Cerca

Una proposta per Renzi: cambi partito

A tu per tu - Mattias Mainiero risponde a Valentino Castriota

2
Una proposta per Renzi: cambi partito
Dottor Mainiero, ci sono due Pd, Renzi e Bersani. Per la matematica: Pd - Pd = nulla. Secondo lei è giusto questo risultato?
Valentino Castriota
Trepuzzi (Lecce)

Non lo so. Forse, matematicamente parlando, potrebbe essere giusto anche un altro risultato: due Pd, Renzi e Bersani, e dunque Pd più Pd uguale doppio Pd. Il suo professore delle medie non la boccerebbe, neppure quello delle elementari o del liceo. Ma la verità è un’altra: siamo nel campo dell’esercizio non matematico ma polemico, e una polemica vale l’altra. Per usare il suo esempio: polemica meno polemica uguale nulla. Oppure: polemica più polemica uguale nulla. Traduzione: il discorso non porta a niente di concreto. La seconda verità è che Renzi è una frana: parla come parla, si presenta in pubblico come si presenta in pubblico e dice molte fesserie: per esempio, che bisogna rottamare gli ultracinquantenni. Tutti, in blocco, ultracinquantenni buoni e pessimi, per lasciare spazio a giovincelli preparati e anche giovincelli teste di cavolo. L’importante è che abbiano i calzoncini corti. Renzi è uno sfasciacarrozze globale: se avesse a che fare con una Ferrari, sfascerebbe anche quella. Meglio ancora se è una Ferrari d’epoca. Come fesseria non c’è male. Il prodigio ha anche avanzato ben cento proposte per il Paese. E tutti sappiamo che per cambiare le cose bastano dieci idee. Le altre novanta servono solo a rovinare le prime dieci. Scendendo nel merito: abolizione delle Province, e mi dica lei chi oggi non le vuole abolire. Fatto questo, Renzi vuole che le Regioni istituiscano enti intermedi. Tutto già scritto nella proposta di modifica della Costituzione fatta dal governo. Altro punto: aggregazione dei piccoli Comuni. Non è una novità. Abolizione dell’Irap: già sentita due o tre milioni di volte. Imposta sui grandi patrimoni: vecchia come il cucco. Non sappiamo se si tratta di imposta ordinaria o straordinaria. Terza verità: Matteo Renzi è una frana e anche un demagogo, con qualche buona idea. Per esempio, liberalizzazioni e privatizzazioni, che sono però proposte tipiche del centrodestra. Dopodiché non si capisce perché Renzi sia iscritto al Pd. Forse solo per permettere a lei di fare la sottrazione Pd meno Pd e di giungere al nulla, che è anche il nostro punto di partenza.
mattias.mainiero@libero-news.eu

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ADM

    25 Novembre 2011 - 12:12

    Non Le piace Esopo???Eppure la favola...mi sembrava Azzeccata! Non si adattava al personaggio in Questione ??? Proseguiamo...col gioco del gatto e del topo? Naturalmente, il topo, sono ...io! Credo, abbia travisato...capita.

    Report

    Rispondi

  • ADM

    25 Novembre 2011 - 11:11

    La rondine diceva alla cornacchia:"Io sono una fanciulla e sono d' Atene, e sono di sangue reale, e sono figlia del re d'Atene", e continuava con la storia di Tereo, e della violenza subita, e del taglio della lingua. "Ti hanno tagliata la lingua", disse la cornacchia, "e hai tanta parlantina! Che cosa mai succederebbe se ce l'avessi?"....I fanfaroni, a forza di parlare a vanvera...si smentiscono da soli !!!

    Report

    Rispondi

media