Cerca

Nuovi guai per Alemanno

Finanziamento illecito al partito
Arrestato il vicepresidente del Consiglio

Samuele Piccolo (Pdl) è accusato di associazione a delinquere con il padre e il fratello

Secondo l'accusa  la famiglia Piccolo aveva creato una società con finti crediti Iva che poi venivano destinati all’attività politica di "Mister Preferenze" che ottenne da perfetto sconosciuto 12mila voti alle scorse elezioni
Finanziamento illecito al partito
Arrestato il vicepresidente del Consiglio

Associazione a delinquere e finanziamento illecito al partito è l’accusa che ha portato agli arresti domiciliari il vicepresidente del consiglio comunale di Roma, Samuele Piccolo (Pdl), e altre sei persone tra i quali il fratello Massimiliano, mentre il padre Raffaele è finito agli arresti domiciliari. Gli ordini di custodia cautelare, su richiesta dei  pubblici ministeri Paolo Ielo e Barbara Sargenti, sono stati firmati dal gip Filippo Steidl. Alle persone finite agli arresti il gip contesta d’aver creato, attraverso una serie di società riconducibili  alla famiglia Piccolo, finti crediti Iva che poi venivano destinati all’attività politica di Samuele Piccolo, soprannominato "Mister preferenze" per gli oltre 12mila voti che da perfetto sconosciuto ha ottenuto alle scorse elezioni. A capo dell’organizzazione sarebbe, secondo le conclusioni alle quali sono giunti i magistrati, Massimiliano Piccolo, fratello del consigliere comunale e il padre Raffaele.

Samuele Piccolo, 31 anni, era stato al centro di una guerra interna al Pdl alle ultime elezioni regionali del Lazio. Per cassare il suo nome, insieme a quello di altri, la lista del centrodestra fu presentata in ritardo. Scoppiò un caso che mise in seria difficoltà la formazione laziale di Berlusconi, ma che alla fine non impedì a Renata di Polverini di essere eletta presidente. Oggi gli sono stati sequestrati beni mobili e immobili per un valore di oltre due milioni di euro.Tutto era intestato al fratello di Samuele, Massimiliano. I sostituti Ielo e Sargenti hanno disposto anche il sequestro del 50 per cento delle quote di una società immobiliare. Secondo l’accusa il denaro sottratto al fisco oltre ad essere utilizzato per l’attività politica di Samuele Piccolo veniva impiegato anche per l’acquisto di immobili.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • helpid

    14 Luglio 2012 - 08:08

    e senza di ombra di dubbio che l'amico samuele avrebbe cercato di creare goffamente delle coop-non-rosse. Stessi sistemi, medesimi finanziamenti, ecc. - tutto identico tranne le protezioni politike-giudiziarie. Che ingenuo, non lo sa che la concorrenza alle rosse-coop è ... sleale e vietata??

    Report

    Rispondi

  • bersa56

    14 Luglio 2012 - 03:03

    Come se i compagni sono dei verginelli vorrei ricordare a qualcuno nel caso avesse dimenticato PENATI sesto san Giovanni vi dice niente!!!Grazie

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    13 Luglio 2012 - 21:09

    Tirnimi aggiornato sui condannati,sai com'è ogni cento arresti due vengono condannati.Sai abbiamo i magistrati appena dietro il Gabon.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    13 Luglio 2012 - 18:06

    Maurizio Altobelli, capogruppo PDL a Carate Brianza, in manette per tangente a sei zeri. Scullino, sindaco PDL a Ventimiglia. Ciannosecco, eri in crisi di astinenza? Niente paura, come vedi cerco di tenerti aggiornato

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog