Cerca

Malumori nel centrodestra

Ddl anticorruzione, Gasparri: "Non votiamo la fiducia"

Gasparri: "Nessun sì a scatola chiusa, serve un testo concordato". E la Severino frena: "Non ho parlato di fiducia"

Maurizio Gasparri

Maurizio Gasparri

 

Sul disegno di legge anticorruzione il governo Monti rischia. Il testo non convince affatto il centrodestra. A tuonare è il Pdl, che con il presidente dei Senatori, Maurizio Gasparri, spiega senza giri di parole: "Il ddl deve essere concordato con noi, e se non sarà concordato e si dovesse mettere la fiducia, il governo non avrà il nostro voto". Gasparri sottoline poi che "anche noi vogliamo una legge contro la corruzione, ma vanno chiariti alcuni aspetti".

Le critiche a Patroni Griffi - Nel suo intervento Gasparri non ha lesinato critiche al ministro Filippo Patroni Griffi, che in un'intervista aveva spegato che il ddl anticorruzione "va approvato ad ogni costo, anche con la fiducia". Secondo l'onorevole del Pdl, il ministro per la Pubblica Amministrazione "parla con l'entusiasmo del neofita". E ancora: "L'ho sempre apprezzato come ministro, perché ha sempre avuto un grande rispetto del Parlamento", ma oggi "ha fatto affermazioni preso da troppo entusiasmo". Gasparri ha poi ribadito che il testo all'esame di Palazzo Madama "va migliorato in alcuni punti per evitare che invece di combattere la corruzione si combattano altre cose".

Severino: "No alla fiducia" - Il governo dei tecnici, in parallelo, pare non voler ricorrere alla fiducia sull'anticorruzione. Il ministro della Giustizia, Paola Severino, ha spiegato in una nota di "non aver rilasciato dichiarazioni in merito all'ipotesi di apporre la fiducia al ddl anticorruzione ora all'esame del Senato", smentendo così quanto riportato dal quotidiano La Repubblica". E ancora la Severino: "Il ministro, anche tramite la sua portavoce, si è limitata a confermare al quotidiano che il provvedimento è stato inserito nell'agenda delle priorità del governo in quanto funzionale alla crescita del Paese, così come richiesto dall'Unione europea, assieme all'abbattimento dell'arretrato dei processi civili".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    28 Agosto 2012 - 15:03

    al PdL non piace il prefisso "anti-" davanti alla parola corruzione

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    28 Agosto 2012 - 12:12

    vediamo di fare questa benedetta riforma della Giustizia,quando gli arbitri pagheranno per i propri errori,allora si potrà fare qualsiasi altra cosa.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    28 Agosto 2012 - 12:12

    Certo,si chiama mica Penati.bella scoperta che l'arrestano.Pinuccio ti risulta che sia stato già condannato?

    Report

    Rispondi

  • cippirimerlo

    28 Agosto 2012 - 12:12

    Ma cosa pretendete da un partito che, tanto per dirne una, annovera fra le sue fila un presidente di regione che si faceva pagare vacanze, cene e yacht da personaggi a cui, poi, assicurava appalti milionari?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog