Cerca

Il Pibe de Oro

Maradona, tasse e suicidi:
"Ci avevo pensato anche io"

L'ex asso del Napoli: "Sono vicino ai tartassati e alle vittime di Equitalia"

"Nessuno più di me sa cosa si prova a essere un perseguitato dalle istituzioni. Fui sfiorato dall'idea di compiere gesti estremi"
Diego Armando Maradona

"Sono vicino alle vittime di Equitalia"

 

Maradona entra - a gamba tesa - sul tema dei suicidi causati dalla crisi che stanno sconvolgendo l'Italia. Il Pibe de Oro chiede che le tragedie vengano fermate. "Nessuno più di me può sapere quello che si prova - ha fatto sapere attraverso il suo avvocato Angelo Pisani, che lo rappresenta nella vertenza contro il fisco italiano da 40 milioni di euro -. Sono stato perseguitato per 25 anni". Recentemente Maradona ha chiesto una conciliazione che, martedì mattina potrebbe addirittura vederlo di nuovo a Napoli. E così il Pibe de Oro esprime solidarietà e vicinanza ai familiari di quelle che l'ex campione argentino definisce "vittime del sistema Equitalia" e si dice preoccupato del clima e della confusione che vede in Italia e, parlando direttametne a Pietro Paganelli, l'uomo che a Napoli ha tentato il suicidio ed ora versa in condizioni critiche, afferma: "Chi più di me sa cosa si prova a essere un perseguitato dalle istituzioni, che invece dovrebbero tutelare i cittadini onesti".

"Ho pensato di farla finita" - "Ora l'opinione pubblica sa tutto, è più vicina ai tartassati - prosegue il Pibe attraverso il suo legale - e alle vittime del fisco e delle banche. Io per 25 anni sono stato solo, abbandonato, perseguitato e considerato colpevole senza neanche essere giudicato dai giudici delle tasse. Mi hanno trattato come un criminale, violentando la mia dignità umana e la mia immagine sportiva". Maradon, prosegue Pisani, "non nega che negli anni bui della sua vita, e con la Finanza addosso ogni qualvolta tentasse di tornare in Italia, ha rischiato di fare gesti estremi per l'ossessione e disperazione provocate dall'ingiustizia subita". "Ho avuto la forza di resistere, - ricorda Maradona - ma io posso capire chi non ce la fa, so cosa si prova dentro. Oggi voglio vincere questa battaglia, soprattutto per le vittime di Equitalia. Io, anche se più famoso di loro, l'ho pagata cara sulla mia pelle, senza avere nessuna colpa. Grazie al mio avvocato, che ha riaperto il caso per farmi finalmente giustizia; finalmente il mondo intero ha saputo che fin dal 1994 non esiste alcuna violazione fiscale addebitabile a me".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • scorpio53

    14 Maggio 2012 - 11:11

    continuate a chiamarlo ex asso del napoli, e non come giustamente meriterebbe, ex tossicodipendente del napoli, oppure come colui che, per avere prestazioni oltre l'umano faceva uso di cocaina e quindi non proprio campione o asso??? oppure come colui che era protetto dalla f.i.g.c. che stranamente non è mai riuscita a trovagli tracce dell'assunzione di oppiacei, con i tanto sbandierati controlli antidoping???

    Report

    Rispondi

  • mab

    13 Maggio 2012 - 14:02

    così ci saremmo evitati di vedere quella faccia che provoca disgusto.

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    13 Maggio 2012 - 13:01

    Si faccia ridare i soldi spesi in cocaina e pagherà il debito col fisco!! Penoso ciccione col piede ed il naso d'oro!! Dovrebbero farti sindaco di Napoli.

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    13 Maggio 2012 - 12:12

    Ah Maradò un vaffa di cuore

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog