Cerca

Euro, moneta sul serio unica e molto strana

A tu per tu - Mattias Mainiero risponde a Velibor Baljozovic

4
Euro, moneta sul serio unica e molto strana
Crisi in Europa: la colpa è della famiglia smarrita. 1) Nel 1956 i miei genitori si sono sposati, 2) nel ‘57 e ‘61 siamo nati io e mio fratello, 3) nei successivi vent’anni i miei genitori hanno costruito la propria carriera professionale, 4) nel ‘78 hanno costruito una bella e grande casa. Oggi i giovani fanno tutto il contrario: 4) vogliono subito una casa, 3) vorrebbero costruire una carriera eccellente, 2) desiderano un figlio, 1) alla fine forse si sposeranno.
Velibor Baljozovic
Roma

Vero, caro lettore: il mondo è cambiato e ciò che era giusto 30 o 40 anni fa oggi non lo è più. Sono mutati gli obiettivi, le aspettative, i sogni. I giovani hanno progetti differenti rispetto ai genitori, hanno (non tutti, ovviamente) meno voglia di sacrificarsi, amano giustamente le comodità e non riescono a farne a meno. Una volta ci si sposava e subito dopo si mettevano al mondo i figli. Se non c’erano i soldi, i figli arrivavano ugualmente, poi in qualche modo si sarebbe provveduto. Oggi si tende a convivere e ai figli si pensa solo quando la carriera è avviata, dunque, spesso, non ci si pensa affatto. Tutto verissimo. Non capisco però cosa c’entri questo con la crisi dell’Europa, che non è solo una crisi di valori ma soprattutto una crisi finanziaria. La verità è che l’euro è sul serio una moneta unica, cioè l’unica moneta al mondo che dietro di sé non ha un Paese ma tanti differenti Paesi, ognuno con la sua economia e la sua cultura, la sua lingua, le sue caratteristiche. Ci faccia caso: un po’ per via della crisi, un po’ perché tv e giornali non fanno altro che parlare di questo, oggi noi sappiamo tutto sul Pil italiano e il Pil tedesco o francese o spagnolo. Se però andiamo in giro a chiedere qual è il Pil globale europeo quasi nessuno riuscirà a risponderci. Una volta si diceva dracma, e tutto il mondo pensava alla Grecia. Dicevamo marco ed ecco la Germania. Il franco era francese o svizzero, la lira italiana. Giusto, perché la moneta non è solo un mezzo di scambio: è la storia di un Paese. Oggi diciamo euro e non sappiamo neppure con precisione quali sono i Paesi che hanno adottato l’euro, strana moneta che alle sue spalle non ha un governo e neppure una banca centrale che sia sul serio una banca centrale. E una moneta così di fatto è diventata, una trappola per tutti i Paesi europei, anche senza il concorso delle famiglie che non sono più famiglie e dei giovani che non sono disposti a sacrificarsi.
mattias.mainiero@libero-news.eu

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ADM

    24 Novembre 2011 - 14:02

    ...se voglio ...parlare... con il mio... fantasma!! Sono... siamo... arrivati... alle comiche...Non crede ? C'è un mezzo più serio... per comunicare... ma viene ...disatteso... e non considerato... accettabile. Pazienza...alla faccia... di chi ride ...di gusto !!Ed ,io, dico, chi se ne frega...Contento ????....non, Lei, ovviamente...ma a chi è rivolto, il mio pensiero...Per oggi... chiudo ! Grazie.

    Report

    Rispondi

  • ADM

    24 Novembre 2011 - 14:02

    E... meno male... che nonostante...fantasma...in qualche modo...ansima... Prima della frutta...c'è il dolce... Mi aspettano ancora ...alcuni ...momenti...di follia ...insperata... Che devo dire...ancora... grazie... al mio fantasmino ? Lo sa... mi accontento...Non mi è concesso...altro!!! Nell'attesa... del meglio...se mai ci sarà ! Ma, dicono...chi s'accontenta...gode. Sarà !!!

    Report

    Rispondi

  • ADM

    24 Novembre 2011 - 12:12

    ...carissimo, rifiuta....anche un commento... Sono arrivata oltre la frutta.... Grazie!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media