Cerca

A Valencia

Mostruoso Alonso: parte 11esimo
e trionfa nel Gp d'Europa

Trionfo Ferrari: lo spagnolo in fuga nella classifica iridata. Raikkonen secondo, Schumi terzo. Vettel e Hamilton ko

L'australiano della Red Bull secondo in classifica generale. Schumacher per la prima volta sul podio dal suo ritorno in formula 1
Fernando Alonso

Un mago, un fenomeno, un mostro. L'assoluto fuoriclasse della Formula 1. E' Fernando Alosno, che trionfa nel Gp d'Europa (correva in casa, a Valencia) al termine di una gara entusiasmante e di una pazzesca rimonta: l'asturiano era scattato dall'undicesima posizione. "La più bella vittoria della mia carriera", ha spiegato Fernando in conferenza stampa. Dopo una raffica di sorpassi all'inizio, la distanza che separava la Ferrari dal leader della corsa, Sebastian Vettel, sembrava incolmabile. Ma a sparigliare le carte ci ha pensato l'ingresso della safety car, che ha ricompattato il gruppo: alla ripartenza il ritiro della Red Bull di Vettel, vittima di un problema tecnico, spiana la strada ad Alonso (protagonista pochi istanti prima di un sorpasso-magia ai danni di Grosejan che lo aveva portato in seconda posizione).

Gli incidenti - In un gran premio pazzo, la seconda posizione va alla Lotus di Kimi Raikkonen, mentre la terza piazza è di Michael Schumacher: si tratta del primo podio dal ritorno in Formula 1 del tedesco. Decisivo il contatto al penultimo giro tra Hamilton (che era terzo) e Maldonado (quarto): il pilota britannico, abbandonato dalle gomme e superato poco prima da Raikkonen, è stato attaccato dalla William. Quindi il contatto che ha messo i due fuori dai giochi e ha permesso a Schumi di strappare il podio. Nota di merito per la Red Bull di Webber, che strappa la quarta posizione dopo essere partito dalla 19esima piazza. Quinto posto per Hulkenberg e sesto Di Resta. Felipe Massa, che al 34esimo giro ha forato l'anteriore destra in un contatto con Koabyashi, ha deluso ancora chiudendo in sedicesima piazza, doppiato.

La classifica - Alonso diventa così il primo pilota ad aver vinto due gare in questo mondiale di Formula 1, e con i 25 portati a casa ritorna in testa ed è in fuga nella calssifica iridata. Il ferrarista domina dall'alto dei suoi 111 punti, e al secondo posto sale l'australiano Mark Webber con 91 punti. Quindi Hamilton (letteralmente infuriato dopo il ritiro) che con la sua McLaren è a 88 punti e il campione del Mondo, Sebastian Vettel, con 85 punti: i giochi restano apertissimi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • boss1

    boss1

    25 Giugno 2012 - 11:11

    è un grande briatore lo ha sempre detto con una macchina inferiore alla concorrenza lui vince ha vinto e vincerà. meglio di lui solo il mitico il grandissimo l'unico Ayrton. Monaco 92 Ayrton vs Nigel io c'ero.

    Report

    Rispondi

  • dbell56

    25 Giugno 2012 - 09:09

    Voglio rispondere ai detrattori della magnifica vittoria di Alonso così, in latino: audaces fortuna iuvat!!

    Report

    Rispondi

  • il leghista monzese

    24 Giugno 2012 - 18:06

    Nel 1964 un certo Chiriss Ammon su Ferrari stava letteralmente dominando il GP d'Italia, ma dovette fermarsi a 2 giri dalla fine per cedimento di un FUSIBILE del valore di 250 lire. Quindi come dice il verbo popolare UN PÒ PER UNO NON FA MALE A NESSUNO. Saludos

    Report

    Rispondi

  • il leghista monzese

    24 Giugno 2012 - 17:05

    Che ha tanto LIVORE in corpo da permettersi di TRASFORMARE IN UN AVVENIMENTO POLITICO anche qualcosa che di politico non ha niente come una vittoria sportiva. Di politica si può scrivere come sempre facciamo in questo FORUM commentando articoli che riguardano la POLITICA non lo SPORT!!! VA A CIAPÀ I RATT

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog