Cerca

Attenti: la Casta potrebbe farsi un altro regalo

A tu per tu - Mattias Mainiero risponde a Lamberto Micheli

2
Attenti: la Casta potrebbe farsi un altro regalo
Egregio Dottor Mainiero, cosa ne pensa se i nostri politici venissero remunerati esclusivamente con un gettone di presenza? Si otterrebbe un duplice scopo: 1) si ridurrebbero gli oneri della casta; 2) si penalizzerebbero, come meritano, i fannulloni. La proposta mi sembra talmente ovvia che probabilmente è ingenua o irrealizzabile.
Lamberto Micheli
e.mail

La proposta è giusta, ma, come dice lei, irrealizzabile. Per un motivo semplicissimo: a tradurla in pratica dovrebbero essere i parlamentari stessi o, se preferisce, i rappresentanti della casta. E la casta, caro mio, ha abbondantemente dimostrato che da quest’orecchio non ci sente. Sordità totale. Cascasse il mondo (e ci siamo andati abbastanza vicino), loro non hanno alcuna intenzione di ridursi emolumenti, privilegi, benefit, agevolazioni, prebende e vitalizi. Da questo punto di vista, sono insuperabili. Breve cronistoria. Avevano solennemente promesso: ridurremo il numero delle Province. Per un motivo o per l’altro, le Province stanno ancora lì, e a occhio e croce, sia pure sotto mentite spoglie, ci rimarranno per gli anni a venire. Dovevano tagliare i seggi e gli stipendi dei consigli regionali. Mai fatto. Dovevano ridurre il numero delle auto blu. Chi abita a Roma sa benissimo che le auto blu sono sul serio diminuite e quasi scomparse. Sono diventate auto grigie, onnipresenti, numerosissime e strombazzanti come le auto una volta blu. Ricorda? Era l’estate del 2008. Fu un coro: «Entro pochi mesi gli enti inutili saranno soppressi». Una promessa datata anni, decenni. Poi venne l’estate del 2009: «Elimineremo trentaquattromila enti inutili». Venne anche l’estate del 2010 assieme a quella del 2011. Fra poco arriverà quella del 2012. E nel 2013 staremo ancora a discutere di enti inutili. Avevano anche promesso che avrebbero messo mano ai vitalizi. Come se non l’avessero mai promesso. E naturalmente potremmo continuare, elencando i costi della Camera e del Senato, delle immortali Province, dei Comuni e delle Comunità montane. Un elenco sterminato, al quale, se vuole, possiamo aggiungere anche il gettone. Con un rischio: se dovessimo insistere troppo, gli intoccabili signori del Palazzo potrebbero anche adottare l’idea, forse addirittura con grande gioia. Sommando il gettone di presenza a tutto il resto.
mattias.mainiero@libero-news.eu

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    04 Dicembre 2011 - 11:11

    di ridurre i costi della politica è di fare piazza pulita (leggi eliminazione fisica) io sono d'accordissimo , anzi datemi un segnale.. d'accordo è un'esagerazione ma siamo o no 40.000 volte superiori come numero? possibile che non sappiamo fare un referendum o una rivolta diretta contro le sedi dei partiti? è lì che si gioca la partita.. bloccare gli ingressi alle sedi di partito è poca cosa ma serve a far capire che aria tira.. da tutte le parti.. leggo che in Russia di parlamentari ne avranno giaà ammazzati una ventina.. là non vanno tanto per il sottile.... e' ora di dire basta se l'autoriduzione la lasciamo fare a loro forse la vedremo neanche nell'anno 10.000!! PUBBLICATE PER FAVORE . DEVONO SAPERE CHE SE NON SI AUTORIDUCONO LO STUPENDIO E I VITALIZI NON CI SARANNO PIU' ELEZIONI. I RAPPRESENTANTI LI SCEGLIEREMO IN UN ALTRO MODO :PER TITOLI ED ESAMI.

    Report

    Rispondi

  • ADM

    22 Novembre 2011 - 09:09

    ...intanto, gli italiani...attendono ancora le nuove regole riguardanti... la Casta...che mai vedranno la luce !!! E...pensare che quasi quasi...ci eravamo cascati !Che illusi...crediamo ancora alle fiabe della politica. O, mi è sfuggito qualcosa ?

    Report

    Rispondi

media