Cerca

Calciomercato

Berlusconi: "Ibrahimovic e Thiago Silva al Psg"

L'annuncio del trasferimento da 62 milioni arriva dal presidente al vertice Pdl: "Lasciano il Milan"

Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva

Silvio Berlusconi mette la paroal fine alla telenovela del calciomercato 2012: Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva "sono giocatori del Paris Saint Germain". L'annuncio del trasferimento da 62 milioni arriva direttamente dal presidente del Milan impegnato al vertice del Pdl a Palazzo Grazioli. Per il Cavaliere si conclude così una giornata ancora una volta cruciale: torna in campo in prima persona come candidato alle elezioni politiche del 2013, di fatto spazza via l'opzione primarie e lancia la volatona per la campagna elettorale. Non nel migliore dei modi, dirà qualcuno, perché cedere i due (unici?) fenomeni del Milan in un colpo solo, e per soldi, non fa certo bene all'immagine da vincente che Berlusconi si è sempre cucito addosso. In realtà, sostengono i maligni, i 62 milioni di euro incassati dal club di via Turati (con un complessivo risparmio, considerando gli ingaggi di Ibra e Thiago, di 170 milioni di euro) andrebbero direttamente a finanziare la campagna elettorale del Cavaliere. Calcio e politica ancora intrecciati, più che mai. D'altronde, in un clima di austerità e crisi galoppante, far finta di nulla di fronte ad un'offerta stratosferica come quella degli sceicchi di Parigi sarebbe forse stato un atteggiamento ancora più controproducent, compreso e apprezzato solo dai tifosi milanisti.

Le contromosse rossonere - Già, il Milan. In una giornata tanto convulsa pensare al futuro dei rossoneri è quasi un optional. Di certo c'è che l'ad Adriano Galliani, dopo aver incontrato l'agente di Ibra Mino Raiola (lo svedese percepirà al Psg 15 milioni all'anno per tre anni al posto dei 12 al Diavolo) si è già mosso per verificare le difficili alternative. L'obiettivo grosso resta Carlitos Tevez del Manchester City e in seconda battuta Edin Dzeko, sempre del club di Roberto Mancini. Ma nelle ultime ore si è rafforzata la pista che porta a Mattia Destro, in comproprietà tra Siena e Genoa (con cui il Milan ha rapporto privilegiato) inseguito da Juventus, Inter e Roma. Attenzione ad Alessandro Matri, in esubero alla Juventus e possibile contropartita dei bianconeri nell'affare Jovetic con la Fiorentina. Ma in attacco le partenze potrebbero clamorosamente non limitarsi ad Ibra, perché il presidente della Sampdoria Garrone non chiude ad un imprevisto ritorno di Antonio Cassano. Per il mister Allegri più che un ribaltone sarebbe un rompicapo.

Senza difesa - Se Ibra sarà difficile da sostituire, per Thiago Silva si tratta quasi di una missione impossibile. Il miglior difensore del mondo guadagnerà 7,5 milioni a stagione (il Milan aveva appena ritoccato l'ingaggio a 6 milioni) e a Galliani non resta che cercare dei rimpiazzi più economici, possibilmente giovani. In pole position il rossonero di formazione Davide Astori del Cagliari, anche se la prima scelta sarebbe l'azzurro del Torino Angelo Ogbonna (il presidente Cairo chiede 15 milioni, troppi). Con parte dei soldi ricavati (la priorità sarà comunque sistemare il rosso in bilancio) si dovrà anche acquistare il centrocampista richiesto da Allegri. Si allontana Lassana Diarra del Real Madrid, s'avvicina il brasiliano della Lazio Matuzalem, 32enne in rotta con Lotito. Difficile che i tifosi si accontentino. Gli appassionati italiani, invece, da oggi hanno la certezza che loro sì si dovranno accontentare: la Serie A di fatto non ha più fenomeni.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gattotigrato

    14 Luglio 2012 - 17:05

    Non gliel'ha prescritto il medico l'abbonamento. Potremmo fare a meno anche di lei e di quelli come lei. Il campionato va avanti lo stesso.

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    13 Luglio 2012 - 08:08

    Visto che la Spagna ha vinto l'europeo pur non avendo Thiago Silva, penso che il Mondo potrà continuare ad andare avanti anche senza di lui al Milan. Invece di Ibra ne possono fare a meno tutti, visto che, nei momenti clou dei campionati, da buon slavo, non perde mai occasione per litigare con tutti e farsi squalificare. Però...sarebbe bene che Berlusconi e/o Galliani parlassero di meno: di quacquaracquà questo Paese è già molto ben fornito.

    Report

    Rispondi

  • lella64

    12 Luglio 2012 - 23:11

    Non rimangio nulla di quello scritto nell'articolo precedente,anzi adesso la nausea è aumentata!Se poi fosse vero che i soldi intascati servirebbero a sua maestà per finanziare la sua campagna elettorale sarebbe veramente squallido!AUGURO A LUI E FAMIGLIA DI UTILIZZARLI IN MEDICINE.CHISSà QUANTI SARANNO AD AVERE VOGLIA DI COMPERARE L'ABBONAMENTO ALLO STADIO IN QUESTO CAMPIONATO!STAREMO A VEDERE!!!

    Report

    Rispondi

  • ilsaturato

    12 Luglio 2012 - 22:10

    Sarebbe bello che anche tutte le altre squadre italiane cedessero (per un sacco di ottimi e benvenuti soldi, naturalmente) tutte le "stelle" straniere. E' vero, magari per un po' di tempo si dovrebbe masticare amaro nei vari campionati e coppe internazionali, ma finalmente le squadre tornerebbero ad avere bilanci "sopportabili", sarebbero obbligate a creare e spingere le proprie squadre giovanili, e potrebbero calmierare anche i compensi degli altri giocatori che senza più gli ingaggi stratosferici dei "fenomeni" come paragone, abbasserebbero ali e orecchie. L'Italia calcistica ha creato plotoni di fenomeni nel passato e un buon numero di fuoriclasse anche nel presente. Non siamo secondi a nessuno nel calcio come non lo siamo in nessuna attività da noi intrapresa! Siamo un popolo di fuoriclasse, lavoratori, innovatori, caparbi e abili... anche se i nostri "mister" politici attuali continuano a far fare affari d'oro a singoli "giocatori" e "squadre" straniere affossando i nostri vivai!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog