intesa"
Il "Fatto quotidiano" spara su Passera
"La sua Banca Intesa riciclava all'estero"

Riciclava centinaia e centinaia di milioni dei suoi clienti attraverso la sua filiale in Lussemburgo. Stiamo parlando di Banca Intesa che a quel tempo era guidata dall'attuale ministro Corrado Passera. Ne è quasi certo il giudice per le indagini preliminari Vincenzo Tutinelli: "Si ha motivo di ritenere che tale sistema sia messo a disposizione dei grandi gruppi economici italiani da funzionari ed ex funzionari del gruppo Banca Intesa Lussemburgo - con la probabile complicità della banca per costruire fondi neri nel Granducato di Lussemburgo e ivi riciclarli". 

Il documento, pubblicato dal Fatto quotidiano, conferma la custodia in carcere per il broker Alessandro Jelmoni arrestato a metà maggio con l'accusa di aver architettato e gestito la complessa struttura off shore che ha consentito alla Giacomini spa, un grande  marchio nella rubinetteria importante cliente di Banca Intesa, di nascondere al fisco qualcosa come 200 milioni di euro. Jelmoni vanta stretti rapporti con Marco Bus, numero uno della Sociétè Europèenne de Banque (Seb) che di fatto è la filiale di Intesa nel Granducato: e come racconta il Fatto "il denaro nero della famiglia Giacomini, gestito da Jelmoni, è stato depositato proprio nella banca lussemburghese". Allo stato Bus è indagato per concorso in riciclaggio, mentre la Seb è indagata per violazione della legge 231 sulla responsabilità amministrativa delle imprese. 

Il Fatto, inoltre racconta di un incontro (del quale nell'inchiesta ci sarebbe la registrazione) a febbraio 2011 nella sede di Banca Intesa a piazza della Scala tra un dirigente di Seb delegato da Bus, i Giacomini (padre e figli) e un manager di Intesa. "Il patron Alberto", scrive Vittorio Malagutti, "preoccupato per l'azienda, avrebbe voluto smontare il marchingegno societario messo in piedi da Jelmoni e riportare i suoi soldi in Italia. I dirigenti di Impresa cercavano invece di convincere l'anziano imprenditore a lasciare le cose come stavano. Non per niente. Secondo quanto è emerso dalle indagini", rivela il Fatto, "il tesoro milionario della famiglia piemontese, fra interessi e commissioni fruttava lauti guadagni alla banca".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • INCAZZATONERO69

    23 Agosto 2012 - 07:07

    Fanno come per il (non) voto sullo scudo fiscale?Testuale della merdina con i baffetti: "non ero informato sull'importanza del voto".Mi fanno pena, quelli che con ostinazione,vanno ancora in giro dicendo che il male del Paese e localizzato soltanto a destra.

    Report

    Rispondi

  • cindao

    22 Agosto 2012 - 18:06

    posso testimoniare che già nel lontano 2001 veniva offerto ai correntisti il trasferimento di capitali in lussemburgo

    Report

    Rispondi

  • federossa

    22 Agosto 2012 - 16:04

    i delinquenti sono qui!

    Report

    Rispondi

  • fierodiessereitaliano

    22 Agosto 2012 - 15:03

    tutto ovvio, sinceramente mi meraviglio che i compagni della sinistra italiana stiano tutti zitti. Oddio vuoi vedere che in italia la sinistra è borghese?

    Report

    Rispondi

blog