Cerca

Caos capitolino

Si ferma ancora la metro B1
Passeggeri furiosi aggrediscono autista

Inaugurata da meno di un mese da Alemanno, la linea continua ad essere al centro delle polemiche

Guasto alle porte del convoglio, l'autista, una dipendente capitolina, invita i viaggiatori a scendere. Ma loro la prendono a parolacce
Si ferma ancora la metro B1
Passeggeri furiosi aggrediscono autista

Inaugurata in fretta e furia dal sindaco Alemanno da meno di un mese, la metropolitana B e B1 di Roma continua ad essere al centro di infinite polemiche per corse perse, ritardi e disservizi. Disservizi che stamattina hanno scatenato l'ira dei passeggeri. Furiosi per un guasto a un convoglio, alcuni utenti  hanno aggredito la macchinista che alla stazione Monti Tiburtini ha invitato tutti a scendere dal treno che, a causa di un malfunzionamento delle porte, doveva rientrare in deposito. "Difesa dai colleghi che hanno allontanato i facinorosi che le rivolgevano pesanti insulti" si legge in una nota dell'Atac (l'azienda capitolina che gestisce il trasporto pubblico, "la donna è stata poi accompagnata all’ospedale San Camillo per accertamenti". 

L’amministratore delegato di Atac Carlo Tosti, "che si è subito messo in contatto con la dipendente per sincerarsi del suo stato di salute ed esprimerle la vicinanza dei vertici aziendali e del management, condanna questa gratuita e cieca violenza nei confronti di una lavoratrice e riconferma il suo apprezzamento per tutti i lavoratori del front line Atac che con grande sacrificio, dedizione e professionalità sono ogni giorno al servizio di oltre quattro milioni di clienti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • helpid

    14 Luglio 2012 - 08:08

    anche io lo contestai aspramente anni fa, come suo elettore deluso, in occasione dello scandalo di parentopoli; nonostante quel migliaio di parentelli sistemati nell'azienda tpl si vede che non gli ne va bene una. Leggevo qua e là commenti su certi comportamenti pretestuosi adottati dai lavoratori sindakalizzati, è iniziata la campagna elettorale romana e se ne vedono le avvisaglie. Io posso solo ricordare che negli anni precedenti con le amministrazioni veltro-rutelliane il parco autobus romano era vecchissimo, oltre 20 anni di età, oggi, con età dimezzata di quel parco, i guasti agli autobus sarebbero raddoppiati ... sotto la sapiente regia dei sindakati politicizzati,dove il guasto principale sarebbe poi il malfunzionamento dell'aria condizionata che anni fa era un'autentica utopia sui mezzi pesanti! Una volta esisteva lo spirito di servizio per ottemperare agli obblighi verso la cittadinanza,oggi esiste lo spirito politiko!! E la dirigenza aziendale da milioni di euro che fa'?

    Report

    Rispondi

  • helpid

    14 Luglio 2012 - 08:08

    anche io lo contestai aspramente anni fa, come suo elettore deluso, in occasione dello scandalo di parentopoli; nonostante quel migliaio di parentelli sistemati nell'azienda tpl si vede che non gli ne va bene una. Leggevo qua e là commenti su certi comportamenti pretestuosi adottati dai lavoratori sindakalizzati, è iniziata la campagna elettorale romana e se ne vedono le avvisaglie. Io posso solo ricordare che negli anni precedenti con le amministrazioni veltro-rutelliane il parco autobus romano era vecchissimo, oltre 20 anni di età, oggi, con età dimezzata di quel parco, i guasti agli autobus sarebbero raddoppiati ... sotto la sapiente regia dei sindakati politicizzati,dove il guasto principale sarebbe poi il malfunzionamento dell'aria condizionata che anni fa era un'autentica utopia sui mezzi pesanti! Una volta esisteva lo spirito di servizio per ottemperare agli obblighi verso la cittadinanza,oggi esiste lo spirito politiko!! E la dirigenza aziendale da milioni di euro che fa'?

    Report

    Rispondi

  • blu521

    13 Luglio 2012 - 16:04

    Con questo sindaco i trasporti pubblici sono diventati un optional

    Report

    Rispondi

blog