Cerca

L'accusa

Pirlo attacca Allegri: "Non mi voleva più"

Il faro della Juve svela i perché della rottura con il Milan

Andrea Pirlo

Il giocatore vuota il sacco: "Allegri non mi voleva più"

 

 

Andrea Pirlo vuota il sacco. Senza ambiguità. Quasi un anno dopo lo strappo con il Milan e pochi giorni dopo il primo trionfo tricolore con la casacca della Juventus, il fuoriclasse bresciano svela il perché dell'addio al rossonero. Un segreto di Pulcinella, in verità. Ma fino a oggi, Pirlo, il dito contro mister Allegri non lo aveva ancora (ufficialmente) puntato. "Le cose sono andate così - spiega alla Gazzetta dello Sport -. Quando abbiamo parlato del mio contratto, mi hanno proposto il rinnovo per un anno. Io chiedevo un triennale perché ero più giovane degli altri giocatori in scadenza. Ma il vero motivo del mio trasferimento è stato un altro. Allegri voleva piazzare davanti alla difesa Ambrosini o Van Bommel e io avrei dovuto cambiare ruolo. Allora ho detto 'no, grazie' e ho scelto la Juve, che mi offriva motivazioni importanti. Ci tengo a dire - sottolinea Pirlo - che non è stata una questione economica". E se il concetto non fosse ancora chiaro, il giocatore rincara: "Il Milan ha deciso che non servivo più. L'ho capito durante quel colloquio. Nel mio ruolo Allegri preferiva altri giocatori".

Il Milan deve cambiare allenatore? - E quando Pirlo dice "il Milan ha deciso che non servivo più" sta parlando di Allegri. Il tecnico livornese ha operato le sue scelte tattiche, smentite clamorosamente dal verdetto del campo. La Juve, con Pirlo, ha trovato quel direttore d'orchestra che era mancato nelle stagioni del ritorno in Serie A (si sperava fosse Filipe Melo, ma i risultati sono stati a tratti imbarazzanti). Risultato? Scudetto ai bianconeri e fallimento del Milan. Le parole di Pirlo potrebbero pesare sul destino di Allegri, allenatore a rischio esonero nonostante le dichiarazioni di facciata della società. Il punto è che il tecnico non è apprezzato dal presidente, la tifoseria non lo ama e anche molti giocatori sono in rotta con lui: ha avuto dissidi con Nesta (che se ne è andato), Seedorf non vede il campo da settimane per motivi disciplinari, Ibrahimovic non ha nascosto i suoi maldipancia (tattici), il bistrattato Inzaghi non lo può più vedere e anche Robinho si è scontrato con l'allenatore. Destino incerto, insomma, per Allegri. Secondo voi il Milan dovrebbe cambiare guida tecnica? Votate il nostro sondaggio e fateci sapere la vostra opinione.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guga

    12 Maggio 2012 - 11:11

    ...non si spiega come mai Pirlo in qs campionato ha corso quanto Zanetti dell'inter, come non aveva mai fatto nella sua lunga carriera. Colpa degli allenatori o pensava, giustamente, ad un super ingaggio, che gli proponeva la juve da un pò di tempo?

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    12 Maggio 2012 - 07:07

    Forza Juve e sono 30 ma conoscendo Berlusconi ha già in cantiere un sorpresa che farà parlare molto sta già lavorando ad un milan come quello di sacchi a partire dall'allenatore vedrete. Poi se mi sbaglio meglio ma non credo berlusca è uno che arriva a tutti costi all'obbiettivo e uno che non si arrende troverà la soluzione per averlo.

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    11 Maggio 2012 - 17:05

    Massimiliano Allegri ha commesso molti errori soprattutto in Champions League. E' ingeneroso addossargli tutte le responsabilità di questa stagione conclusa in maniera fallimentare.Guardando il bicchiere mezzo pieno non si può affermare che la tifoseria non ama il tecnico livornese. Allegri nel primo anno, di permanenza al Milan, ha centrato l'obiettivo scudetto tra lo scetticismo generale. Il Milan non era il favorito eppure Max ha dato alla squadra un gioco concreto, non spettacolare, che ha portato i rossoneri a conquistare uno scudetto che mancava dalla stagione 2003/4. Se questo è poco allora ditemi perché chi per anni aveva in mano la più forte formazione europea è riuscito nell'impresa di vincere un solo scudetto. Era colpa di 'calciopoli'? Comunque se la Juventus, con uno scarto del Milan, ha vinto il titolo, come mai non aveva vinto una squadra che schierava sette giocatori che furono premiati a Montecarlo come migliori interpreti, in Europa, nel loro ruolo?

    Report

    Rispondi

blog