Cerca

Per l'ok alla riforma elettorale

La voce: "Berlusconi vuole andare al voto in novembre". Poi la smentita: "Ma subito la riforma elettorale"

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

 

Silvio Berlusconi ha un piano: vuole andare al voto subito, a novembre. Basta con i tecnici: tutti alle urne. La svolta è arrivata nelle ultime 24 ore, e ha come perno la riforma della legge elettorale, che deve essere varata al più presto. In un contesto fluido e in costante evoluzione, il Cavaliere avrebbe anche deciso di impegnarsi in prima persona: l'annuncio della sua candidatura pare essere imminente. Berlusconi è convinto: "Non abbiamo scelta, il 2013 è troppo lontano, le precure mi perseguitano, i giudici vogliono condannarmi prima della campagna elettorale". Questa la ricostruzione offerta dal quotidiano La Repubblica: la tagliola dei giudici, con scientifico tempismo, è pronta a scattare. La guerra delle toghe contro Berlusconi sta per ricominciare: è possibile una pronuncia negativa in primo grado nell'ambito del processo Ruby, circostanza che ne indebolirebbe la corsa elettorale. Meglio anticipare la battaglia, allora. Meglio bloccare l'offensiva con un blitz e il voto anticipato. Ma non è semplice. 

Le smentite - La versione riportata da Repubblica, però, è stata smentita da Alfano prima e Ghidini poi. Il segretario del Pdl ha spiegato: "Noi vogliamo la legge elettorale e non vogliamo le elezioni anticipate. Quella di Repubblica è una ricostruzione fuori dalla realtà. Proprio perché vogliamo la legge elettorale - ha rimarcato Alfano - sono stati sciolti alcuni importanti nodi, come sarà più chiaro già nelle prossime ore". Quindi la smentita di Ghedini: "L'articolo su Repubblica di quest’oggi che darebbe conto degli incontri di ieri del Presidente Berlusconi è totalmente privo di ogni fondamento e narra di fatti e considerazioni mai avvenute. La riunione del Presidente Berlusconi coni suoi legali è avvenuta nel corso della mattinata per assumere alcune decisioni in ordine ai procedimenti in corso. In tale riunione mai si sono correlate le vicende processuali con le scadenze elettorali".

Superare il "porcellum" - Secondo la ricostruzione di Repubblica, il Cavaliere ha discusso del piano in un vertice convocato d'urgenza a Palazzo Grazioli, la sua residenza romana. I presenti:  Alfano, Verdini, Ghedini e Bonaiuti. L'obiettivo è accelerare la trattativa con il Pd e approvare, subito, la riforma elettorale con cui archiviare il "porcellum". Pur di andare al voto il prima possibile, Berlusconi sarebbe pronto a concedere qualcosa ai democratici, che spingono per un premio di maggioranza al 15% per il partito che ottiene più voti. Il Cav vuole la massima rapidità, ha come obiettivo le urne. Subito. Il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, non vuole però accettare l'accelerata: per lui le elezioni a novembre non sono un'opzione possibile. Ma il Pdl e Berlusconi, in Parlamento, potrebbero decretare la fine dell'epoca dei tecnici prima della scadenza naturale.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • busdel

    01 Settembre 2012 - 08:08

    tutto bene. Bisogna cambiare assolutamente l' art. 67 della Costtituzione "senza vincolo di mandato" altrimenti non ci sarà mai governabilità saluti busdel

    Report

    Rispondi

  • encol

    30 Agosto 2012 - 08:08

    Alla nuova legge elettorale INTEGRALMENTE copiata dai francesi, chi vuole vincere deve mettere nel proprio programma: 1- Dimezzamento o più del numero dei parlamentari 2- Indennità nette non oltre EU 3000 mese 3- Eliminazione definitiva del finanziamento pubblico ai partiti sotto qualunque forma 4- Eliminazione del vitalizio a parlamentari, consiglieri , senatori a vita ecc. 5- Restituzione del maltolto a partire dal 1990 6- Stop a pensioni plurime e tetto massimo delle indennità 6- Durata massima dell'incarico pubblico due legislature. BASTA QUESTO PER VINCERE IN CARROZZA.-

    Report

    Rispondi

  • encol

    29 Agosto 2012 - 18:06

    Certo è necessaria e alla svelta, ma non strappatevi i capelli e non inventatene di nuove. Prendete INTEGRALMENTE ( mi raccomando senza cambiare neppure una virgola rischiate di fare danni) la legge elettorale francese; funziona benissimo e da anni. Se poi vincete le prossime elezioni istituite un nuovo ministero per i Rapporti con la UE e lì ci mettete Monti. E' il suo pane, sa muoversi e districarsi bene tanto quanto non sa gestire un paese. Poi risanate una grossa fetta di debito recuperando tutti i soldi trafugati dalla casta negli ultimi 30/40 anni- ( vitalizi e superpensioni comprese) farete un gran servizio agli italiani e ridate la dignità che si merita a questo bel paese.

    Report

    Rispondi

  • TheUndertaker

    29 Agosto 2012 - 17:05

    La voce esce da Repubblica, quindi falsa per definizione. Ghedini ha smentito, mettendo il timbro sul certificato di falsità. Quindi non preoccupatevi, preferisce andare in campagna elettorale con una bella condanna nel processo Ruby, così può ricompattare i seguaci in difesa della povera vittima del complotto (magistratura,presidenza della repubblica, tutti gli altri partiti meno il suo e quello di Scilipoti, la stampa meno Libero e il Giornale, le TV, l'ONU, il Vaticano, le Banche, L'Europa, ...). Finalmente prenderà il 51% e porterà l'Italia in vetta alle classifiche mondiali. Allegri, abolirà completamente le tasse (no questo no, sarebbe stupido, favorirebbe solo i komunisti, i suoi elettori al 90% già non le pagano)...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog