Cerca

MATTIAS MAINIERO RISPONDE A MARCO FERRARA

Che fatica essere italiani

1

Caro Mainiero, le scrivo perchè sono angosciato da quello che il governo (e soci) sta facendo (non sta facendo). A parte le chiacchiere demenziali, come in passato, le uniche iniziative da prendere sono totalmente ignorate. Leggo il libro di M. Giordano (Sanguisughe) e l'angoscia aumenta. Guardo Striscia e la mia angoscia diventa terrore. Palazzi, case, ospedali, strade semidistrutti, abbandonati. Ruberie e menefreghismo che imperano sovrani. Mancano i soldi? Ma qualsiasi imbecille con tre decreti troverebbe i fondi per fare quasi tutto e avanzarne un po’ per abbassare il nostro (loro) megagalattico debito. Poi non parliamo del lavoro, in particolare quello giovanile. Nel cervellino di una buona parte di questi giovani leoni vige la parola d'ordine: “Io sono un fancazzista,ho una laurea e con questa mi devo impiegare. Nel frattempo ce sono papà e mammà”. Perché nessuno ne parla? Mi dia un'idea anche per aiutarmi ad abbassare il livello della mia angoscia. La ringrazio e complimenti, come sempre.

Marco Ferrara

e.mail

Caro Ferrara, innanzitutto provo a tranquillizzarla. Se lei legge un libro il cui titolo è Sanguisughe, ovviamente all’interno non può che trovare un lungo elenco (nel caso specifico molto ben elencato, e chiedo scusa per la ripetizione, e argomentato) di gente che succhia il sangue. Ovvio, lì dentro non può trovare la vita di San Francesco d’Assisi. Analogamente, se lei guarda Striscia la Notizia, che è un programma satirico di denuncia, si imbatterà in una serie di denunce. E le denunce, ovvio anche questo, riguardano casi di malasanità, strade costruite e mai inaugurate, palazzi pubblici abbandonati, sperperi e via discorrendo. Allo stesso modo, quando legge i giornali si imbatterà in episodi non certo edificanti per il semplice fatto che i giornali, se una cosa va bene, se funziona, non ne parlano. In altri termini: si dà per scontato che debba essere così e quindi non si pubblica. Viceversa, si parla di ladri, rapinatori, assassini, tangentari e governi che non funzionano. Tutto normale, si tranquillizzi. E dopo essersi tranquillizzato si preoccupi di nuovo. Ormai è evidente a tutti: qui da noi le sanguisughe abbondano e gli intrallazzi straripano. E pare che nessuno sia intenzionato a fare qualcosa per dare una mano a un Paese disfatto. Mi dispiace, ci avevo provato. Ma vivere tranquilli, senza angoscia, qui da noi, pare non sia possibile.

[email protected]

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    16 Giugno 2013 - 09:09

    ormai siamo una minoranza , dobbiamo chiuderci alle 6 di sera nei nostri appartamenti blindati , altro che angoscia . se avessi potuto me ne sarei andata da questa terra maledetta già 50 anni fa , ma un padre padrone me lo ha vietato . se non lo sa o non lo ricorda , si era maggiorenni a 21 anni , e una donna era una nullità anche se colta e preparata . oggi dico sempre " chi può se ne vada dall'italia , lasciamo i cervelli , come piace ai politicanti dire , qui , tanto cretini sono e malgrado lauree del cavolo , cretini restano .

    Report

    Rispondi

media